• Quotidiano di informazione
  • mercoledì 25 novembre 2020

Tentano di rapire un imprenditore ligure per poi chiedere il riscatto alla famiglia. In manette sei spacciatori a Varazze

 


 


Una banda di spacciatori di droga ha tentato di sequestrare un imprenditore genovese per chiedere un riscatto alla famiglia ma il colpo è stato sventato dalla Polizia. L’operazione si è conclusa con l’arresto di sei persone.  Secondo quanto ricostruito l’ imprenditore è stato invitato in un albergo di Varazze (Savona) e quando è arrivato hanno tentato di rapirlo. La polizia teneva il gruppo sotto controllo con intercettazioni telefoniche. Le indagini sono affidate al sostituto procuratore Annamaria Paolucci della Procura distrettuale di Genova. La notizia è stata illustrata in una conferenza stampa dal procuratore capo di Savona Ubaldo Pelosi, dal Questore Giannina Roatta e dalla dirigente della Squadra Mobile Rosalba Garello. "Si tratta di una indagine partita alcuni mesi fa, legata al traffico di droga. In seguito, dalle intercettazioni, è emersa la volontà di un sequestro di persona a scopo di estorsione, che ci ha imposto di intervenire in maniera tempestiva", ha detto il procuratore Pelosi. "Sono state sequestrate armi e droga, inoltre dai primi interrogatori in corso in Procura ci sono state già le prime ammissioni da parte degli arrestati. Considerato il tentativo di sequestro a scopo di estorsione è stato aperto un procedimento parallelo presso la Direzione Distrettuale Antimafia di Genova". La vittima del tentativo di sequestro è un imprenditore di 40 anni del settore del catering che è stato attirato in un tranello dalla banda con la scusa della preparazione di un ricevimento importante il prossimo marzo. Per proteggere l’uomo, la polizia lo ha fermato in autostrada e ha mandato all’appuntamento un poliziotto in borghese. "Avevano già preso contatto con l’imprenditore, attirandolo con la scusa di voler organizzare un ricevimento. A quel punto abbiamo deciso di agire per interrompere i loro piani" ha spiegato la dirigente della Squadra Mobile Rosalba Garello. "In primis abbiamo posto in sicurezza l’imprenditore (con la scusa di un banale controllo per il Covid…), così al secondo appuntamento in albergo lo abbiamo sostituito con un nostro poliziotto: non appena hanno aperto la porta della stanza d’albergo abbiamo fatto scattare il blitz con il fermo di tutti i membri dell’associazione criminale. Alcuni hanno tentato di nascondersi, altri due erano nella reception, due donne sono state bloccate una sul terrazzo, perchè aveva compiti di osservazione dall’alto, la seconda fuori dall’hotel". Le sei persone arrestate sono quattro uomini e due donne tra i 25 e i 43 anni residenti in Piemonte e in Lombardia. Si tratta, secondo quanto si apprende in ambienti investigativi, di Davide Termine 25 anni, nato in provincia di Bari e residente a Torino, di Davide Girlanda, 35 anni, nato e residente in provincia di Torino, Claudio Isosceli, 43 anni, nato e residente a Torino, Bruno Pavese, 41 anni, nato ad Alessandria e residente in provincia di Asti, Samantha Pluchino, 25 anni, nata in provincia di Cuneo e residente a Varazze, e Viviana Amoretti, 28 anni, nata e residente in provincia di Pavia. 


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK