• Quotidiano di informazione
  • sabato 15 agosto 2020

Nessun risarcimento dalle Assicurazioni per medici di famiglia e farmacisti vittime del Covid

 


Nessun risarcimento per medici di famiglia e farmacisti vittime del Covid-19. Chi lavora in ospedale, invece, riceverà un indennizzo, perché coperto dall’Inail e i danni dal virus sono considerati infortuni sul lavoro.


A sollevare il caso è stato il Corriere della Sera: per diversi operatori sanitari le varie compagnie assicurative ritengono – a differenza di quanto fa l’Inail – che il contagio non possa essere trattato come un infortunio sul lavoro.


Il caso, sollevato riguarda diversi operatori sanitari, come dentisti o tecnici, che pagano volontariamente polizze annuali. Nei loro confronti, le compagnie ritengono che il contagio, a differenza di quanto valuta l’Inail, non possa essere considerato un infortunio sul lavoro. Di conseguenza, non vogliono coprire i danni o risarcire i parenti dei medici eventualmente morti durante la pandemia. 


 


Per questo motivo, alcuni famiglie delle vittime stanno pensando di rivolgersi ai tribunali per far valere i loro diritti. 


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK