• Quotidiano di informazione
  • domenica 29 novembre 2020

Recovery Fund, l’Ue si prepara ad andare avanti anche senza i Paesi ribelli

 


 


"No, non siamo in ritardo" sui tempi del Recovery fund. "Ci auguriamo che il veto di Ungheria e Polonia sia superato.  Siamo nei tempi indicati e credo che i tempi saranno rispettati". Così il presidente del Parlamento europeo David Sassoli alla trasmissione Restart su Rai2.   "L’Ue può avanzare senza i Paesi che bloccano". E’ stata la Francia, per bocca del segretario di Stato agli Affari europei Clement Beaune, a vibrare apertamente la minaccia che a Bruxelles si va sussurrando da un paio di giorni. "Una variante nucleare che nessuno vuole", ma che come tutte le altre opzioni resta sul tavolo se le ribelli Ungheria e Polonia non si convinceranno ad accettare la clausola sullo stato di diritto e a revocare il veto sul bilancio europeo e il Recovery Fund, ha chiarito il premier olandese Mark Rutte. La formula sarebbe quella dell’accordo intergovernativo, una strada lunga e tortuosa, con implicazioni politiche e pratiche molto pesanti, da imboccare solo se non si riuscirà a trovare altre vie d’uscita. E non certo una novità.


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK