• Quotidiano di informazione
  • domenica 20 settembre 2020

Federpetroli, il disastro di Beirut ha compromesso l’export italiano

 


“Con il porto di Beirut devastato, gran parte dell’export italiano derivato dalla raffinazione con destinazione Libano sarà compromesso, con forti perdite”. Lo dichiara il presidente di Federpetroli Italia, Michele Marsiglia. “Diverse raffinerie italiane- aggiunge- fanno partire petroliere con destinazione Beirut. Il Libano è un Paese che ha sempre rappresentato un mercato proficuo per l’oil & gas italiano. Parliamo non solo di raffinazione ma siamo in gara per diversi asset nell’offshore a largo di Beirut. Con la chiusura del porto, lo scalo di Tripoli più a nord non sarà una sostituzione ottimale per lo scarico e la logistica dei prodotti”.  Infine, in merito ad una possibile inchiesta internazionale per accertare le cause dell’accaduto, il presidente di Federpetroli Italia si dice contrario “riteniamo che la verità la debbano trovare i libanesi e non Paesi esterni, con l’intrusione di altri rischiamo di far diventare il Libano una seconda Libia con la Turchia che è già pronta a tendere la mano, come dimostrato con la disponibilità del porto di Mersin”.


 
Notizia precedente

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK