• Quotidiano di informazione
  • venerdì 30 ottobre 2020

L’aria aperta ha fatto breccia per il turismo degli italiani

 


 Il 70,5% degli italiani nel 2020 ha scelto le vacanze all’aria aperta, il 26,6% in più rispetto al 2019. Il tasso di occupazione delle strutture del turismo outdoor è di +6 punti percentuali rispetto all’offerta ricettiva italiana e l’indice di fiducia è di 85 punti su 100 nei servizi offerti dalle strutture del segmento. Sono i numeri chiave rilevati dalla quarta edizione dell’Osservatorio del Turismo Outdoor a firma Human Company.


Frutto di un’analisi di circa 2.000 strutture in Italia (18,5% villaggi e 81,5% campeggi) per un totale di oltre 130mila contenuti online (come recensioni, giudizi, commenti, punteggi) raccolti dal primo gennaio al 31 agosto 2020, il report traccia un bilancio del turismo open air nella prima stagione segnata dal coronavirus. Lo studio conferma la crescita registrata negli ultimi anni dal comparto dell’ospitalità all’aria aperta, nonostante le difficoltà del turismo in tempi di pandemia.


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK