• Quotidiano di informazione
  • lunedì 21 settembre 2020

Bielorussia, ancora una retata di oppositori, finiscono in carcere in 700

  


Almeno 700 persone sono state arrestate a Minsk da poliziotti in assetto da guerra durante l’ennesima domenica di manifestazioni di protesta contro la rielezione di Alexander Lukashenko.


Decine di migliaia di persone sono scese per le strade della capitale della Bielorussia alla vigilia dell’incontro tra il presidente e Vladimir Putin a Mosca e al culmine di una settimana nera per l’opposizione con gli arresti di diverse figure di primo piano.


Ancora una volta la repressione della polizia bielorussa è stata dura. Video pubblicati sul sito Tut.by mostrano agenti - alcuni in abiti borghesi ma con il volto coperto da passamontagna, altri in tenuta mimetica e giubbotto antiproiettile - che afferrano giovani manifestanti per la felpa e li sbattono a terra o li prendono a pugni prima di arrestarli.   


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK