• Quotidiano di informazione
  • venerdì 22 gennaio 2021

Pennsylvania, Trump incassa un nuovo no ai suoi ricorsi, ma il Presidente in carica non s’arrende: “Alla Corte Suprema”

 


"Alla Corte Suprema!". La campagna di Donald Trump non demorde dopo che è stato respinto in appello il ricorso in Pennsylvania, dove in settimana è stato certificato l’esito del voto, con la vittoria di Joe Biden. Il verdetto conferma quello del tribunale di primo grado. Ma Jenna Ellis, consulente legale della campagna del tycoon, non molla e su Twitter ha accusato i giudici e denunciato una "continua copertura delle accuse di frodi diffuse", promettendo di portare il caso alla Corte Suprema. "Definire un’elezione scorretta non la rende tale", è stata la conclusione del giudice Stephanos Bibas, nominato da Trump nel 2017, di fronte alle denunce di brogli elettorali, accuse "senza fondamento". "Le critiche - ha scritto - richiedono accuse specifiche e poi prove. E qui non abbiamo né le une né le altre".


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK