• Quotidiano di informazione
  • martedì 7 luglio 2020

Cina contro India: “Deliberata provocazione al confine himalaiano”

 


 


La Cina ha accusato oggi l’India di una “deliberata provocazione” al confine himalayano, dove nei giorni scorsi c’è stato un duro scontro tra le forze dei due giganti asiatici nel quale sono morti almeno 20 soldati indiani. Lo riferisce la BBC Il portavoce del ministero degli Esteri di Pechino Zhao Lijian ha detto che sono state le truppe di Nuova Delhi ad aver attraversato la Linea di attuale controllo per attaccare, innescando così “duri conflitti fisici”.


Nello scontro non ci sarebbero stati colpi d’arma da fuoco e la stessa BBC ha avuto immagini che mostrano le probabili armi utilizzate dai cinesi: mazze chiodate.


Ieri il premier indiano Narendra Modi ha ribadito che l’India difenderà il suo confne con la forza militare, se necesario.


I fatti sono avvenuti nella Valle di Galwan, un pezzo di Kashmir conteso tra Cina e India.


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK