• Quotidiano di informazione
  • martedì 11 agosto 2020

Patrick Zaki resta in carcere. Per lo studente la giustizia egiziana è un optional

 


 La custodia cautelare in carcere è stata aumentata di 45 giorni per Patrick Zaki, lo studente egiziano dell’università di Bologna, accusato dalle autorità del Cairo di “propaganda sovversiva”. Lo ha ha deciso un giudice in Egitto. La notizia è riportata da alcuni media. Ora, dopo il caso del nostro Giulio Regeni, il Governo Conte dovrà prendersi qualche responsabilità in più e magari prendere iniziative diplomatiche assolutamente più incisive nei confronti di una Paese che nega da mesi all’Italia i suoi giusti diritti su quanto accaduto a Regeni ed al cittadino egiziano e studente in Italia tutte le necessarie prerogative di una democrazia in un caso di giustizia.


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK