• Quotidiano di informazione
  • sabato 31 ottobre 2020

Trump a ruota libera e senza freni contro il suo avversario Biden: “La sua famiglia impresa criminale, arrestateli”

 


Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a ruota libera nel corso di una kermesse elettorale contro lo sfidante Biden. Senza freni inibitori e rispetto per il suo avversario, lo ha accusato , insieme a suo figlio Hunter Biden di fare parte di una “famiglia criminale” durante un discorso pronunciato davanti ai suoi elettori a Macon, in Georgia.


“E’ un’impresa criminale, una delle più corrotte della storia americana”, ha detto Trump, spiegando che “Hunter non ha guadagnato soldi finché suo padre non è diventato vicepresidente”. Poi, facendo riferimento alle e-mail che sarebbero state recuperate illegalmente da un computer appartenente ad Hunter Biden, di cui ha riferito il New York Post, il presidente uscente ha commentato: “E’ il più grande scandalo politico” della storia statunitense, “dopo l’attività di spionaggio sulla mia campagna elettorale orchestrata da Obama”.


A questo punto, Trump ha dato il via a un coro dei suoi sostenitori, “Arrestateli!”, affermando: “Concordo con voi al 100%”.


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK