• Quotidiano di informazione
  • lunedì 21 settembre 2020

La Cisl, con Masucci, chiede il potenziamento del Porto di Civitavecchia

“La firma del protocollo di intesa tra Cassa Depositi e Prestiti e l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale getta le basi per proseguire l’iter di potenziamento infrastrutturale e commerciale del network laziale dei porti”. E’ quanto dichiara il Segretario Generale della Fit-Cisl del Lazio, Marino Masucci, aggiungendo che “da tempo sottolineiamo la necessità di sviluppare la vocazione commerciale del porto di Civitavecchia, il cui core business è al momento la crocieristica.


Si può utilizzare il momento di emergenza causato dal Covid come un’opportunità per ripensare il sistema di movimentazione delle merci, efficientare le connessioni logistiche, sviluppare nuove tecnologie: la stessa collocazione del porto al centro dell’Italia e del Mediterraneo, la sua vicinanza alla Capitale, la sua collocazione in una regione che ha nell’export il suo fattore trainante, rendono l’hub un potenziale volano per il tessuto economico di tutto il territorio”. 


“Al contempo – conclude il sindacalista – accogliamo con favore il fatto che l’accordo sia orientato al rafforzamento della sinergia tra gli scali di Civitavecchia, Gaeta e Fiumicino, che facendo rete aumenterebbero la competitività regionale e nazionale rispetto al contesto globale. L’auspicio è che si prosegua sulla strada del potenziamento infrastrutturale, intermodale e di rete”.


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK