Noleggio a breve termine: una crescita sempre più importante

I dati Aniasa – Associazione Italiana Industria dell’Autonoleggio e Servizi Automobilistici – relativamente al settore del noleggio a breve termine parlano di numeri positivi e confermano un sentiment di crescita per l’idea del noleggio. Un contributo ai volumi di crescita è arrivato probabilmente anche dalla flessione dei prezzi medi, che hanno reso più conveniente la scelta del noleggio. Si parla di una flessione media dei prezzi del 3,6% che hanno portato, sempre mediamente, a un costo giornaliero di 34,8 euro. E un contributo forse anche più importante è arrivato dall’incremento (+2,8%, per una fetta di mercato del 37%) del canale degli “intermediari” – ovvero, per esempio, tour operator, broker, le agenzie di viaggio online, che hanno aiutato i privati a individuare facilmente punti di noleggio, un business che per il 65% deriva dalle zone aeroportuali, mentre il 35% si colloca nelle città. Il business del rent a car ha nutrito anche quello delle vendite dei veicoli utilizzati nelle flotte noleggio: nel 2017, infatti, sono stati venduti dalle società di noleggio a breve termine circa 157mila automobili usate, mediamente dopo 9 mesi di utilizzo (erano 6,7 mesi nel 2016).


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*
Meteo
Borsa
Camera dei Deputati
Guida TV