Italia-Ucraina finisce 1-1

L’Italia non riesce più a vincere: sono 4 mesi e mezzo che gli azzurri non riescono a vincere una partita (2-1 all’Arabia Saudita) e l’amichevole tra Italia e Ucraina giocata ieri sera allo stadio Marassi di Genova è terminata 1-1. Gli azzurri dominano nel primo tempo però non trovano il gol anche grazie alle ottime parate di Pyatov. Nella ripresa, al 55’, Bernardeschi realizza il vantaggio dalla distanza ma la nazionale di Shevchenko trova presto il pari con Malinovskyi, bravo a girare in rete di sinistro (62’). Contro l’Ucraina gli azzurri partono anche bene, con un primo tempo fluido e ricco di occasioni sprecate. Il 4-3-3 scelto in avvio si muove con armonia, Insigne da falso 9 non dà riferimenti e i due esterni (Bernardeschi e Chiesa) sono bravi ad andare in verticale scambiandosi poi la posizione. Jorginho organizza la manovra, Barella acquista piano piano fiducia mentre manca un po’ di spinta dai terzini. Nel complesso si vede dunque una buona Italia, capace di creare cinque nitide chance per il vantaggio che però bisognerebbe concretizzare con maggiore freddezza. A rompere l’equilibrio ci pensa l’uomo più in palla del momento, Federico Bernardeschi, che beffa Pyatov con il mancino in avvio di ripresa (55’) un istante prima di cedere il posto a Immobile. Gli azzurri, una volta in vantaggio, diminuiscono però l’intensità e l’Ucraina viene fuori con prepotenza. Yaremchuk spaventa Donnarumma al 62’ ed è il preludio al pareggio di qualche secondo più tardi, quando Malinovskyi gira al volo di sinistro trovando l’angolino. E non è finita, perché al 71’ gli uomini di Shevchenko hanno nuovamente con Malinovskyi l’opportunità del bis, ma la fucilata del centrocampista si stampa sulla traversa evitandoci una sconfitta che sarebbe stata particolarmente grave.


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*
Meteo
Borsa
Camera dei Deputati
Guida TV