Congedo di maternità: novità in arrivo

Cambiamenti in vista relativamente al congedo per le neomamme lavoratrici. Si prevede lo schema definito come “maternità agile” in base al quale le lavoratrici potranno scegliere di lavorare fino al parto e godere dei cinque mesi di maternità direttamente dopo la nascita del bambino, a condizione che ci sia il benestare del medico. La norma si pone come alternativa a quanto previsto dall’attuale congedo maternità che vieta alle neomamme di lavorare durante i due mesi precedenti la data presunta del parto, durante i tre mesi dopo il parto e durante i giorni non goduti prima del parto, qualora il parto avvenga in data anticipata rispetto a quella presunta. Altra misura a sostegno della maternità prevede poi l’aumento del bonus asili nido, da 1.000 a 1.500 euro annui e viene esteso fino al 2021 il bonus per l’iscrizione agli asili nido pubblici o privati. A partire dal 2022 il bonus sarà determinato, nel rispetto del limite di spesa programmato e comunque per un importo non inferiore a 1.000 euro su base annua con DPCM da adottare entro il 30 settembre 2021 alla luce del monitoraggio previsto per la misura. Nel 2019 i papà avranno poi diritto a 5 giorni di congedo per la nascita dei figli. La commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento al DDL bilancio che proroga al prossimo anno la misura e aggiunge un giorno, rispetto al 2018. Il nuovo sistema viene proposto come ’alternativa’ all’attuale.


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*
Meteo
Borsa
Camera dei Deputati
Guida TV