• Quotidiano di informazione
  • lunedì 21 settembre 2020

Di Maio: "Non possiamo accettare ricatti sui pescatori fermati in Libia"

 


 “Non accettiamo ricatti sui nostri connazionali, devono tornare a casa, e ho detto a tutti che dobbiamo essere pienamente coordinati perché questo lavoro va fatto con molta attenzione”, ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a Radio24 parlando del caso dei 18 pescatori italiani in stato di fermo in Libia.


“Ieri mattina ho avuto una call conference con il sindaco di Mazara del Vallo, con le famiglie dei pescatori e gli armatori, gli ho detto che stiamo lavorando come governo per sentire tutti gli attori internazionali che hanno un’influenza sul generale Haftar per ottenere il rilascio”, ha spiegato Di Maio aggiungendo di aver già parlato con gli omologhi di Emirati arabi e Russia.


I pescatori “non sono in prigione ma in stato di fermo, ci informiamo del loro stato di salute ogni giorno e presto convocheremo un vertice di governo sul tema – ha aggiunto – stiamo lavorando anche con un basso profilo per ottenere risultati”.


 


 


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK