• Quotidiano di informazione
  • martedì 11 agosto 2020

Mattarella e la strage di Bologna: “Dolore, memoria e verità piena”

 


“Partecipare al dolore, ripetere il dovere della memoria e ribadire l’impegno per la verità”. E’ questo il senso della visita del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alla stazione dei treni di Bologna, dove ha incontrato i familiari delle 85 vittime e dei feriti dell’attentato del 2 agosto 1980.


“La mia presenza qui ha questo significato – ha detto Mattarella -: partecipazione al dolore che rimane per quanto è avvenuto; solidarietà della Repubblica a questo dolore; dovere del ricordo e della memoria perché non si smarrisca mai la consapevolezza di quanto è avvenuto e della gravità di quanto è avvenuto e di quanto va impedito per il futuro”. E poi “ribadire l’esortazione e sollecitazione a sviluppare ogni impegno per la verità, con ogni elemento documentale o non documentale che possa contribuire a raggiungere pienamente la verità”.


“Dolore, ricordo e verità piena – ha aggiunto il capo dello Stato-. Sono queste le sollecitazioni che raccolgo e che esprimo e che vogliono segnare per solidarietà nei vostri confronti e nei confronti di Bologna, città ferita e che non dimentica questa ferita, che ha reagito in maniera esemplare a quel che è avvenuto”.


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK