• Quotidiano di informazione
  • domenica 20 settembre 2020

Salvini:“Nel 2021 si andrà a votare. Non ce la faranno a resistere fino al 2022”

 


“Nel 2021 si andrà a votare, scommette? So che loro vogliono attendere il 2022 per eleggere il successore di Mattarella, ma non ce la faranno, è impensabile tenere sotto sequestro gli italiani fino a fine legislatura senza peraltro fare nulla”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini in una intervista a ‘Libero’, a un anno dalla caduta del primo governo Conte. 


“Rifarei tutto – assicura – l’errore non l’ho fatto io ma chi ha impedito all’Italia di andare al voto” e “quest’anno nel quale il governo giallorosso è stato inconcludente e disastroso sotto tutti i punti di vista è la riprova che avevo ragione io, con i grillini non si va da nessuna parte, e tantomeno con il Pd o Renzi”. 


Oggi, accusa, “ho la sensazione che questi reiterati allarmi siano figli di una strategia studiata scientificamente a tavolino per guadagnare sulla pelle degli italiani; al governo l’emergenza serve per coprire la propria inconcludenza e restare in piedi senza confrontarsi con la vita vera, ad altri per fare i propri affari indisturbati; altrimenti non si spiegherebbe questo terrorismo comunicativo”. 


Però, per Salvini, il governo cadrà. Lo faranno cadere “gli italiani. Non si può scappare all’infinito. In autunno milioni di persone realizzeranno che i soldi dall’Europa non arrivano e quelli in banca finiscono. Per di più ci sono le scadenze fiscali, sulle quali il governo non molla la presa, e dodici milioni di cartelle esattoriali in arrivo”. 


I sondaggi, però, lo danno in discesa. “Il sondaggio vero – assicura – ci sarà a settembre, e lì si avrà la conferma che le cose non sono cambiate: la Lega sarà ancora di gran lunga il primo partito”. Per quanto riguarda la crescita di Fdi, garantisce, “la competizione interna mi piace, fa bene al centrodestra. Sono contento se Giorgia sale e mi auguro lo faccia anche Forza Italia. Mi sembra che il nostro schieramento sia ormai al 50%, un abisso rispetto al Pd o a M5S”. Dunque la leadership del centrodestra è contendibile? “Dipende tutto dagli elettori. I numeri che vedo mi rassicurano. Fratelli d’Italia sta incalzando Pd e M5S, non la Lega. Vorrei ricordare che sono partito dal 3% e ho portato la Lega davanti a tutti”.


 


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK