• Quotidiano di informazione
  • martedì 4 agosto 2020

Torre Maura, la Procura di Roma indaga per odio razziale contro i rom

Gli inquirenti della Procura di Roma hanno avviato accertamenti in merito agli scontri avvenuti nella tarda serata di martedì nella zona di Torre Maura dove circa 200 abitanti della zona, insieme con militanti di Casapound, hanno protestato contro il trasferimento di alcuni Rom in un centro di accoglienza. I magistrati di piazzale Clodio sono in attesa di una informativa dalle forze dell’ordine. I reati ipotizzati, al momento, sono di danneggiamento e minacce aggravate dall’odio razziale.

“Sono intervenuta per evitare che la situazione degenerasse. Non possiamo cedere all’odio razziale, contro chi continua a fomentare questo clima e continua a parlare alla pancia delle persone e mi riferisco prevalentemente a CasaPound e Forza Nuova” ha spiegato la sindaca di Roma Virginia Raggi a margine di una presentazione di una mostra in Campidoglio. Tutto è cominciato quando è esplosa la guerriglia urbana a Torre Maura, periferia Est di Roma, a ridosso del Grande Raccordo Anulare, contro l’arrivo di circa 75 rom che il Comune aveva destinato al centro “Savi” in via dei Codirossoni.Il trasferimento dei nomadi, provenienti da via G. Toraldo a Torre Nova, è iniziato verso le 15.50: diversi residenti del quartiere di Torre Maura hanno però iniziato a manifestare in strada chiedendo alla Polizia municipale di sospendere le operazioni. Inizialmente una trentina, con il passare delle ore sono diventati circa 300, controllate dal Reparto mobile della polizia.

La protesta si è fatta anche più violenta: qualcuno ha scaraventato dei cassonetti della spazzatura in mezzo alla strada, tre dei quali sono stati dati alle fiamme, poi spente dai vigili del fuoco.Verso le 20 sul posto è arrivato anche un gruppo di manifestanti di CasaPound. Le contestazioni e i momenti di tensione sono proseguite per tutta la serata: incendiata anche una Skoda Fabia e parzialmente incendiato un camper che sostava vicino all’auto.La situazione si è tranquillizzata nella notte, quando in un vertice notturno nella sede del Municipio VI (con il capo di gabinetto della sindaca Raggi Stefano Castiglione e il presidente del Municipio Roberto Romanella) si è deciso di sospendere il trasferimento dei rom.
 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK