• Quotidiano di informazione
  • venerdì 3 aprile 2020

Scuole, il Consiglio di Stato dice sì ai pasti portati da casa

Il Consiglio di Stato ha dichiarato illegittimo il provvedimento con cui una scuola di Torino, l’Istituto Tommaseo, aveva di fatto escluso dal refettorio i bambini che pranzavano con un pasto confezionato a casa. I giudici amministrativi hanno accolto l’istanza cautelare di alcune famiglie. La direzione scolastica dovrà ora mettere a punto un nuovo provvedimento e tener nel giusto conto quanto deliberato dai giudici.  Nello specifico il Consiglio di Stato ha indicato che l’Istituto scolastico dovrà riprovvedere "valutando in concreto ogni possibile soluzione organizzativa al fine di acconsentire al consumo del pasto da casa da parte dei richiedenti". I bambini, come hanno spiegato le famiglie assistite dagli avvocati Giorgio e Riccardo Vecchione, erano costretti a restare in classe o ad allontanarsi da scuola. I giudici hanno preso atto che la Tommaseo ha documentato delle "difficoltà organizzative" ma hanno sottolineato che il suo provvedimento "trascura di prendere in considerazione l’eventualita’ di ricavare altri spazi per il consumo da casa" perché si tratta solo di "distribuire diversamente lo spazio, se nel caso e ove concretamente possibile, dello stesso locale adibito attualmente a refettorio".


 


 


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK