• Quotidiano di informazione
  • venerdì 22 gennaio 2021

Speranza e la pandemia: "La situazione in Italia sta peggiorando"

Il ministro della Salute Speranza: “Non vanno sottovalutati i dati della cabina di regia. Aumentano focolai, indice Rt e ingressi nelle terapie intensive”


 


“In Italia non facciamoci portare fuori pista dal fatto che ora abbiamo un numero di casi leggermente più basso rispetto ad alcuni grandi paesi europei: i dati del monitoraggio della cabina di regia sono molto chiari e non vanno sottovalutati”. In particolare, in Italia in questa settimana “si assiste a un peggioramento generale della situazione: aumentano l’indice Rt, l’incidenza delle terapie intensive e i focolai di origine sconosciuta”. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, facendo il punto alla Camera sull’emergenza sanitaria in corso. Speranza, nell’annunciare che il Governo ha intenzione di prorogare lo stato di emergenza al 30 aprile, ha spiegato che nel prossimo Dpcm è intenzione del governo “confermare il divieto di spostamento tra regioni, anche in area gialla, ridurre gli assembramenti con la limitazione dell’asporto per bar dalle 18, confermare il limite di ricevere a casa massimo 2 persone non conviventi. Saranno quindi messe in area arancione tutte le regioni a rischio alto”. Speranza ha confermato l’intenzione del governo di stabilire una quarta area bianca laddove i parametri dell’epidemia lo permettano, ma ha anche specificato che al momento nessuna regione si avvicina a quei parametri. “In area gialla – ha poi annunciato – si riapriranno i musei come luogo simbolico della cultura del paese”.


 


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK