• Quotidiano di informazione
  • venerdì 22 gennaio 2021

Fassina(SxR) polemico: "Raggi trovi il tempo per parlamentari romani"

 


“Quando è in gioco il destino della nostra Capitale bisogna essere costruttivi, però non siamo a 4 mesi dall’avvio della consiliatura ma a quattro mesi dalla sua chiusura. Siamo in campagna elettorale, ci sono diversi candidati sindaco tra cui Raggi ricandidata. Non è la fase ideale per costruire convergenze perché in campagna elettorale si compete. Tuttavia ci dobbiamo provare”. Lo ha detto il consigliere di Sinistra per Roma e parlamentare LeU Stefano Fassina intervenendo in Assemblea Capitolina dove si è discussa una mozione bipartisan, a prima firma del presidente M5S dell’Assemblea capitolina Marcello De Vito, che chiede più fondi e più poteri per Roma. “Nell’ultimo anno e mezzo ci sono stati importanti iniziative trasversali per la Capitale, non ultima l’istruzione di un Osservatorio parlamentare per Roma, composto da parlamentari di tutti i partiti, un fatto politico mai capitato – ha ricordato Fassina -. L’Osservatorio ha cercato un rapporto politico con la sindaca ma non per metterla in difficoltà: per provare a portare avanti gli obiettivi che oggi vengono ricordati. La sindaca, però, ha avuto un’agenda così affollata che non ha trovato il modo di incontrare i parlamentari. Sarebbe stata una buona occasione per presentare emendamenti alla Legge di Bilancio, o per non fare in solitaria le proposte che sono poi finite nel Recovery plan” “Il programma che mi ha portato in Campidoglio con Sinistra per Roma recava tra i suoi punti l’apertura di una fase costituente per la Capitale. Presentai alla Camera una proposta di legge nella scorsa legislatura sul nodo poteri-risorse-assetto istituzionale – ha aggiunto Fassina -. Sono sicuro delle buone intenzioni di Raggi e De Vito ma ho paura che, dopo l’approvazione pure con grande retorica della mozione, l’impegno sarà più diradato. Invece dobbiamo lavorare, con senso di realtà, in un tavolo comune che, nei prossimi 4 mesi non può ottenere nulla ma porre alle forze politiche romane un’agenda, da condividere con le forze economiche e sociali della Capitale, a partire dalla trasformazione dei Municipi in Comuni metropolitani, lavorando sullo Statuto attuale che non richiede l’intervento del Governo. Sarebbe utile, in questo senso, che la sindaca convocasse i Parlamentari romani e ponesse loro gli stessi obiettivi che ha portato in Assemblea perché se li sono già posti. Sarebbe importante, infine, che tutti i candidati sindaco sottoscrivessero questi impegni per la Capitale, perché la prossima consiliatura fosse davvero Costituente “, ha concluso.


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK