• Quotidiano di informazione
  • mercoledì 19 febbraio 2020

Lega all’attacco: “Su Ama e nomine i conti non tornano”

 


“I conti non tornano neanche questa volta e Ama non riesce a trovare pace così come i romani che ormai vivono tra l’immondizia. Dopo l’assurda approvazione del Bilancio Ama 2017 con 90 milioni di passivo, ci troviamo nuovamente sbigottiti davanti alla nomina del Presidente dell’Organo di Vigilanza di Ama. Sembrerebbe, infatti, in netto contrasto con quanto previsto dallo Statuto dell’OdV. Zaghis ha deciso di nominare alla presidenza Cosimo Calabrese, titolare di una società (Programma Azienda srl) che già è sotto contratto con Ama, pertanto in potenziale conflitto di interesse. Apprendiamo dalla stampa che la società ha con Ama un contratto in essere fino a maggio 2020 per l’ammontare di 39.500 euro, il che essendo sotto la soglia dei 40.000 ha permesso un affidamento diretto senza passare per il bando”. Lo dichiarano in una nota Maurizio Politi capogruppo Lega in Campidoglio e Davide Bordoni consigliere Lega in Assemblea Capitolina e Segretario d’Aula. “Non parliamo poi – aggiungono – della gita “formativa” a Ivrea di tutta la dirigenza Ama, fortemente voluta da Zaghis e costata in totale 50.000 euro, presenteremo apposita interrogazione per chiedere chiarimenti. E i romani pagano. All’incapacità della Raggi di compiere scelte adeguate per il conferimento dei rifiuti ora si è aggiunta l’emorragia a cui la sottopongono i vertici. Il futuro dell’Azienda non può essere lasciato in questa mani, i romani hanno il diritto di avere una politica che investe sapientemente le tasse che i cittadini pagano, restituendo un servizio di raccolta rifiuti efficiente e ben gestito”, concludono.


 


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK