• Quotidiano di informazione
  • lunedì 24 febbraio 2020

Lo smog torna a soffocare Roma, nuovo allarme dalle rilevazioni delle centraline

 


Si riaffaccia l’emergenza smog a Roma. Dopo essere tornata alla normalità, in seguito ai divieti imposti dall’amministrazione Raggi – con molte polemiche – alla circolazione di tutti i diesel e allo stop totale del traffico nella “domenica ecologica” del 19 gennaio, complice l’alta pressione l’aria della Capitale peggiora di nuovo, con i Pm10 che tornano sopra i livelli massimi previsti dalla legge (50 microgrammi per metro cubo). 


Secondo l’Arpa Lazio, infatti, ieri sono stati superati i limiti di polveri sottili in 7 centraline sulle 11 che hanno monitorano la qualità dell’aria nella Capitale (sono 13 in totale a Roma: per altre 2 centraline, Fermi e Arenula, il dato di ieri è “non disponibile). In particolare gli sforamenti sono stati registrati nelle centraline di Preneste, Magna Grecia, Cinecittà, Bufalotta, Cipro, Tiburtina (il dato peggiore: 73 ug/m3) e Malagrotta. 


La situazione potrebbe però presto tornare nella norma, grazie alle piogge previste tra domani e domenica che dovrebbero “ripulire” l’aria della Capitale.


 
Notizia precedente

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK