• Quotidiano di informazione
  • sabato 8 agosto 2020

Smog, il blocco è ancora inutile: troppe Pm10 in 70% centraline

 


 


Ancora ancora troppo inquinata l’aria di Roma, nonostante il blocco totale della circolazione per gli autoveicoli diesel (compresi quelli di ultimissima generazione, Euro 6) e dei veicoli più inquinanti: come riferisce l’Arpa Lazio, ieri – quando era in vigore lo stop – sono stati superati i limiti di Pm10 previsti dalla legge (50 microgrammi per metro cubo) in 9 centraline sulle 13 (il 70%) che monitorano la qualità dell’aria nella Capitale. 


Una situazione su cui pesa ovviamente l’alta percentuale di smog già presente da giorni, perchè la città è all’ottavo giorno consecutivo di sforamento dei livelli di concentrazione delle polveri sottili. Per tornare alla normalità servirà ancora qualche giorno. 


In ogni caso secondo l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Regione Lazio, i livelli massimi di polveri sottili il 14 gennaio sono stati superati nelle centraline Preneste, Francia, Magna Grecia, Cinecittà, Villa Ada, Fermi, Bufalotta, Tiburtina, Arenula. 


Lo sforamento più alto è stato registrato dalla centralina di Tiburtina (67 ug/m3), mentre in alcune zone i livelli di Pm10 appaiono in calo, se pur di poco, rispetto a ieri: Magna Grecia, Cinecittà, Fermi. A Villa Ada, invece, il livello ha sforato i limiti in 24 ore, passando tra lunedì e martedì da 41 a 51 ug/m3. 


Oggi e domani a Roma si fermano ancora per lo smog tutti i veicoli diesel (compresi gli Euro 6), oltre alle categorie veicolari più inquinanti, mentre domenica è previsto lo stop totale alla circolazione nella “Fascia Verde”.


 

 Commenti

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti:

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK