Jackson Martinez: non riesco ad allenarmi per 3 giorni di fila

Jackson Martinez è stato vittima di un infortunio subito alla caviglia che lo ha costretto a un lungo stop e una doppia operazione tra il 2016 e il 2017. "La cosa più semplice sarebbe stata lasciare – ha dichiarato lo stesso attaccante colombiano in un’intervista a Record - È una lotta quotidiana. Questo calvario non mi lascia dormire. Quando mi alleno, ogni volta che vado a dormire, intorno alle 3 o alle 4 del mattino, come se fosse un orologio, mi sveglio a causa del dolore al piede. Dopo pochi minuti passa e torno a dormire". Jackson Martinez gioca ora nel Portimonense, autore di 4 gol in 10 partite di campionato. Ma anche ora, nonostante stia giocando con continuità, il centravanti è costretto a convivere con i problemi alla caviglia: "Anche l’allenamento non è facile, non posso farlo due o tre giorni di fila – prosegue - Mi piacerebbe lavorare normalmente tutti i giorni ma i medici e il fisioterapista mi hanno detto che è impossibile e ho seguito un programma specifico".



Tachtsidis nuovo rinforzo per il Lecce

Panagiotis Tachtsidis arriva al Lecce con la formula è del prestito con diritto di riscatto, che diventa obbligo in caso di promozione in Serie A. L’acquisto è stato annunciato dal Lecce con la seguente nota apparsa sul proprio sito ufficiale: “L’US Lecce comunica di aver acquisito il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Panagiotis Tachtsidis, proveniente dal Nottingham Forest, con la formula del prestito con obbligo di trasformazione dell’acquisizione da temporanea in definitiva in caso di promozione in Serie A e alternativamente con diritto di opzione”. Il greco conosce benissimo il calcio italiano, avendoci giocato per ben sette anni, tra il 2010 e il 2017. Poi il trasferimento prima all’Olympiakos, quindi al Nottingham Forest, dove però non è mai sceso in campo in questa prima parte di stagione. Nella sua carriera italiana ha vestito le maglie di Genoa, Cesena, Grosseto, Verona, Roma, Catania Torino e Cagliari.


Bridgestone acquisirà Tomtom Telematics

Bridgestone Europe acquisisce Tomtom Telematics per 910 milioni di euro per realizzare una nuova piattaforma per i veicoli connessi. TomTom Telematics permetterà al costruttore di pneumatici di accelerare la sua transazioni come fornitore di servizi legati alla mobilità connessa e di migliorare lo sviluppo dei pneumatici di nuova generazione a tutto vantaggio dei suoi clienti. Il futuro dei veicoli è connesso, autonomo, condiviso ed elettrico. In tale contesto, Bridgestone ha identificato le soluzioni di mobilità connessa per privati e per le flotte come priorità strategiche da attuare. Obiettivi rafforzati anche dalla crescente importanza delle flotte rispetto ai veicoli di proprietà per il trasporto di persone e merci. L’acquisizione di Tomtom Telematics da parte di Bridgestone Europe è solo l’ultimo step di un progetto di più ampio respiro del costruttore di pneumatici volto a rafforzare le sue capacità digitali. L’azienda ha già sviluppato funzionalità nella raccolta di dati da sensori e da piattaforme connesse. Questo impegno ha già portato al lancio di soluzioni come Tirematics, Mobox, FleetPulse e Bridgestone Connect. TomTom Telematics si inserisce strategicamente nel progetto di Bridgestone di mobilità connessa in quanto gestisce oltre 860.000 veicoli connessi in tutto il mondo di cui oltre due terzi sono commerciali. Inoltre, possiede un sistema go-to-market personalizzato e un’offerta digitale premium che include WebFleet e NextFleet. Le sue solide tecnologie basate sull’analisi dei dati si poggiano su di una piattaforma aperta, scalabile, sicura e basata su cloud. Gestisce in media oltre 800 milioni di posizioni GPS, 3,3 milioni di viaggi e 200 milioni di messaggi in entrata al giorno.



Gli iPhone nel 2020 avranno tutti schermo OLED

Apple nel 2020, in concomitanza con il lancio degli smartphone abilitati al 5G potrebbe decidere di abbandonare i tradizionali pannelli LCD per i propri smartphone, estendendo l’intera linea ai display OLED. Come già ampiamente noto, l’ultima generazione degli smartphone Apple è composta da due dispositivi OLED, ovvero iPhone XS e iPhone XS Max, a cui si aggiunge un esemplare LCD, cioè iPhone XR. Questa suddivisione dovrebbe rimanere inalterata per l’edizione 2019 degli smartphone, mentre nel 2020 tutti i modelli potrebbero includere un pannello OLED. Secondo quanto riferito dal Wall Street Journal, il gruppo di Cupertino sarebbe alla ricerca di nuovi partner produttivi per realizzare questo obiettivo, considerando come oggi la fornitura di OLED sia abbastanza limitata a livello mondiale. In particolare, la società californiana starebbe rafforzando il proprio legame con Japan Display, per un ampliamento degli impianti affinché possano essere sostenuti elevati ritmi di produzione. Il colosso giapponese avrebbe già avviato delle trattative con TPK Holdings e Silk Road Fund, due società d’investimento rispettivamente di Taiwan e Cina, per un finanziamento del 30% necessario per l’ingrandimento delle strutture.



Jova Beach Party raddoppia in Emilia Romagna

Il Jova Beach Party sarà anche a Lido Estensi il 20 agosto dopo la data di Rimini del 10 luglio. Biglietti in vendita dalle ore 11 dell’8 gennaio sul circuito TicketOne. Prodotto e organizzato da Trident, ’Jova Beach Party’ è un format realizzato con la collaborazione con Wwf e porta in Italia una nuova frontiera dell’intrattenimento, proposta in alcune tra le spiagge più popolari. Ogni appuntamento promette l’artista, sarà diverso e unico: diversa la line up degli ospiti, diversa la scaletta del set di Lorenzo Cherubini, che intreccerà il lavoro in consolle da dj con il suono della sua band e le sue canzoni. Le porte apriranno in ogni data alle 14 (debutto il 6 luglio a Lignano Sabbiadoro, chiusura il 24 agosto a Plan de Corones) e da subito partiranno le attività nelle varie aree.


Due nuove date per i concerti d’addio di Morricone

Ennio Morricone aggiunge altre due date all’ultima serie di concerti di addio: il premio Oscar, che il mese scorso ha festeggiato 90 anni, si esibirà il 18 e 19 giugno alle Terme di Caracalla: la sua tournée comprende quindi due concerti all’Arena di Verona il 18 e il 19 maggio e sei concerti a Roma, alle Terme di Caracalla, il 15-16-18-19-21-22 giugno. Le date fanno parte del ’60 Years of Music’ World Tour che ha registrato numerosi sold out sia a Verona che a Roma nel 2017 e 2018. Il tour segna il sessantesimo anniversario della carriera del compositore e direttore d’orchestra, e finora ha visto più di 50 concerti in 35 città europee. Oltre 650 mila persone hanno assistito ai concerti del tour dal 2016 ad oggi, per vedere il maestro dirigere personalmente un’orchestra e un coro che portano più di 200 persone sul palco. Questi concerti a Verona e Roma saranno l’ultima occasione in cui il maestro riprodurrà le sue amate musiche prima della pensione.


Instagram: obiettivo condividere immagini direttamente da Google Foto

Instagram lavora per sviluppare nuovi strumenti che rendano il social sempre più immediato e per permettere ai suoi utenti di ampliare il proprio bacino di seguaci, mostrando i propri post a un numero sempre maggiore di persone. E’ già possibile condividere le Storie di altri utenti in cui si è taggati sul proprio feed, mentre, al momento, Instagram sta testando una scorciatoia dedicata ai proprietari di un dispositivo Android che faciliterà il procedimento di pubblicazione sul social di un’immagine prelevata direttamente da Google Foto, come confermano dall’azienda: “La possibilità di postare una foto da Google c’è già, ma lo si può fare solo dopo diversi passaggi. Quello che vogliamo fare è rendere questo procedimento molto più semplice”.



Esordisce il cantautore Modigliani

Esce il nuovo singolo del cantautore Modiglian, alias Francesco Addari,primo cantautore indie sardo: infatti sarà disponibile in digital download e sulle piattaforme streaming "Canzoni Indie". "Sono pronto, carico, determinato ed entusiasta di iniziare questo nuovo progetto, e ad essere sincero ho anche una bella dose di ansia addosso, ma a questo ormai ci sono abituato - commenta Francesco Addari - Sono soddisfatto delle canzoni che ho scritto, mi piacciono tanto, mi piace cantarle, mi piace suonarle e mi piace ascoltarle. Non vedo l’ora di farle sentire, di sapere se piacciono, se emozionano, se rimangono in testa o meglio ancora nel cuore". "Canzoni Indie" è una ballata indie dalle atmosfere solenni e le chitarre cristalline dove il cantautore sardo narra della sua quotidianità che vive cantando appunto "le canzoni indie che non passano alla radio". Una canzone in cui ci si può riconoscere e che evoca quello che è la vita dei suoi coetanei nelle città d’Italia.



Laurea Honoris Causa per Rosita Missoni

Rosita Missoni Jelmini ha ricevuto la laurea honoris causa conferitale dal rettore Giuseppe Paolisso dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. Una scelta non casuale quella dell’Ateneo, presa per dare prestigio alla neonata Officina Vanvitelli, la nuova sede per la formazione post-laurea a disposizione degli studenti del Dipartimento di Architettura e Design Industriale di Aversa, inaugurata proprio con l’arrivo della Missoni e del ministro Bussetti. Missoni, che ringrazia l’ateneo per la laurea honoris causa, ricorda gli inizi a fine anni ’50 della multinazionale della moda con il marito Ottavio Missoni, in un piccolo laboratorio - appena 100 metri quadrati - di Gallarate (Varese), in cui presero forma i famosi vestitini a righe, con quel mix di colori che ha poi caratterizzato fino ad oggi il lavoro della casa di moda.



Google acquisterà una parte degli orologi connessi di Fossil

Google acquisterà una parte della tecnologia degli orologi connessi Fossil per una cifra di circa 40 milioni di dollari. Google potrebbe quindi lanciare il proprio orologio connesso, sulla scia di AppleWatch e Fitbit. Il comparto è focalizzato sugli utilizzi per il fitness e la salute, con modelli dotati, ad esempio, di sensori di frequenza cardiaca. In concreto, una parte del team di ricerca e sviluppo di Fossil, che sta lavorando “a una tecnologia attualmente in sviluppo legata agli orologi connessi”, raggiungerà Google, che diventa proprietario di tale tecnologia. Fossil è entrato nel settore nel 2018, acquisendo per 260 milioni di euro la società Misfit. Secondo IDC, sono state 125,3 milioni le unità del mercato dei wearables nel 2018, in aumento dell’8,5% rispetto al 2017; una crescita che dovrebbe continuare nei prossimi anni.



Il 27 gennaio è il Giorno della Memoria

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto.Tale importante ricorrenza è stata stabilita il 1° novembre 2005 nel corso della 42° riunione plenaria dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con la risoluzione 60/7; la riunione ha fatto seguito a una sessione speciale che si era invece tenuta il 24 gennaio 2005, giorno in cui la stessa Assemblea celebrava il 60esimo anniversario della liberazione dei campi di concentramento e, di conseguenza, la fine dell’Olocausto. Ogni anno, nel mondo, in questo giorno vengono ricordati 15 milioni di vittime dell’Olocausto rinchiusi e uccisi nei campi di sterminio nazisti prima e durante la Seconda Guerra mondiale. Sei milioni di morti, durante l’Olocausto, appartenevano al popolo ebreo: il loro genocidio viene chiamato Shoah. L’Olocausto e la Shoah sono stati genocidio con metodi scientifici, messo in atto da parte della Germania nazista fino al 27 gennaio 1945, quando i carri armati dell’esercito sovietico sfondano i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz in Polonia. Da quel giorno, questo campo è diventato il luogo simbolo della discriminazione e delle sofferenze di chi è stato internato solo perché ebreo o zingaro o omosessuale o anche, semplicemente, perché si trattava di una persona con idee politiche diverse da quelle di chi era al potere.



Inail: in aumento gli infortuni sul lavoro nel 2018

Secondo i dati diffusi dall’Inail, le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale nel 2018 sono state 1.133, 104 in più dello scorso anno. In particolare nel solo mese di agosto si è contato quasi lo stesso numero di vittime (37) in incidenti plurimi dell’intero 2017, evento che ha portato a ben 132 decessi in un solo mese. Tra gli eventi dello scorso agosto con il bilancio più tragico si ricordano, in particolare, il crollo del ponte Morandi a Genova, con 15 denunce di casi mortali sul lavoro, e i due incidenti stradali avvenuti in Puglia, a Lesina e Foggia, in cui hanno perso la vita 16 braccianti. Spiccano i 27 casi in più della Campania (da 60 a 87), i 24 in più della Lombardia (da 139 a 163) e del Veneto (da 91 a 115), i 22 in più della Calabria (da 19 a 41), i 15 in più del Piemonte (da 83 a 98). Cali significativi si registrano, invece, in Abruzzo (da 54 a 25) e nelle Marche (da 33 a 22). In aumento anche le patologie di origine professionale denunciate, che sono state 59.585 (+2,5%, pari a 1.456 casi in più rispetto ai 58.129 dell’anno precedente). Per quanto riguarda infine le denunce di malattie professionali, dopo la diminuzione in controtendenza del 2017, nel 2018 sono tornate ad aumentare specialmente nell’Industria e servizi (+2,8%) e in agricoltura (+1,8%).



Il cornetto Algida compie 60 anni

Il cornetto Algida fu lanciato nel 1959 da un artigiano del capoluogo campano, il cono gelato celebre per la cialda croccante e la punta di cioccolato è stato poi commercializzato in diversi Paesi a partire dal 1976. L’idea fu della gelateria Spica e da allora è nata la lunga storia d’amore che lega il marchio di produzione del gelato, l’Algida, indissolubilmente a questa ricetta. Il gelataio partenopeo inventò uno strato di zucchero, cioccolato e olio che potesse isolare il cono dal gelato vero e proprio, impendendo che la cialda si ammorbidisse troppo al contatto con la crema di latte variegata al cacao magro e ricoperto di granella di nocciole e meringhe: nasce così il primo Cornetto. Questo sessantesimo compleanno del Cornetto Algida sarà festeggiato anche a Salerno dove, mercoledì 30 gennaio, si terrà l’Ice Cream Party. Una degustazione collettiva organizzata per cercare di entrare nel Guinness World Records.



Toy Story torna al cinema

Il nuovo film Disney Pixar "Toy Story 4" arriverà nelle sale italiane dal 27 giugno. Diretto da Josh Cooley, prodotto da Jonas Rivera e Mark Nielsen, "Toy Story 4" vedrà Woody alle prese con un nuovo personaggio, Forky, il progetto scolastico di Bonnie, trasformato in giocattolo. Quando quest’ultimo porta con sé tutta la banda di giocattoli in un viaggio con la sua famiglia, Woody fa un’inaspettata deviazione, che lo porta a ritrovare la sua amica scomparsa da tempo, Bo Peep, diventata uno spirito libero in cerca di avventure, perfettamente a proprio agio "on the road". Dopo aver trascorso anni per conto proprio infatti Bo non è più solo una bambola di porcellana. Woody e Bo scopriranno che le loro rispettive vite come giocattoli sono ormai agli antipodi, ma presto si renderanno conto che questo è l’ultimo dei loro problemi. Toy Story 4 arriva nove anni dopo l’ultimo capitolo e ben ventiquattro dopo quel primo film completamente realizzato in computer grafica e destinato a cambiare per sempre la storia dell’animazione: 361 milioni di dollari nel mondo, un Oscar speciale a John Lasseter per il "primo film interamente animato al computer" e una serie di recensioni che decretarono il trionfo del primo film della Pixar, un progetto che veniva da lontano.



Problemi di salute per Elisa Isoardi

La conduttrice de La Prova del Cuoco, Elisa Isoardi, nella puntata andata in onda lo scorso mercoledì 16 gennaio 2019, ha annunciato in diretta di stare male. Ha detto, piuttosto provata durante il corso della trasmissione : “Ho preso una pastiglia…“. Per fortuna, la conduttrice, ha subito rassicurato tutti gli spettatori in studio e da casa, che in realtà non era nulla di grave, ma di un’influenza, che l’aveva leggermente debilitata. La presentatrice, dallo scorso 2018, sostituisce la storica conduttrice del cooking-show di Rai 1, Antonella Clerici.



Tennis, la giapponese Naomi Osaka è la N.1

La tennista giapponese Naomi Osaka ha battuto la ceca Kvitova ed è la prima asiatica a conquistare la vetta del ranking WTA. Naomi Osaka vincendo il suo secondo slam è la nuova n°1 del mondo. Petra Kvitova esce invece con il rammarico di una finale persa – rarità nella sua carriera, veniva da 8 successi consecutivi a livello WTA – e la sensazione di aver sfumato un piccola, grande occasione. Osaka nata in Giappone e cresciuta negli Stati Uniti, di madre giapponese e padre haitiano, è la 26/a donna a conquistare la posizione numero uno della classifica Wta, e la seconda più giovane di sempre dopo la danese Caroline Wozniacki, che raggiunse il vertice nel 2010 a 20 anni e 92 giorni.



Australian Open, l’italiano Lorenzo Musetti trionfa nel torneo juniores

Il sedicenne Lorenzo Musetti è il giovane re degli Australian Open. Il classe 2002, di Carrara, ha battuto in finale lo statunitense Emilio Nava al termine di un match molto combattuto e terminato con con il punteggio di 4-6 6-2 7-6 (12). Numero 4 del mondo nella categoria giovani, Musetti ha vinto la finale in due ore e sette minuti di gioco, annullando un match point nell’infinito e tiratissimo tie-break che ha deciso la sfida. "Mi sembra di sognare ma Lorenzo è stato fantastico, la sua costanza, caparbietà nell’inseguire la vittoria l’hanno premiato. Un’emozione fortissima", queste le parole di Francesco Musetti, papà di Lorenzo, che ha seguito la finale del figlio davanti alla tv. Musetti, già finalista agli Us Open giovanili, uno dei talenti più promettenti del tennis azzurro, è il primo italiano a riuscire nell’impresa: Fabbiano nel 2007 e Baldi nel 2013 erano riusciti ad arrivare massimo in semifinale. Per l’Italia è la 17esima finale in uno Slam junior, e l’undicesimo titolo assoluto. Prima di Lorenzo, l’ultimo azzurrino a vincere uno slam era stato Gianluigi Quinzi, che trionfò nel 2013 a Wimbledon.



Smartphone, in Italia 1 studente su 2 li usa con i prof

Secondo una ricerca di Skuola.net, nelle classi smartphone e tablet in classe sono già una realtà consolidata: in molti casi l’uso è didattico e controllato dai prof, in altri i ragazzi ne approfittano per giocare o chattare. In 1 caso su 10 sono i professori a cercare di sfruttare gli smartphoneper per rendere le spiegazioni più coinvolgenti; altri docenti invece non credono nelle potenzialità delle nuove tecnologie per l’accrescimento della cultura personale. Ma, nello specifico, che uso se ne fa? A più di 1 ragazzo su 3 - il 36% - viene chiesto di accenderli per approfondire le spiegazioni; nel 13% dei casi per usare App durante lezioni e compiti in classe; la stessa percentuale (13%) lo sfrutta per prendere appunti e organizzare lo studio. Ma è anche vero che, in tantissimi, aggirano costantemente i divieti (già esistenti): il 16% chatta con gli amici, il 13% controlla i social network, il 12% naviga su Internet, il 4% cerca le soluzioni ai compiti in classe, la stessa quota (4%)gioca. Come potrebbe cambiare, quindi, la vita tra i banchi di scuola? L’attuale ministro dell’Istruzione Marco Bussetti cerca di tranquillizzare studenti docenti e famiglie: "L’utilizzo dei device per quanto riguarda la didattica - sottolinea - è uno strumento fondamentale e quindi sono a favore del loro uso ma soprattutto ho fiducia nei nostri studenti. Credo molto nel loro senso di responsabilità sull’uso consapevole di questi strumenti ai fini di un migliore apprendimento. Condanno invece in maniera decisa l’uso per altri fini".



Donne e videogiochi, le over 50 le più assidue

Secondo una nuova ricerca, le donne over 50 giocano con più continuità rispetto agli uomini. L’ente ha intervistato uomini e donne dai 18 anni in su, dividendoli in quattro gruppi: 18-29 anni, 30-49 anni, 50-64 anni e infine più di 65 anni. Se tra i 18 e i 29 anni pare non esserci storia (il 72% degli uomini gioca con assiduità, contro il 49% delle donne), la forbice comincia ad assottigliarsi passando alla fascia da 30 a 49 anni (58% degli uomini contro il 48% delle donne), fino a un impensabile sorpasso che avviene negli over 50. Nella fascia d’età tra i 50 e i 64 anni, infatti, il 34% delle donne gioca con frequenza (contro il 29% degli uomini), mentre nel pubblico over 65 la percentuale di donne a giocare con una certa continuità equivale al 25% (contro il 23% degli uomini). Tornando agli adolescenti, è interessante notare come la percentuale di donne che giocano su molteplici dispositivi (inclusi smartphone e tablet) corrisponda all’83% (contro il 97% dei ragazzi intervistati), mentre le ragazze che giocano su console sono "solo" il 75% (contro il 92% dei ragazzi intervistati).


Batuira, la borgata di Castelmagno è in vendita

Batuira, una borgata del comune alpino di Castelmagno, in Valle Grana, è stata messa in vendita su Subito.it al prezzo di 360mila, lo stesso prezzo di un bilocale a Milano. La borgata, arroccata sulle montagne, è composta da una serie di baite in pietra e legno, alcune ristrutturate e altre da ristrutturare, stalle, magazzini, terreni e 22 ettari di pascoli. Tra le altre cose vi sono anche una baita da ristrutturare adibita a forno, una fontana e una zona dedicata al BBQ. Un luogo da riportare a nuova vita, che si va ad aggiunge alle tante altre zone di Italia che si sta tentando di ripopolare con proposte particolari. È il caso dei paesi dove si trovano case a un euro. "E’ importante ci sia un mercato attorno a interi borghi, dal Piemonte alla Sicilia - commenta Marco Bussone, presidente nazionale dell’Uncem, l’Unione nazionale dei comuni montani -. Qui si può fare impresa, produrre reddito, avere migliore vivibilità e benessere. Questi borghi possono essere la soluzione alla crisi del mondo urbano. Ma servono precise strategie, supporti finanziari a chi acquista, meno burocrazia per il recupero architettonico, agevolazioni fiscali per le imprese che si insediano in questi borghi rivitalizzati".