Brexit, cʼè lʼaccordo tra Ue e Gb per la proroga fino al 31 ottobre

I leader dei 27 Paesi Ue e la Gran Bretagna hanno concordato una proroga flessibile dei negoziati per la Brexit fino al 31 ottobre, ultimo giorno del mandato dell’attuale Commissione europea, tanto che qualcuno l’ha già ribattezzata "Halloween-Brexit". E’ prevista anche una revisione della situazione, e degli eventuali passi avanti fatti dalla May nei suoi negoziati con l’opposizione laburista, al Consiglio Ue di giugno. "Un’estensione flessibile, un po’ più corta di quanto prevedevo, ma ancora abbastanza, per trovare la soluzione migliore", ha commentato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, invitando Londra a "non buttare via questo tempo". Condizione posta dall’Unione per ottenere la proroga è però la partecipazione della Gran Bretagna alle elezioni Europee (a meno che la May non riesca, attraverso un accordo con l’opposizione laburista, a far approvare l’accordo di recesso dal Parlamento britannico prima dello svolgimento del voto, cioè prima del 23 maggio), pena la certezza di trovarsi catapultata fuori dal blocco europeo, senza un accordo, il primo giugno. "Dura lex, sed lex", ha rimarcato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, che ci ha tenuto a sottolineare come la "revisione" fissata al Consiglio europeo di giugno non sara’ una tagliola, ma un’occasione "per fare un punto della situazione". La May ha comunque rimarcato che l’Ue "ha accolto la mia principale richiesta" di aggiungere all’accordo raggiunto una clausola per un’uscita dall’Unione il prima possibile. Così, se l’accordo sulla Brexit sarà approvato dal Parlamento britannico, Londra "potrà ancora uscire dall’Unione prima del 30 giugno". L’accordo raggiunto fra i leader dei 27 è un compromesso in cui ha pesato molto la posizione intransigente della Francia, fortemente contraria a una proroga più lunga. Tusk, infatti, aveva proposto un’estensione lunga per la fine dei negoziati con Londra, fino a un anno, e le due date possibili di cui si era parlato inizialmente erano la fine di dicembre e la fine di marzo 2019. Ma il presidente francese Emmanuel Macron ha tenuto duro, a quanto pare da solo, sulla sua posizione contraria alla proroga breve. Così si è arrivati alla decisione che prevede un rinvio al 31 ottobre. Il presidente francese a fine vertice ha parlato di "miglior compromesso possibile per salvaguardare l’unità dei 27" anche di fronte a eventuali azioni di ostruzionismo da parte del Regno Unito durante la proroga. Uno spauracchio che i Tory brexeeter sono tornati ad agitare, inquietando anche il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, che ha avvertito: l’Eurocamera "non è un albergo a ore, da cui si entra e si esce a proprio piacimento". Paladina della necessità di concedere una proroga lunga a Londra - che nelle intenzioni iniziali era di nove, dodici mesi - è stata invece Angela Merkel, che si e’ battuta fino all’ultimo, richiamando la necessità di "salvaguardare l’unità dell’Ue e ad evitare una Brexit senza accordo".


Il Premier Conte ne è convinto: “Il governo va avanti per l’intera legislatura”

Le discussioni all’interno del governo “sono state sempre indirizzate a trovare le migliori soluzioni. Confronti su aggiustamenti di poltrone non sono mai avvenuti e dubito che avverranno. Andiamo avanti così”. Lo ha assicurato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in un colloquio con Repubblica e Stampa. “Lavoriamo come una squadra”, ha aggiunto e “la prospettiva di governo coincide con l’intera legislatura”. Nel governo, ha sostenuto Conte, “a dispetto di ciò che viene quotidianamente rappresentato, stiamo tutti lavorando, con unità di intenti, verso l’obiettivo della crescita economica, ovviamente con attenta sensibilità per uno sviluppo sostenibile”. Poi nel merito del Def: “Ci auguriamo che la crescita sia anche maggiore dello 0,2%” previsto nel Def, visto che le misure della legge di stabilità, a partire dal reddito di cittadinanza, “non è vero che non spostano” dal punto di vista della crescita, anzi “pensiamo abbiano un impatto positivo, nel secondo semestre: al momento l’impatto non è ancora valutabile. Nella politica economica del governo, ha sostenuto Conte, “non si è perso affatto tempo. Le nostre stime nascevano da un contesto totalmente diverso”, ma ora c’è “una congiuntura totalmente diversa” con “la frenata della Germania” e “anche la Cina sta rallentando. Non c’è stata nessuna cattiva previsione: la guerra dei dazi impone un rallentamento dell’economia internazionale e bisogna prenderne atto”.


Sudan, colpo di Stato e arresti di massa

Alti esponenti del governo sudanese sono stati arrestati,e l’aeroporto sarebbe stato chiuso. A riferirlo, su Twitter -parlando di ’arresti in massa’ tra gli alti esponenti dell’esecutivo- è una giornalista sudanese, citata dalla Bbc. Nel fine settimana centinaia di migliaia di persone hanno sfilato in corteo e presidiato il palazzo presidenziale per chiedere le dimissioni di Bashir. Sei persone sarebbero morte durante le manifestazioni dei giorni scorsi, aggiungendosi alle oltre 50 che sarebbero state uccise negli ultimi 4 mesi. Il presidente del Sudan,Omar al Bashir, si è dimesso, e l’esercito ha annunciato la formazione di un governo di transizione: lo riporta l’emittente tv degli Emirati al Arabiya. Migliaia di persone si stanno dirigendo verso il compound che ospita il ministero della Difesa di Khartoum per unirsi ai manifestanti che chiedono la fine del regime. Testimoni riferiscono intanto di veicoli militari posizionati su snodi stradali strategici e sui ponti nella capitale.


Fondatore WikiLeaks Assange arrestato a Londra

Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, è stato arrestato dalla Polizia Metropolitana di Londra nell’ambasciata ecuadoriana, e trasferito in commissariato in attesa di essere portato davanti a un giudice: lo ha reso noto la stessa Scotland Yard. La polizia ha precisato di aver agito in conformità con un mandato emesso dalla magistratura britannica e di essere entrata nella sede diplomatica con l’autorizzazione dell’ambasciatore, dopo che il governo di Quito ha deciso di revocare l’asilo concesso ad Assange. Assange era ricercato dalla giustizia britannica dal 2012 per aver violato i termini della libertà vigilata dopo essere stato fermato a Londra per delle accuse di violenza sessuale e stupro in Svezia. Assange si era infatti rifugiato nell’Ambasciata ecuadoriana nel giugno del 2012 acquisendo infine la cittadinanza dell’Ecuador nel 2018; i suoi rapporti con le autorità di Quito si sono progressivamente raffreddati al punto che nel già nel 2016 gli era stato tolto l’accesso a internet dopo che WikiLeaks aveva pubblicato una serie di e-mail riservate dell’allora candidato Democratrico alla presidenza degli Stati Uniti, Hillary Clinton. Il fondatore di WikiLeaks si è sempre dichiarato innocente riguardo alle accuse di stupro e abusi sessuali (quest’ultima imputazione è di fatto prescritta), ma teme che Londra possa ora estradarlo negli Stati Uniti a causa della diffusione dei documenti riservati del Dipartimento di Stato, estradizione che Washington non ha comunque finora mai richiesto ufficialmente.


Tasse, Ocse: "Famiglie italiane tartassate"

Tasse sul lavoro in rialzo in Italia: nel 2017-2018, il cuneo fiscale passa dal 47,7% al 47,9%, quasi 12 punti sopra la media Ocse (36,1% da 36,2% del 2017) e al terzo posto dopo Belgio e Germania. I dati sono nel dossier "Taxing Wages". Il divario Italia-media Ocse sale nelle famiglie monoreddito: 39,1% contro 26,6%. Per quanto riguarda il salario lordo, i single portano a casa il 68,8%, mentre la media Ocse è del 67,4%. Un po’ meglio le famiglie, l’80%, ma sempre sotto la media Ocse, che è all’85,8%.


ANBI: decreto del governo che finanzia ulteriori 15 progetti per la rete irrigua del paese

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo ha pubblicato il Decreto di formalizzazione della decisione assunta dal Comitato di Sorveglianza del 29 Ottobre scorso, con cui si approvava la proposta di utilizzare parte delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) per lo scorrimento della graduatoria definitiva delle domande di sostegno, presentate a valere sul bando di selezione delle proposte progettuali del Piano Irriguo Nazionale. Risultano così finanziati ulteriori 15 progetti per un investimento complessivo pari a € 147.667.793,00; scendendo nel dettaglio: € 104.489.599,00 sono destinati al Mezzogiorno, mentre € 43.178.194,00 vanno al Centro Nord. Tale provvedimento va ad aggiungersi ai 19 interventi, già finanziati nell’ambito del Piano Nazionale di Sviluppo Rurale. Nei prossimi mesi, dunque, apriranno, lungo l’intera Penisola, 34 cantieri per migliorare ed implementare la rete irrigua, infrastruttura strategica per il Paese e la sua economia agricola, alla luce soprattutto dei cambiamenti climatici in atto. A beneficiarne non sarà solo l’agricoltura del Made in Italy, ma il territorio nel suo complesso grazie anche ad almeno 2000 posti di lavoro, che saranno garantiti dagli interventi e da una innovazione spinta che caratterizza tutti i progetti. “E’ una promessa mantenuta dal Governo e per la quale ringraziamo, in particolare, il Ministro, Gian Marco Centinaio, la Sottosegretaria, Alessandra Pesce, nonché la struttura tutta del MiPAAFT per l’importante risultato raggiunto nell’interesse del Paese” commenta Francesco Vincenzi, Presidente ANBI. “E’ una vittoria della politica che sceglie, della conoscenza e concretezza della pubblica amministrazione e della modernità e capacità progettuale dei Consorzi di bonifica, che ha permesso di sbloccare risorse già stanziate, ma in attesa di collocazione. Procedere allo scorrimento della graduatoria di progetti già approvati, ma che non avevano potuto trovare disponibilità nel precedente provvedimento del Piano Irriguo Nazionale, è parsa la decisione più opportuna, e innovativa nella sua semplicità – aggiunge Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI - L’Italia del fare e del fare bene non deve, però, fermarsi; i Consorzi di bonifica sono una risorsa determinante per costruire oggi il Paese di domani. I Consorzi, con la forza della partecipazione derivante dall’autogoverno e dalla prossimità ai territori sono pronti per nuove e innovative sfide.”


Bambini e ragazzi da tutta Italia ambasciatori contro lo spreco alimentare

Sensibilizzare le nuove generazioni alle strategie per prevenire lo spreco del cibo: questo l’obiettivo della campagna «Lo spreco alimentare, se lo conosci lo eviti» che, su iniziativa di Rotary Italia, è entrata in centinaia di scuole di tutto il Belpaese durante l’anno scolastico 2018/2019. Un’iniziativa di grande successo in linea con gli impegni assunti nel G7 Salute e con gli obiettivi dell’Agenda 2030 elaborata dall’ONU. Otto i distretti Rotary aderenti all’iniziativa, operanti in Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia, Emilia-Romagna, San Marino, Abruzzo, Marche, Molise, Umbria, Campania, Calabria, Basilicata, Sicilia e Malta. IL CONCORSO Ultimo capitolo della campagna dall’omonimo nome, il concorso, ideato e promosso nelle scuole aderenti all’iniziativa, ha coinvolto migliaia di classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado e altrettante persone tra docenti, alunni e volontari. Le classi vincitrici, ora, grazie a questa vittoria, venerdì 10 maggio potranno trascorrere una giornata a Bologna, nel parco agroalimentare FICO. GLI INCONTRI A SCUOLA La campagna «Lo spreco Alimentare, se lo conosci lo eviti» ha portato nelle scuole i volontari dei Rotary Club del territorio che con le competenze di settore espresse dalle loro professionalità negli ambiti sanitario, nutrizione, produzione e commercio, hanno fortemente sensibilizzato migliaia di studenti. In supporto ai volontari di Rotary, anche i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado nell’ambito del progetto Alternanza scuola-lavoro che nelle classi hanno sviluppato i temi del manuale «Lo spreco alimentare», scritto su misura per i giovanissimi dal professor Andrea Segrè, agronomo ed economista italiano (professore di politica agraria internazionale e comparata presso l’Università degli Studi di Bologna). Una campagna anche digitale grazie al gioco interattivo, che ha permesso ai ragazzi di imparare divertendosi sul web. OBIETTIVI DELLA CAMPAGNA Obiettivo del progetto: spingere le nuove generazioni a confrontarsi sulle tematiche della sostenibilità ambientale e del «food system», al fine di trovare soluzioni innovative che possano contribuire al contrasto degli sprechi. Innovare, del resto, significa introdurre un cambiamento culturale e sociale attraverso tutte quelle azioni che concorrono a determinare questo cambiamento. Questo in piena continuità con i valori fondanti del Rotary, che dalla sua nascita si impegna a migliorare la qualità della vita, mettendo a disposizione le competenze dei soci dei 34mila Rotary Club del mondo per rispondere ai problemi e ai bisogni della società, come, appunto, il tema dello spreco alimentare e l’attenzione alla tematica ambientale che l’associazione sta affrontando nel suo nuovo piano strategico. Per saperne di più www.rotaryitalia.it


Giornata Mondiale dell’Emofilia, SIOT: importanza dell’ortopedico nella cura di questa patologia genetica rara

La Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia si sofferma sugli aspetti ortopedici della patologia. Ne parliamo con il Professor Francesco Falez, Presidente SIOT. Presidente Falez, quali sono i temi che la SIOT vuole far emergere in occasione della Giornata Mondiale dell’Emofilia? “I nostri obiettivi sono molteplici: supportare una gestione integrata al paziente emofilico che sviluppa problematiche articolari attraverso un approccio globale ottimale che veda la collaborazione dell’ortopedico con il Centro di Emofilia, il fisiatra, il fisioterapista e l’anestesista; migliorare il livello di informazione e formazione dell’ortopedico sugli emartri, potenziando le sue competenze in tema di gestione del dolore; sensibilizzare sull’importanza dell’ortopedia emofilica in funzione della prevenzione, con l’obiettivo di prevenire gli interventi chirurgici; definire percorsi di cura ad hoc per il paziente emofilico; contribuire a ridurre l’impatto socio-economico della patologia; migliorare la qualità di vita del paziente”. Qual è il ruolo dell’ortopedico nella vita di un paziente che soffre di emofilia? “Il ruolo dell’ortopedico è inserito in un’ampia multidisciplinarità. In particolare è importante la tempistica con cui l’ortopedico individua il paziente e definisce lo stato del danno articolare; tutto ciò impatta notevolmente sull’evoluzione della problematica e rappresenta quindi un aspetto importante su cui lavorare attraverso percorsi multidisciplinari strutturati”. Esistono corretti movimenti da eseguire in casa per prevenire i sanguinamenti? “Nell’ottica di un adeguato stile di vita che prevenga i sanguinamenti, oltre ovviamente alla terapia profilattica è importante collaborare con un riabilitatore: sarà lui ad impostare una serie di esercizi fisici per mantenere sempre le articolazioni in movimento”. Quali sono le principali problematiche che l’ortopedico si trova ad affrontare nella cura di un paziente emofilico? “L’ortopedico è chiamato in causa quando i danni articolari causati dall’emofilia, in particolare dagli emartri recidivanti, sono tali da compromettere seriamente la funzionalità delle articolazioni colpite. Mi riferisco, soprattutto, a ginocchio, gomito e caviglia, in minor misura l’anca. Anche il dolore è una componente importante nella malattia che fino ad oggi è stata sottovalutata e sotto-trattata per mancanza di adeguati strumenti terapeutici. Grazie alle evoluzioni del mercato farmaceutico in tale ambito, noi ortopedici oggi abbiamo a disposizione maggiori possibilità di aiutare il paziente nella gestione del dolore”. In quale modo l’ortopedia è progredita in questi anni per migliorare lo stile di vita dei pazienti emofilici? “Le strategie dell’ortopedico comprendono un approccio conservativo, attraverso cicli di infiltrazioni con acido ialuronico (viscosupplementazione) e cicli di fisioterapia, e un approccio chirurgico che prevede radiosinoviectomia, sinoviectomia artroscopica o la sostituzione protesica. Il progresso dell’ortopedia nella chirurgia protesica negli ultimi anni è importante, grazie a nuovi design protesici e al miglioramento nelle protesi di gomito e di caviglia. Tutto ciò, unito ad un’evoluzione delle tecniche anestesiologiche con conseguente miglior gestione del sanguinamento e del dolore post operatorio, porta a risultati più soddisfacenti che si traducono in un’evoluezione della qualità della vita”. Quali sono i prossimi passi della SIOT per venire incontro alle esigenze della comunità emofilica? “Da sempre impegnata nella elaborazione di Linee Guida e nella promozione e realizzazione di iniziative ad alto contenuto scientifico a supporto della pratica clinica dei propri associati, la SIOT vuole intraprendere una progettualità a carattere multidisciplinare in tema di gestione delle problematiche articolari nel paziente emofilico. Scopo dell’iniziativa è la definizione, attraverso un percorso di Consenso metodologicamente rigoroso, di un protocollo di gestione del paziente target che guidi l’Ortopedico nei processi decisionali relativi a diagnosi, trattamento e follow up della problematica”.


Ambiente, energie rinnovabili e centri storici: una convivenza possibile? Se ne parla a Bologna

Quali regole bisogna rispettare? E’ possibile pensare a sistemi di fonti rinnovabili che garantiscano un impatto visivo nullo e una perfetta integrazione con l’intorno architettonico? Per confrontarsi su temi così delicati, la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara e l’Associazione Clust-ER Edilizia e Costruzioni di Bologna promuovono il 16 aprile l’incontro "Energie rinnovabili e centri storici: una convivenza possibile?" La scelta delle fonti rinnovabili ha il doppio vantaggio di essere eco responsabile ed economicamente attraente ma in molti casi può rivelarsi complicata. Alcune zone sono soggette a vincoli paesaggistici, ambientali e storico-artistici, e soprintendenze e amministratori locali devono tutelare il decoro e l’integrità delle strutture, imponendo limiti specifici. Nel Paese del museo diffuso e degli antichi borghi, l’installazione di questi impianti in aree o edifici soggetti a vincolo paesaggistico o architettonico incontra spesso il parere contrario delle soprintendenze anche per questioni estetiche. Per cercare soluzioni condivise e promuovere le buone prassi nazionali ed estere, la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Bologna e l’Associazione Clust-ER BUILD di Bologna hanno siglato il 28 marzo 2019 un protocollo d’intesa finalizzato alla promozione di iniziative congiunte nel settore della conservazione e valorizzazione del patrimonio storico e artistico costruito. L’incontro del 16 aprile inaugura una serie di appuntamenti tesi a favorire la conoscenza delle tecnologie più innovative e dei processi di recupero e conservazione più attenti ai temi della sostenibilità e della sicurezza. L’obiettivo è promuovere un dibattito su temi di comune interesse utili a generare occupazione, cultura tecnica e occasioni di crescita per professionisti e imprese, e partecipare congiuntamente a progetti per lo sviluppo di innovazioni di processo e prodotto che portino beneficio al patrimonio costruito, storico ed artistico, nonché agli operatori coinvolti nelle attività di conservazione e valorizzazione, inclusi architetti, restauratori e tecnici delle soprintendenze. Per i prossimi tre anni Soprintendenza e Clust-ER Build collaboreranno alla formazione professionale dei professionisti, delle imprese e delle Pubbliche Amministrazioni su temi prioritari, promuovendo incontri, convegni, mostre e seminari tesi a diffondere la cultura della conservazione e valorizzazione del patrimonio edilizio e attivando azioni comuni di promozione e sensibilizzazione sulle fonti rinnovabili e più in generale sul tema della sostenibilità nel contesto dell’ambiente costruito in genere, in linea con quanto richiesto dalle direttive europee e con le migliori pratiche internazionali, nel pieno rispetto delle normative vigenti in ambito nazionale. La conservazione del patrimonio costruito richiede un modello sostenibile dal punto di vista ambientale, economico e sociale. Concentrarsi sul miglioramento della gestione delle aree storiche costruite, combinando la manutenzione giornaliera del patrimonio storico con la sua conservazione e valorizzazione in modo sostenibile permetterà lo sviluppo di nuove soluzioni su come valutare l’uso e il valore storico delle aree costruite e su come ottimizzare le prestazioni degli edifici (la loro efficienza energetica e l’aumento del comportamento strutturale). martedì 16 aprile 2019, dalle 14,30 alle 17 Palazzo Dall’Armi Marescalchi sede della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio via IV Novembre n. 5 Bologna Introduce Cristina Ambrosini, Soprintendente Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara Intervengono Marcello Balzani, Presidente del cluster BUILD Giorgio Pagliarini, Chair della Value Chain Green to Build del cluster Build


MiBAC (DGAAP) stanzia 600.000 euro per la riqualificazione delle periferie

Prende il via la seconda edizione del “Premio CREATIVE LIVING LAB” voluto e promosso dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del MiBAC, diretta da Federica Galloni. Il Premio ha come obiettivo la promozione di progetti culturali innovativi per la rigenerazione di spazi, zone di verde, edifici dismessi o abbandonati in aree periferiche o connotate da marginalità sociale. Il bando è rivolto a soggetti pubblici e privati senza scopo di lucro come enti locali, associazioni, fondazioni, comitati attivi sul territorio. Architetti, designer, scrittori, registi, fotografi, psicologi e sociologi sono chiamati, quali mediatori culturali forti, a mettere a disposizione le proprie competenze specifiche per garantire la qualità dei progetti. Saranno premiate le proposte che punteranno a rafforzare il senso di comunità e di appartenenza, con lo scopo di favorire attività di riqualificazione, incentivando anche il rilancio di modelli di gestione e di microeconomie locali. Si rafforza così un sistema di autorganizzazione dal basso, ponendo chi vive nei territori periferici direttamente al centro del progetto. “Il grande successo della precedente edizione del premio - spiega Federica Galloni, Direttore della DGAAP – ha mostrato l’impegno e la diffusione su tutto il territorio nazionale di una fitta rete di associazioni e realtà locali. La Direzione intende quindi incrementare e sostenere tali processi di crescita, attraverso il lavoro coeso delle comunità locali, dei professionisti e delle istituzioni. Il bando si pone il fine ultimo di offrire nuove opportunità di condivisione e riappropriazione di luoghi per migliorare la qualità della vita dei cittadini”. In occasione di questa seconda edizione infatti verranno stanziati dalla DGAAP circa 600mila euro totali, per un massimo finanziabile di 35mila euro per ciascun progetto. Si potranno proporre micro-progetti, attività formative e laboratoriali come workshop, seminari di arti performative, esposizioni e laboratori artistici, da sviluppare in 6 mesi e che possano produrre risultati duraturi. Il bando può essere scaricato sul sito internet: http://www.aap.beniculturali.it/index.html La domanda di partecipazione dovrà essere inoltrata tramite la piattaforma: www.aap.beniculturali.it/creative_living_lab/ previa registrazione entro e non oltre le ore 12.00 del 10 giugno 2019.


Carabinieri della Tutela Agroalimentare di Messina: operazione ’’grano sicuro’’

A seguito di ispezione presso azienda operante nel commercio all’ingrosso di prodotti cerealicoli, in provincia di Caltanissetta, hanno sequestrato 436 tonnellate di grano, del valore di circa 90mila euro, per la carenza di sicurezza alimentare e sanitaria. Nel corso della verifica, nell’area di stoccaggio, si riscontrava la presenza di escrementi e di numerosi piccioni. Nel corso del corrente anno i 5 RAC dislocati sul territorio (Torino, Parma, Roma, Salerno e Messina) , nell’espletamento dei controlli straordinari nella filiera agroalimentare, ponendo particolare attenzione alla sicurezza alimentare nel comparto cerealicolo hanno sequestrato, sinora, 2.926 tonnellate di grano in cattivo stato di conservazione o detenuto in magazzini non registrati, per un valore complessivo di circa 600mila euro. Contestati illeciti amministrativi per diverse migliaia di euro.


Il ritorno del ‘Marziano’ Marino: “Virginia Raggi responsabile della decadenza di Roma”

Mi pare che i romani e le romane la vedano male, non solo sporca e piena di buche, ma disgregata, decadente, senza prospettiva, violenta. Di questo la sindaca ha la piena responsabilità politica”. Così l’ex sindaco della Capitale Ignazio Marino rispondendo a una domanda del Messaggero su un giudizio dell’operato della sindaca di Roma Virginia Raggi. Sull’arresto del presidente M5S dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito, tra i suoi accusatori al tempo del caso scontrini, Marino ha spiegato che “è un fatto grave e fa un gran male a tutti. È il segno che Roma non riesce a cambiare, che attorno alla politica continuano a gravitare troppi interessi negativi. Io non ho risentimento, sono deluso e amareggiato per la malafede e la disonestà intellettuale dei grillini”. Marino ne ha pure per Matteo Renzi e Matteo Orfini: “Il primo ha distrutto il Pd, lacerato il centrosinistra e consegnato il Paese alla destra, sovranista e populista. Il secondo ha perso miseramente le elezioni a Roma. Che vuole commentare? Sarebbe come sparare sulla Croce Rossa”.


Roma, Raggi: scuse a Tor Bella Monaca per disagi lavori strade

“La prossima settimana inizieranno i lavori di manutenzione straordinaria a via di Tor Bella Monaca, nella periferia est della città. I cittadini li attendevano da anni, ecco cosa ne pensano”. Lo scrive la sindaca di Roma Virginia Raggi postando un video con gustosi commenti di abitanti del quartiere. “I lavori cominceranno nel tratto compreso tra Via Cambellotti e Via del Fuoco Sacro, poi sarà la volta delle rampe da e per il grande Raccordo Anulare (GRA) e si proseguirà con il tratto dal GRA fino alla rotatoria con Via di Torrenova. La pavimentazione stradale verrà completamente rifatta per uno spessore di circa 30 cm, con un massimo di 50 cm in corrispondenza delle rampe del GRA”, aggiunge la sindaca. “Saranno previsti restringimenti di carreggiata e, nel caso delle rampe, l’interdizione al traffico. I lavori coinvolgeranno la viabilità della zona: la durata prevista dei lavori sarà di circa 150 giorni lavorativi. Ci scusiamo in anticipo per gli eventuali disagi dovuti ai cantieri, so che di pazienza ne avete avuta parecchia in questi anni, il risultato ripagherà l’attesa”, conclude.


Roma, Raggi: Viaggio del Ricordo è seme per non rivivere passato

“Al Magazzino 18 di Trieste gli oggetti raccontano le storie di volti senza nome, di testimoni silenziosi di quel che fu l’Esodo Giuliano-Dalmata. Abbiamo il compito di dare voce a queste storie, di far conoscere e di non dimenticare quanto accaduto in queste terre. Suscitare emozioni, toccare con mano quei tragici ricordi sono il modo migliore per trasmettere la memoria ai più giovani. Per lasciare un seme che permetterà alle nuove generazioni di non rivivere le tragedie del passato”. Lo scrive su fb la sindaca di Roma Virginia Raggi. “Ieri abbiamo incontrato, insieme al console generale Giuseppe Dagosto, il sindaco, il vicesindaco e la comunità di Capodistria. Oggi, insieme al console generale Paolo Palminteri, gli studenti della scuola italiana e la comunità di Fiume. Il nostro Viaggio del Ricordo serve a costruire un percorso tra i tasselli mancanti di quella storia. Un percorso che guarda al futuro con ottimismo e speranza. Per questo immaginiamo anche dei gemellaggi tra le nostre scuole e quelle dei luoghi visitati. La storia futura è nelle nostre mani ed è tutta da scrivere. Per un domani condiviso di armonia tra le genti che hanno radici comuni”, conclude


Furti carburante oleodotti, 17 arresti in varie città

Dall’alba di giovedì, al termine di un’accurata attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, Gruppo reati gravi contro il patrimonio e gli stupefacenti, diretto dal Procuratore Aggiunto Dott.ssa Lucia Lotti, i Carabinieri della Compagnia di Ostia stanno eseguendo l’arresto di 17 persone, destinatarie di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere – emessa dal GIP presso il locale Tribunale – perché ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti pluriaggravati di carburante in danno di oleodotti che forniscono l’aeroporto di Roma Fiumicino, nonché di incendio aggravato su materie combustibili, possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi e trasporto di persone prive di titolo di soggiorno al fine di procurarne l’ingresso illegale nel territorio dello Stato. La vasta operazione, che vede impiegati più di 150 Carabinieri, è iniziata questa mattina all’alba e interessa le città di Roma e Provincia, Napoli, Trieste e Cagliari, dove si stanno rintracciando tutti gli appartenenti al sodalizio criminale. I componenti della banda di ladri di carburante, arrestati dai Carabinieri di Ostia, sono ritenuti responsabili anche dell’esplosione e del conseguente incendio del pozzetto di ispezione della rete ENI, avvenuto la notte del primo dicembre dello scorso anno, che richiese l’intervento di svariate squadre dei Vigili del Fuoco e che ha provocò la chiusura per alcune ore del traffico della limitrofa autostrada Roma - Civitavecchia, oltre all’ingente danno economico di bonifica per la società proprietaria della conduttura. Nel corso di un tentativo di furto, la banda provocò una fuoriuscita di carburante da cui scaturì il tutto. A capo dell’associazione per delinquere, i Carabinieri hanno individuato un italiano 42enne, imprenditore della provincia di Roma, che attraverso la sua fitta rete di conoscenze nell’ambiente della commercializzazione degli idrocarburi, si occupava di smerciare “in nero” il carburante rubato, oltre a fornire tutto il sostegno logistico necessario agli altri membri dell’associazione: dal deposito per la temporanea custodia del carburante rubato, all’individuazione delle strutture alloggiative ed al noleggio dei mezzi impiegati per le incursioni.


Malore nel traffico, muore bambino a Roma

Un bambino di 11 anni è morto su via Cristoforo Colombo, all’altezza di Casal Palocco. Il piccolo era all’interno di un’automobile ferma in coda a causa del traffico paralizzato (dovuto a incidenti e chiusure stradali per il Gran Premio di Formula E), si è sentito male ed è morto. Stando a quanto riporta il quotidiano locale ilFaro, il fatto è avvenuto all’altezza di via Wolf Ferrari. Un uomo alla guida di un’auto ha accostato perché il piccolo si era sentito male. Sul posto sono intervenuti gli agenti del Gruppo Gipt della Polizia Locale e le ambulanze. niente da fare per il piccolo. La carreggiata laterale della via Cristoforo Colombo, informa Luceverde Roma, è stata chiusa al traffico in direzione del centro città. “Non prendete la Colombo e la laterale stanno in mezzo alla strada praticando il massaggio cardiaco .. una preghiera .. è tutto bloccato”, scriveva su un gruppo Facebook una utente.


Auto vola giù dal Viadotto della Magliana: grave incidente in mattinata

Una Lancia Y è volata giù dal viadotto della Magliana, a Roma, intorno alle 4.20 di giovedì mattina. Grave il conducente dell’auto, un 47enne, trasportato in codice rosso al San Camillo dal 118. In corso i rilievi del IX Gruppo Eur della Polizia di Roma Capitale per accertare la dinamica: da una prima ricostruzione, sembrerebbe che il veicolo abbia sfondato il guardrail e sia poi precipitato all’altezza di Parco Rosati, finendo dentro lo “Sporting Club Eur”.


Lazio Semplice, una Regione più “leggera” e veloce per cittadini, imprese e territori

Se anche tu appena senti nominare la parola “burocrazia” hai un attacco di orticaria e se, ogni volta che compili moduli e scartoffie varie pensi che tutto potrebbe essere più semplice? La risposta, se vivi nel Lazio, puoi proporre davvero di rendere le cose più semplici. Infatti, la Regione Lazio, ha da qualche mese lanciato un portale chiamato LazioSemplice. All’atto pratico, attraverso questo portale web tutti i cittadini, le imprese e le amministrazioni, possono inviare proposte e suggerimenti per semplificare leggi e regolamenti della Regione Lazio su argomenti che riguardano per la vita quotidiana come scuola, salute, turismo, lavoro e molto altro. Anche il funzionamento del portale web è “semplice”, ti iscrivi utilizzando un indirizzo email e poi inserisci la tua proposta. Tutti i suggerimenti vengono selezionati dall’apposita Commissione regionale e i migliori vengono inseriti nel Piano annuale di Semplificazione. Si tratta quindi di uno strumento di partecipazione molto importante a disposizione di tutte e tutti, che hanno così la possibilità di essere parte integrante della vita “decisionale” del proprio territorio. Fino ad oggi, comunque, l’amministrazione Zingaretti ha già introdotto tante misure innovative. Per citarne qualcuna, ad esempio non è più necessario il certificato medico chi manca da scuola per più di cinque giorni, ma sarà sufficiente un’autocertificazione dei genitori; oppure si possono pagare online i tributi regionali e chi ha un’azienda agricola potrà aprire un agriturismo o fare attività dedicate ai più piccoli. Riguardo all’ambiente, sono stati stanziati più di 3 milioni di euro per riqualificare il fiume Tevere, attraverso il sostegno di amministrazioni, privati e associazioni per rendere navigabile il tratto da Castel Giubileo alla foce. Poi la grande notizia dell’ampliamento del parco dell’Appia Antica, esteso di oltre 1.500 ettari e la più grande delle espansioni approvate, di circa 800 ettari, così ha collegato meglio il Parco al centro di Roma. I cittadini del Lazio quindi sono invitati “a dire la loro”, ad offrire le proprie idee per migliorare la vita di tutti con un mezzo semplice ed accessibile e che, soprattutto, produce dei risultati concreti nell’amministrazione regionale.


Formula E, chiuso tratto di via Cristoforo Colombo

In vista dell’edizione 2019 della Formula E, la gara delle auto elettriche da corsa che ha riscosso grande successo l’anno passato, in programma sabato 13 aprile all’Eur, proseguono gli interventi che determinano modifiche alla circolazione, alla sosta delle auto e in generale al trasporto pubblico. Durante la prima fase, quella di installazione delle strutture, dal 31 marzo al 10 aprile, lavori di notte, dalle 20.30 alle 5.30, con riduzione progressiva dei posti auto, prime modifiche alla circolazione e deviazione delle linee di bus che servono il quartiere. Al lavoro anche una squadra di oltre 20 detenuti della Casa Circondariale di Rebibbia, nell’ambito del progetto #MiRiscattoPerRoma. Puliscono le aree verdi intorno al circuito, falciano l’erba, eliminano micro-discariche e piccoli insediamenti abusivi. Un’attività partita il 23 marzo e che terminerà tra qualche giorno, frutto di un’azione coordinata tra Dipartimento Tutela Ambientale di Roma Capitale, Ama e Amministrazione Penitenziaria. All’origine, un’intesa siglata da Roma Capitale e Ministero della Giustizia. Alla prima fase di interventi segue quella per le giornate di gara: dal 10 al 15 aprile, con la completa interdizione al traffico sull’area del circuito (chiusura di via Cristoforo Colombo tra viale Oceano Atlantico e via Laurentina), già a partire dalle 20.30 del 10 aprile e fino alle 5.30 del 15 aprile. Poi, dal 15 al 21 aprile, si smantellano le strutture, la Cristoforo Colombo riapre alle 5.30 di lunedì 15 aprile. Al lavoro di nuovo di notte: parcheggi e viabilità tornano alla normalità quotidiana. Roma Mobilità sta attivando tutti i canali di comunicazione con gli enti coinvolti (Anas e Autostrade per avvisare gli automobilisti su GRA e autostrade verso Roma, WAZE per instradare gli utenti su itinerari alternativi alla Colombo. Previsti itinerari alternativi per minimizzare l’impatto sulla viabilità (Ardeatina, Laurentina, Ostiense-via del Mare, autostrada Roma-Fiumicino).




Commercio e artigianato in centro storico, approvate modifiche al regolamento

Approvate dalla Giunta capitolina alcune modifiche al regolamento per l’esercizio delle attività commerciali e artigianali nella città storica (delibera n.47 del 2018), per renderne più fluida l’applicazione. Novità che, mantenendo l’impianto originario, delineano un quadro di norme più chiaro e definito, esito del confronto con gli operatori e le associazioni di categoria e di un più approfondito studio del territorio. Il regolamento aggiornato introduce modalità alternative alla dimostrazione del requisito di professionalità per l’apertura delle attività tutelate, come la specifica esperienza professionale nella propria attività o il possesso di attestato di abilitazione professionale riconosciuto dagli enti preposti. Quanto agli arredi negli esercizi alimentari con consumo sul posto, sono stati meglio precisati i criteri per favorire una corretta applicazione della norma. In tema di subingresso, poi, resta valido lo stop per le attività vietate, mentre è ammesso in quelle non tutelate fino a definitiva cessazione. Sempre consentito, invece, in quelle tutelate. Ulteriore modifica, la possibilità per gli operatori di svolgere congiuntamente le attività tutelate, unendo nello stesso esercizio commercio e artigianato. Una revisione regolamentare che punta – osserva il Campidoglio in una nota – a “coniugare decoro, legalità e sviluppo delle imprese”.


Roma, Giorgetti e Raggi presentano gli Internazionali BNL d’Italia 2019

"Stiamo portando a casa un vero successo, gli Internazionali costituiscono un grande evento per l’intera citta’: Roma con il tennis diventa protagonista. Fra le grandi novita’ che daranno lustro alla Capitale, porteremo il tennis anche in periferia, infatti un campo sara’ presente, in modo definitivo, anche nel VI municipio". Cosi’ il sindaco di Roma Virginia Raggi intervenuta oggi presso la Sala dei Galeoni di Palazzo Chigi, sede della Presidenza del Consiglio dei ministri, la 76esima edizione degli Internazionali Bnl d’Italia in programma dal 6 al 19 maggio al Parco del Foro Italico. Sono intervenuti, tra gli altri, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, il presidente della Fit Angelo Binaghi e il presidente del Coni Giovanni Malago’. "Noi ce la mettiamo tutta, puntiamo che il tennis si pratichi 365 giorni l’anno e con queste iniziative moltiplichiamo l’esercizio di questo sport sperando che la nostra citta’, in futuro, possa avere qualche campione", ha concluso la prima cittadina di Roma. Numeri in crescita per gli Internazionali di tennis: in totale alla fine della scorsa settimana la prevendita ha gia’ fruttato un incasso di 7.221.190, con un incremento dell’11 per cento rispetto al 2018. I biglietti giornalieri venduti alla data del 5 aprile sono 65.378, mentre gli abbonamenti gia’ venduti sono 1.159. Ricordiamo che nel 2016 per la prima volta e’ stato abbattuto il muro delle 200.000 presenze al Foro Italico (204.816). Per gli appassionati che vivono lontano da Roma c’e’ il pacchetto hotel+biglietto: per acquistarlo e’ sufficiente collegarsi ai siti dedicati (www.federtennis.it e www.internazionalibnlditalia.com) e seguire le istruzioni. Come ogni anno, circa 30 biglietti saranno in vendita ai botteghini del Foro Italico la mattina di sabato 18 e domenica 19 maggio. Dal 2011 il torneo si gioca con la formula ’combined event’: le gare del tabellone femminile si alternano a quelle del maschile. Nella stessa giornata, come nei quattro tornei del Grande Slam, sara’ possibile ammirare il numero uno al mondo Novak Djokovic, Rafa Nadal e gli altri top player a cominciare dai Next Gen Alexander Zverev (vincitore nel 2017 e finalista lo scorso anno) e Stefanos Tsitsipas. Nella entry list e’ presente anche Roger Federer. Sempre nella stessa giornata si potranno applaudire le protagoniste del circuito femminile: da Serena Williams, che torna al Foro Italico dopo tre anni a Maria Sharapova, dalla numero uno Wta Naomi Osaka a Simona Halep ed Elina Svitolina, vincitrice delle ultime due edizioni. Gli appassionati potranno inoltre sostenere le azzurre e gli azzurri: da Camila Giorgi e Sara Errani a Fabio Fognini, Andreas Seppi, Marco Cecchinato e Matteo Berrettini. Un appuntamento da anni a pieno titolo tra i piu’ prestigiosi del calendario mondiale. Le prime gare si giocheranno gia’ sabato 4 maggio con le pre-qualificazioni; sabato 11 e domenica 12 le qualificazioni e anche 8 incontri del main draw maschile. Domenica 19 maggio le finali. Gli incontri dei tabelloni principali saranno suddivisi in due sessioni, una diurna e una serale. L’inizio alle ore 11 su tutti i campi. Sul Centrale, giudicato da tennisti e addetti ai lavori come lo stadio con la miglior visibilita’ al mondo, la sessione serale avra’ inizio alle ore 19.30: in campo un incontro maschile e uno femminile. Sulla Grand stand arena il programma proporra’, invece, una ’long session’ (cinque match al giorno a partire dalle ore 11) che offrira’ agli appassionati un "menu" lunghissimo e di prim’ordine. Semifinali e finali si giocheranno sul Centrale. Saranno particolarmente attivi i canali social del torneo (Facebook, Twitter, Instagram, Instagram stories, Snapchat e Spotify) e di SuperTennis Tv. Lo storytelling del torneo sara’ ancora piu’ ricco e unico nel suo genere, puntando in particolare sui contenuti video: gli allenamenti, il backstage, i campioni del tennis nazionale e internazionale. L’hashtag ufficiale per condividere le emozioni e il racconto del torneo sui social e’ #ibi19. Il sito www.internazionalibnld’italia.com sara’ la prima fonte di notizie e informazioni sul torneo, su tutto, dai match al meteo, da come arrivare al Foro italico alla disponibilita’ dei biglietti, alle curiosita’ in campo e fuori per essere aggiornati minuto per minuto su quanto accade. In merito ai progetti annunciati nelle scuole dal sindaco di Roma Virginia Raggi, ’Racchette di classe’ e’ giunto alla quarta edizione. Il progetto riunisce tre Federazioni sportive nazionali (Federazione italiana tennis , Federazione italiana badminton - Fiba, Federazione italiana tennis tavolo - Fitet) e si offre l’opportunita’ agli alunni della scuola primaria di sperimentare alcuni importanti aspetti formativi del MiniTennis, del MiniBadminton e del MiniTennisTavolo. I finalisti del progetto, oltre mille, sono attesi a Roma per la due giorni della festa finale del 7 e 8 maggio. Nel corso della manifestazione sportiva i premi "Racchetta d’oro 2019" saranno assegnati all’ex azzurra Roberta Vinci, vincitrice di 4 Fed cup e di 10 titoli Wta e finalista nel 2015 agli Us open e al brasiliano Guga Kuerten, vincitore al Foro italico nel 1999 e finalista nel 2000 e nel 2001, oltre che campione tre volte al Roland Garros. Il prestigioso e’ diventato nel corso degli anni un premio sempre piu’ ambito che viene attribuito ai piu’ grandi campioni del passato. Al torneo per i giocatori in carrozzina, che fa parte dell’Uniqlo Wheelchair Tour, prenderanno parte alcuni fra i piu’ forti atleti al mondo. L’evento, promosso con il sostegno di Bnl, festeggia la decima edizione e si svolgera’ da mercoledi’ 8 a venerdi’ 10 maggio. Infine, in collaborazione con il Comune di Roma e Confcommercio, gli Internazionali Bnl d’Italia ’invaderanno’ sia una delle zone commerciali piu’ prestigiose e frequentate della Capitale, via Cola di Rienzo, sia un luogo simbolo, il Ponte della musica, che unisce idealmente l’area del Foro Italico con il cuore della citta’. Il progetto "TenniSmile" comprendera’ una serie di iniziative che coinvolgera’ negozi e cittadini creando una sorta di filo diretto con i campi dove si sta disputando il torneo. Sempre in collaborazione con l’amministrazione capitolina e con la Fidal (Federazione atletica leggera) gli Internazionali saranno protagonisti di "Via libera": come gia’ lo scorso 24 marzo nelle tre domeniche in cui un lungo percorso cittadino sara’ completamente pedonalizzato (28 aprile, 12 maggio e 16 giugno), saranno installati due campi da minitennis ai Fori Imperiali e in via Cola di Rienzo: tutti potranno giocare e migliorare il proprio tennis con i tecnici federali Fit.


Internazionali d’Italia, Raggi: "Copertura centrale Foro Italico in dirittura d’arrivo"

"Siamo in dirittura d’arrivo per la famosa copertura sul campo centrale per vivere sport dodici mesi l’anno: questo non puo’ che far bene a Roma, fara’ impennare le attivita’ e noi siamo molto contenti". Lo ha dichiarato il sindaco di Roma Virginia Raggi durante la conferenza stampa di presentazione della 76esima edizione degli Internazionali d’Italia a Palazzo Chigi. "Tutti insieme stiamo portando a casa un vero successo - ha sottolineato la prima cittadina di Roma -. Gli Internazionali a Roma riversano un ruolo fondamentale per l’intera citta’: la zona del Foro Italico e del centrale sono sotto i riflettori, il tennis diventa protagonista. Inoltre lo spettacolo noi lo portiamo in tutta la citta’: grazie al Coni abbiamo infatti portato il tennis in periferia".


Villaggio per la Terra 2019: dal 25 al 29aprile al Galoppatoio Villa Borghese a Roma

Anche quest’anno lo sport rappresenterà una grande parte del programma del Villaggio per la Terra, la manifestazione di sensibilizzazione sulle tematiche di sostenibilità ambientale e sociale, organizzata a Roma da Earth Day Italia e dal Movimento dei Focolari. Villaggio Sport4Earth 25-29 aprile, dalle 9 alle 19 al Galoppatoio di Villa Borghese Lo sport può essere uno straordinario veicolo per la promozione di integrazione, amicizia, rispetto per sé stessi e per l’ambiente che ci circonda. Questo è lo spirito che anima il Villaggio Sport4Earth, nella cornice del Villaggio per la Terra. Con il patrocinio del CONI e del CIP Comitato Italiano Paralimpico e la partecipazione di oltre 35 tra federazioni, associazioni sportive e gruppi sportivi militari, il Villaggio Sport4Earth offrirà a tutti la possibilità di sperimentare gratuitamente un grande numero di discipline sportive, alcune anche molto originali, tra tornei, dimostrazioni e incontri con grandi campioni. Tra gli eventi e le attività principali: il Campionato Italiano di Società di Tiro con l’Arco, il 27 e 28 aprile, che per la prima volta vedrà le 32 migliori squadre della Federazione Italiana Tiro con l’Arco sfidarsi per il titolo nazionale maschile e femminile a Villa Borghese; la tappa italiana del 33BK Tour, torneo internazionale di mini basket maschile e femminile il 27 e 28 aprile, con la presenza degli ex nazionali Jack Galanda, Davide Bonora e Alex Righetti; il torneo di calcio giovanile, con le squadre di AS Roma Academy e SS Lazio Academy organizzato dal Salaria Sport Club; i campioni del mondo della Federazione Italiana Dama che, come lo scorso anno, si presteranno a spettacolari partite in simultanea contro chiunque voglia sfidarli, il Torneo Italiano Open Misto organizzato dalla Federazione Italiana di Calciobalilla. Oltre alle gare torneranno sul prato del galoppatoio: il campo di volley della Federazione Italiana Pallavolo, animato dal grande Andrea Lucchetta; il ring e i campioni delle Fiamme Azzurre; il muro dell’arrampicata sportiva gestito dal personale del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza ; due campi da mini tennis con istruttori della Federazione Italiana Tennis; due tavoli da ping pong gestiti dalla Federazione Italiana Tennis Tavolo; i pony della Federazione Italiana Sport Equestri - Lazio; i campi da mini golf del Movimento Sportivo Popolare (MSP); il campo di Fireball, la nuova disciplina che dagli Stati Uniti si sta diffondendo anche in Italia, promossa da AICS Associazione Italiana Cultura e Sport; le lezioni e dimostrazioni di atleti e istruttori delle Fiamme Oro, del Gruppo Sportivo dei Carabinieri e di altre associazioni e federazioni. Tra gli sport praticabili, tutti gratuitamente: badminton, canottaggio, fitness, freestyle, ginnastica, parkour, judo, karate, scherma, slikeline, pesi, rugbytots. Per ulteriori informazioni: www.villaggioperlaterra.it/villaggio-sport4earth Talk PEACE - Metti in campo lo sport! 25 aprile, ore 15-16.30 presso l’Area Meeting al Galoppatoio di Villa Borghese Condotto da Tommaso Liguori, caporedattore di Sky Sport, il talk è centrato sul tema: “Conflitto e Rispetto”. Gli ospiti e il pubblico rifletteranno sul ruolo dello sport e della competizione come valori positivi, tramite di integrazione e responsabilità sociale, per superare gli stereotipi del tifo contro, della rivalità e del disprezzo dell’avversario. Il talk “Peace” rappresenta il focus sportivo per eccellenza del Villaggio per la Terra. Quest’anno è organizzato in collaborazione con Il Cortile dei Gentili #BeAlive e Sportmeet. Tra gli ospiti invitati a offrire al dibattito il proprio contributo personale: la più grande schermitrice di tutti i tempi, Valentina Vezzali, l’atleta paralimpica Giusy Versace (in attesa di conferma), la lunghista due volte campionessa del mondo Fiona May e il rugbista Andrea Lo Cicero. Parteciperanno anche p. Laurent Mazas, direttore esecutivo del Cortile dei Gentili, e Paolo Cipolli, presidente di Sportmeet. Tra i rappresentanti istituzionali sono attesi il Presidente della Federazione Italiana Canottaggio Giuseppe Abbagnale, e il Presidente dell’Istituto per il Credito Sportivo Andrea Abodi. Tra i relatori anche il Presidente dell’Associazione Familiari Vittime dell’Heysel, Andrea Lorentini. Tra i relatori del talk anche Diego Nepi Molineris, Direttore Marketing del CONI, che nell’occasione lancerà l’evento del Concorso Ippico Internazionale di Piazza di Siena; e Giulio Bencini responsabile del progetto “NOVIS – no violence in sport”, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito di Erasmus+. La conclusione sarà affidata a S. Ecc.za Mons. Claudio Giuliodori, Assistente Ecclesiastico dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, che vanta un passato da sportivo praticante. Per ulteriori informazioni: www.villaggioperlaterra.it/talkshow-peace-metti-in-campo-lo-sport Giornata Diocesana del Gioco e dello Sport 25 aprile, dalle 9 alle 13..30 al Galoppatoio di Villa Borghese Nella giornata inaugurale, il Villaggio per la Terra ospiterà la prima Giornata Diocesana del Gioco e dello Sport che è stata intitolata: “Dare il meglio di sé”. L’evento, rivolto a bambini e ragazzi fino a 14 anni, è stato organizzato dalle associazioni della diocesi di Roma che si occupano della crescita e dell’accompagnamento dei giovani attraverso la pastorale del gioco e dello sport: Centro Oratori Romani, Azione Cattolica di Roma, Centro Sportivo Italiano, Unione Sportiva ACLI, Polisportive Giovanili Salesiane, Associazione Nazionale San Paolo Italia, Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani e Scout d’Europa. Ognuna disporrà di un’area dedicata all’interno dello spazio verde del Galoppatoio di Villa Borghese nella quale animare giochi tradizionali e gare sportive per i giovani visitatori: biliardino, tiro al bersaglio, pesca bendata, dodgeball, badminton, golf, corsa, percorsi a ostacoli, tiri a canestro, lancio del vortex, frisbee e così via. Lo scopo è favorire il divertimento e lo stare insieme, sia con i coetanei sia con le famiglie. Alle 12.30 sarà celebrata la Messa presieduta dal segretario generale del Vicariato di Roma mons. Gianrico Ruzza vescovo ausiliare di Roma. Per ulteriori informazioni: www.villaggioperlaterra.it/giornata-diocesana-dello-sport-il-25-aprile-al-villaggio


Notte dei Musei 2019, Roma: pubblicato avviso concorreziale per selezione progetti animazione culturale e spettacolo dal vivo

In occasione della prossima edizione della manifestazione “Notte dei Musei 2019” che si svolgerà a Roma sabato 18 maggio 2019, in contemporanea con trenta paesi europei. Gli Enti, le Associazioni, le Società o altri soggetti che siano in possesso di partita IVA e che svolgano attività continuativa e preminente nel campo della cultura e/o spettacolo, in base ai requisiti richiesti dall’Avviso Concorrenziale, possono presentare i progetti entro le ore 12.00 del 3 maggio 2019. La documentazione per partecipare alla selezione è scaricabile sul sito www.zetema.it al link https://gareappalti.zetema.it/PortaleAppalti/it/ppgare_avvisi_lista.wp?actionPath=/ExtStr2/do/FrontEnd/Avvisi/view.action¤tFrame=7&codice=A00002 La manifestazione, che si svolge con successo in tutta Europa a partire dal 2005, giunge alla sua undicesima edizione nella Capitale, che aderisce anche quest’anno all’iniziativa aprendo straordinariamente al pubblico in orario serale i Musei Civici (dalle 20.00 alle 02.00) e consentendo ai visitatori di ammirare gli spazi museali, con le collezioni permanenti e le mostre temporanee ospitate, e di assistere a un ricco programma di concerti e spettacoli dal vivo, pagando un biglietto d’ingresso simbolico pari solo a 1 euro. L’ingresso sarà invece completamente gratuito per i possessori della MIC card. Tra i Musei Civici coinvolti: MUSEI CAPITOLINI, CENTRALE MONTEMARTINI, MUSEO DELL’ARA PACIS, MUSEO DI ROMA A PALAZZO BRASCHI, MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE, MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI, MUSEI DI VILLA TORLONIA. La manifestazione è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con il coordinamento organizzativo di Zètema Progetto Cultura. NOTTE DEI MUSEI Sabato 18 maggio 2019 Ingresso 1 euro per accedere a ogni museo, salvo che non sia diversamente indicato. Musei aperti dalle ore 20.00 alle 02.00 (ultimo ingresso alle ore 01.00


Arte e Impresa, Roma: Scrivere con la luce. La fotografia tra arte, storia e documento

Scrivere con la luce. La fotografia tra arte, storia e documento. L’evento si terrà martedì 16 aprile 2019 alle ore 10:00 presso la sala conferenze dell’ENIT- Agenzia Nazionale del Turismo a Roma in via Marghera 2. Il concept di Arte e Impresa si pone l’obiettivo di generare un dialogo tra il mondo pubblico e quello privato sul tema dell’arte, della cultura e della valorizzazione. Dopo la presentazione di Arte e impresa. Proteggere, gestire, valorizzare del 2018, in questo secondo appuntamento Minerva4Art dedica Scrivere con la luce. La fotografia tra arte, storia e documento agli archivi fotografici e documentari con un approfondimento discorsivo e visuale sull’importanza della corretta archiviazione, conservazione e valorizzazione della fotografia. Oggigiorno la società contemporanea si basa quasi esclusivamente sulla riproduzione delle immagini digitali, mentre la fotografia stampata ha sempre meno spazio, non solo per quel che riguarda il mondo dell’informazione e della documentazione, ma anche per il nostro vissuto quotidiano. La fotografia, cosi come scrive Baudelaire nel 1859, “salvi dall’oblio le rovine pericolanti, i libri, le stampe e i manoscritti che il tempo divora, le cose preziose la cui forma va scomparendo e che esigono un posto negli archivi della memoria”. Il convengo Scrivere con la luce. La fotografia tra arte, storia e documento è un momento di riflessione e condivisione sul ruolo della fotografia come mattone su quale costruire gli archivi della memoria e della società contemporanea. Proprio dalla fiducia sulle possibilità analitiche e descrittive dell’immagine fotografica nasce l’idea degli archivi fotografici documentari. Le aziende e gli enti partecipanti come Eni, Archivio Storico Olivetti, Fondazione Ansaldo, Enit, Ales S.p.a., Difesa e Servizi S.p.A., Confindustria, Università Sapienza di Roma, American Academy at Rome, British School At Roma, ICRCPAL e ICCD- Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione hanno la possibilità di raccontare, con una stampa su grande formato, un episodio visivo proveniente dai loro archivi privati, per coinvolgere il pubblico non solo per quel che riguarda il vissuto storico e lavorativo dell’azienda, ma anche per avviare una riflessione sui cambiamenti sociali e culturali avvenuti in questi anni nel nostro Paese. Nello specifico il convegno Scrivere con la luce. La fotografia tra arte, storia e documento approfondirà le seguenti tematiche: I) Arte, Storia e Società: Gli archivi fotografici documentari II) Gli Archivi Fotografici nell’era del digitale III) La fotografia oggi: Conservazione, tutela e fruizione Nella giornata inaugurale interverranno docenti universitari, ospiti istituzionali e professionisti del settore, con l’obiettivo di avviare un dialogo tra il mondo del Pubblico e quello del Privato e discutere sulle seguenti possibilità e valore della fotografia come storia, memoria, identità. La fotografia come documento, architettura del tempo. La fotografia come arte e testimonianza dell’arte. La fotografia come radice del futuro, ricerca, ineluttabilità.


Assistenza alloggiativa, pubblicato secondo bando per accesso al SASSAT

Il Dipartimento Patrimonio e Politiche Abitative ha pubblicato l’avviso speciale riservato agli assegnatari di Assistenza Alloggiativa Temporanea CAAT risultati esclusi con il primo bando SASSAT (Servizio di Assistenza e Sostegno Socio Alloggiativo Temporaneo). L’avviso speciale attua una mozione dell’Assemblea Capitolina del 12 marzo. Obiettivo: tutelare i nuclei familiari in assistenza alloggiativa, anche in considerazione della complessità rilevata nel bando SASSAT 2017 e nell’intento di ridurre al minimo eventuali errori materiali, garantendo un equo e trasparente accesso al servizio di tutti i cittadini interessati. Per informazioni, chiarimenti e aiuto è disponibile lo sportello al pubblico del Dipartimento, in via Quadrato della Concordia 4 all’Eur, aperto il martedì e il giovedì dalle 8.30 alle 12.30. Per orientamento e supporto nella compilazione della domanda è inoltre attivo un servizio telefonico ai numeri 06-67106161 e 06-67106333, tutti i martedì e giovedì dalle 9.00 alle 12.30. Il termine per la presentazione delle domande è fissato alle ore 13.00 del 24 maggio 2019.


Roma, su veicolo car sharing non si fermano a stop carabinieri e provocano incidente: due in manette

Hanno notato il posto di controllo dei Carabinieri e all’alt, invece di fermarsi, hanno ingranato la marcia tentando la fuga. E’ accaduto, la scorsa notte, in via Prenestina. In manette, arrestati dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Casilina, sono finiti una 24enne originaria di Napoli e un 25enne della Repubblica Centroafricana, entrambi domiciliati a Roma e già noti alle forze dell’ordine. Impegnati in un controllo alla circolazione stradale, i Carabinieri hanno intimato l’alt ai due che viaggiavano a bordo di un’auto di un’azienda di “car sharing” della Capitale, ma la loro richiesta è stata ignorata e il veicolo ha accelerato e proseguito la marcia. Ne è nato un breve inseguimento, terminato in via Latisana, dove i “fuggitivi”, a causa di una brusca e pericolosa manovra, hanno impattato contro un’autovettura parcheggiata lungo la via. La coppia non ha riportato ferite e, dopo essere stati ammanettati, i Carabinieri hanno scoperto che la fuga è scattata perché la 24enne era alla guida del veicolo senza patente. Gli arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, in attesa di rito direttissimo.


Ostia, individuata base di spaccio: sequestrati circa 10 kg di hashish, cocaina e sostanza da taglio, un pusher in manette

Maxi sequestro di stupefacenti operato dagli agenti della Polizia di Stato, all’interno di un appartamento situato in via del Mar Rosso, ad Ostia. Gli investigatori del commissariato Lido, diretto da Eugenio Ferraro, nel corso dei controlli effettuati nei luoghi più colpiti dal fenomeno dello spaccio, coadiuvati dalle unità cinofile, hanno “passato al setaccio” gli stabili della zona fin quando Condor, cane specializzato nella ricerca degli stupefacenti, passando davanti ad un portone, ha dato chiari segni che all’interno potesse trovarsi della droga. Il cane ha condotto gli agenti davanti all’abitazione interessata dove è iniziato un servizio di appostamento, fin quando il proprietario dell’appartamento è rientrato a casa. E’ cominciata pertanto una perquisizione e, all’interno della cucina, celati dietro ad un frigorifero, sono stati scovati numerosi panetti di hashish, per un peso complessivo di circa 10 kg; altra droga è stata trovata nella camera da letto. Rinvenuta anche cocaina ed un barattolo di magnesio, utilizzato quale sostanza da taglio, oltre a materiale per il confezionamento delle dosi, bilancino di precisione ed alcuni fogli riportanti nomi e cifre riconducibili all’attività di spaccio. Al termine, pertanto, D.V., romano di 30 anni, è stato arrestato: dovrà rispondere di detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti.


Roma, controlli antidroga a Tor Bella Monaca: 3 pusher in manette

Mercoledì pomeriggio, al termine di una attività antidroga, i Carabinieri della Stazione di Roma Tor bella Monaca hanno arrestato 3 pusher romani di 19, 29 e 35 anni, tutti nullafacenti e con precedenti penali, con l’accusa di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, e per lo stesso motivo hanno anche denunciato una 17enne, della Repubblica Domenicana, incensurata e nullafacente. Nel pomeriggio di ieri, impegnati nel monitorare alcune piazze di spaccio di via dell’Archeologia, i Carabinieri hanno bloccato il 19enne, mentre stava cedendo una dose di cocaina, che aveva a sua volta ricevuto da una ragazza di 17 anni, ad un acquirente rimasto sconosciuto. A seguito della perquisizione personale i militari hanno sequestrato al ragazzo 235 euro, provento dello spaccio e alla minorenne 3 dosi di cocaina. Poco dopo, gli stessi Carabinieri hanno notato un uomo, attualmente sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla PG, mentre si aggirava con fare sospetto. Una volta controllato è stato trovato in possesso di 25 dosi di cocaina e di denaro contante, ritenuto provento della pregressa attività di spaccio. L’ultimo pusher è stato bloccato sempre in via dell’Archeologia e a seguito della perquisizione personale è stato trovato in possesso di ben 38 dosi di cocaina, per un peso di 20 grammi circa, nonché della somma contante di 160 euro, ritenuta provento dell’attività illecita. Dopo l’arresto i 2 spacciatori sono stati portati in caserma e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, trattenuti in attesa del rito direttissimo. La droga e il denaro sono stati sequestrati.


Civitavecchia, 35enne in manette per possesso di armi

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Civitavecchia, diretto da Nicola Regna, hanno arrestato in flagranza di reato un civitavecchiese di 35 anni per detenzione illegale di armi comuni da sparo e munizionamento, provento di furto. Inoltre, sono state sequestrate altre armi, tra cui una con matricola abrasa ed un’altra alterata nelle caratteristiche tecniche (cd “fucile a canne mozze”). Gli investigatori della Polizia di Stato, durante un mirato servizio volto a contrastare il traffico di droga, hanno notato l’uomo - già conosciuto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di Polizia per furto, ricettazione e spaccio - entrare all’interno di un magazzino per uscirne subito dopo ed allontanarsi a bordo del proprio veicolo. Nell’immediato L.M. è stato bloccato ma il controllo sul veicolo dava esito negativo. I poliziotti però, avendolo visto aprire il cancello e la porta del magazzino, estendevano il controllo anche a quei locali. All’interno, hanno rinvenuto, tra i cuscini di un divano, un bilancino di precisione e dei ritagli di plastica, solitamente utilizzati per confezionare lo stupefacente. Nel corso dell’attività poi, gli investigatori, hanno sequestrato un vero e proprio arsenale. Infatti, durante la perquisizione, sono state trovate una pistola “Beretta” risultata rubata nel 2016 con 2 caricatori vuoti; un fucile automatico calibro 12 risultato rubato a Bracciano; un fucile marca “Marocchi” cal.9F rubato a Civitavecchia; un fucile automatico calibro 30-06 marca “Browning” con matricola parzialmente abrasa; un fucile “Franchi” calibro 12, con canna mozzata. Inoltre, sono stati sequestrati numerosi caricatori e un centinaio di cartucce di vario calibro. L’uomo veniva, pertanto, arrestato e condotto in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.