Ragazza 18enne muore in un grave incidente a Sora

 

E’ morta mentre tornava a casa dopo una serata di festa trascorsa con gli amici. Una 18enne di Sora (Frosinone) e’ morta la notte scorsa, poco dopo le due, in un incidente stradale vicino ad Arpino. La ragazza, che abitava a Sora, si trovava con altri quattro ragazzi su una vettura che e’ andata a sbattere contro un muro lungo la strada tra Sora e Arpino. Ancora da accertare le cause dell’incidente. La 18enne e’ deceduta subito. Feriti gli altri ragazzi, due dei quali, con la vittima, estratti dalle lamiere dai pompieri di Sora.





Fiumicino, quattro arresti in Aeroporto

I Carabinieri della Compagnia Aeroporti di Roma durante il maggior flusso di passeggeri in queste giornate di agosto hanno svolto numerosi servizi di controllo all’interno dello scalo e lungo le vie adiacenti all’aeroporto ‘Leonardo da Vinci’ di Fiumicino.
I militari hanno denunciato quattro passeggeri per furti all’interno degli esercizi commerciali. Si tratta precisamente di tre uomini, un cileno di 35 anni e due italiani di 49 e 21 anni e una donna cilena di 37 anni, sorpresi a trafugare profumi e prodotti cosmetici dagli scaffali espositori dei duty-free shop ubicati all’interno dell’area nazionale dell’aeroporto. La refurtiva, per un valore complessivo di oltre 500 euro, e’ stata recuperata e restituita ai responsabili degli esercizi.
Nel corso del servizio, svolto nell’arco orario di maggior afflusso di passeggeri nei pressi dei viali d’ingresso, uscita e antistanti i terminal, i Carabinieri hanno identificato 123 persone, controllato circa 27 veicoli, contestato 7 sanzioni amministrative al codice della strada.





Ha cercato di distruggere la porta della ex e finisce nei guai

 

Prima ha tentato di sfondare la porta della ex compagna poi all’arrivo dei carabinieri ha reagito sferrando calci e pugni per evitare l’identificazione. Ma l’uomo e’ stato arrestato. E’ accaduto ieri mattina a viale Marconi.
L’allarme e’ scattato quando la ex ha segnalato che aveva sentito battere insistentemente alla porta.
Sul posto i carabinieri della stazione di Porta Portese e del Nucleo Radiomobile di Roma. Sembra che l’uomo fosse sotto effetto di alcolici.





Tangenziale est di Roma, nessun intoppo per i lavori di demolizione

In merito a quanto riportato da un organo di informazione si precisa che i lavori per l’abbattimento del tratto della tangenziale est, altezza Tiburtina sono regolarmente iniziati il 6 agosto con le analisi dei materiali, un tipo di attività che ancora non richiede mezzi o materiali da cantiere. Come illustrato dettagliatamente alla cittadinanza e alla stampa, sono previste quattro fasi di lavoro, di cui la demolizione vera e propria rappresenta la terza, che inizierà solo quando saranno terminate le azioni propedeutiche. L’Amministrazione condivide l’attesa dei cittadini di una vivibilità sicura della zona e sta agendo perché sia reale e duratura. Così in una nota l’Assessorato alle Infrastrutture.





Pigneto, controlli stringenti dei Vigili. Sequestrati locali completamente abusivi

Tre attività illegali sono state sequestrate in zona Pigneto dalla Polizia Locale di Roma Capitale: un centro estetico, un bed & breakfast e un locale etnico, risultati completamente abusivi. L’operazione, avviata questa mattina su delega della Procura della Repubblica di Roma, ha permesso di accertare una serie di illeciti nella zona. 

All’ interno di un centro massaggi gli agenti hanno riscontrato un’attività legata allo sfruttamento della prostituzione. Il titolare, un cittadino italiano, è stato denunciato. 

Una donna di nazionalità italiana di 50 anni invece dovrà rispondere all’Autorità Giudiziaria per abusi edilizi. Elevate nei suoi confronti sanzioni amministrative per attività illegale di B&B, aperto senza alcun titolo. Sono in corso ulteriori accertamenti sul mancato rispetto dell’obbligo di registrazione e comunicazione alla Questura degli alloggiati. Riscontrate anche decine di blatte sul pavimento e tra i letti. 

Le verifiche hanno portato inoltre al sequestro di un’attività di somministrazione di cibi etnici, dove gli alimenti erano privi di tracciabilità e mal conservati all’interno di congelatori, senza rispettare la normativa sanitaria. Anche in questo caso riscontrata negli ambienti la presenza di insetti. 

Controlli hanno interessato anche cambi illegittimi di destinazione d’uso di alcuni locali trasformati in abitazioni. In totale sono state accertate oltre 15.000 euro di violazioni.





Ferragosto romano, ecco i servizi Ama di Ferragosto

Anche nella giornata di Ferragosto 2019 Ama assicurerà la presenza sul territorio e i consueti servizi previsti per i giorni festivi. Attivi anche i presidi di pulizia fissi istituiti nelle vie e nelle piazze nevralgiche del Centro Storico (Spagna, Trevi, Pantheon, Navona, Corso, Colosseo, Campidoglio, Castel Sant’Angelo, Piazza Venezia, Fori Imperiali, Trastevere, Gianicolo ecc.) e nelle altre aree maggiormente frequentate, oltre ai servizi di spazzamento e pulizia di strade e marciapiedi del lungomare di Ostia e delle aree pedonali, incluso il Pontile. Lo comunica Ama in una nota 

Regolarmente assicurata la raccolta differenziata presso le utenze non domestiche, con particolare attenzione ad ospedali, attività di ristorazione e agli stabilimenti balneari del litorale. Attualmente sono 55mila le utenze raggiunte dal servizio mirato “porta a porta” (bando di gara n. 2/2018) su tutto il territorio cittadino per una raccolta media mensile di circa 14mila tonnellate di rifiuti riciclabili, un dato che da solo, in proiezione, può contribuire ad incrementare i materiali avviati a riciclo del 3% su base annua.





Tutti i numeri e gli appuntamenti dell’Estate Romana a Ferragosto

Dal 15 al 18 agosto tanti gli appuntamenti, le mostre, gli eventi del weekend di Ferragosto nella Capitale. Le manifestazioni, promosse dall’Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, vanno dalle esperienze immersive del Circo massimo Fori e Ara Pacis, alle mostre nei Musei Civici, ai percorsi nelle aree archeologiche, dalle attività per bambini e famiglie al Museo Civico di Zoologia alle iniziative alla Casa del Cinema. Inoltre, proseguono numerosi gli appuntamenti del programma dell’Estate Romana 2019. 

Con il nuovo ticket FORUM PASS. Alla scoperta dei Fori si può accedere al percorso unificato dell’area archeologica Foro Romano-Palatino e Fori Imperiali, realizzato grazie all’intesa siglata dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni culturali e dal Parco archeologico del Colosseo per conto di Roma Capitale e MIBAC. Sono in tutto cinque gli ingressi dai quali si può accedere: quattro del Parco Archeologico del Colosseo (largo Corrado Ricci, via Sacra in prossimità dell’arco di Tito, via di San Gregorio, via del Tulliano di fronte al carcere Mamertino) e uno della Sovrintendenza Capitolina (piazza della Madonna di Loreto, vicino alla Colonna Traiana). L’orario di apertura al pubblico va dalle 8.30 alle 19.15 (ultimo ingresso 18.15). Per informazioni www.sovraintendenzaroma.it. 

Proseguono con successo le esperienze immersive e multimediali al Circo Massimo, ai Fori (di Augusto e di Cesare) e all’Ara Pacis. Tutte le sere dalle 20.45 alle 23.30 (ultimo ingresso alle 22.30), è possibile ammirare L’Ara com’era attraverso un progetto multimediale che utilizza particolari visori in cui elementi virtuali ed elementi reali si fondono alMuseo dell’Ara Pacis. I visitatori sono trasportati in una visita immersiva e multisensoriale all’altare voluto da Augusto per celebrare la pace da lui imposta in uno dei più vasti imperi mai esistiti. L’esperienza, tra riprese cinematografiche dal vivo, ricostruzioni in 3D e computer grafica, realtà virtuale e aumentata, della durata di circa 45 minuti, è disponibile in 5 lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco. I visori non sono utilizzabili al di sotto dei 13 anni. Info su www.arapacis.it. Vari gli appuntamenti del fine settimana al Museo di Zoologia: Dalla Terra all’Universo, giovedì 15 agosto (ore 11.00, 12.00, 16.30 e 17.30),venerdì 16, sabato 17 e domenica 18 agosto (ore 11.00, 12.00, 16.30) propone una proiezione nel planetario mobile per giovani e adulti, un percorso attraverso la storia delle osservazioni astronomiche, dagli antichi calendari ai potenti telescopi spaziali fino alle conoscenze attuali sulla vita delle stelle, sulla natura dei pianeti e sull’espansione dell’universo. 

Per i possessori della MIC card è libero l’accesso ai Musei Civici e ai siti archeologici e artistici della Sovrintendenza Capitolina. Sono inoltre incluse le visite e le attività didattiche effettuate dai funzionari della Sovrintendenza Capitolina che rientrano nel biglietto d’ingresso al museo, mentre non sono comprese le mostre negli spazi espositivi del Museo di Roma a Palazzo Braschi e del Museo dell’Ara Pacis, nonché le esperienze immersive e multimediali. La MIC card, al costo di 5 euro, permette l’ingresso illimitato negli spazi indicati per 12 mesi. Per informazioni www.museiincomuneroma. 

Nel weekend di Ferragosto, non si fermano gli appuntamenti dell’Estate Romana 2019, promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale, tra proiezioni cinematografiche all’aperto, concerti dal jazz alla classica, eventi teatrali e spettacoli dedicati a un pubblico di tutte le età,realizzati grazie al contributo delle tante realtà risultate idonee ai due avvisi pubblici Estate Romana 2019 ma anche delle istituzioni culturali cittadine. 

Giovedì 15 agosto alle 21, per il festival gratuito Parco Schuster a cura di Knock srl, i Borghetta Stile portano sul palco i più grandi successi dance degli anni 1990/2000 (e non solo); Village Celimontana, a cura del Jazz Village Roma srls, propone giovedì 15 alle 22 Two for Stevie, con Dado Moroni & Max Ionata, venerdì 16 alle 22 Emanuele Urso ‘The King of Swing’, sabato 17 alle 22 Massimo Urbani Tribute con Marco Guidolotti,domenica 18 ore 22 Roman Classic Jazz Heritage in concerto; nell’Area archeologica del Teatro di Marcello I Concerti del Tempietto, a cura dell’Associazione Culturale Il Tempietto, propongono musica classicagiovedì 15 alle 20.30 con il tradizionale Concerto di Ferragosto e il pianista Hiroshi Takasu, venerdì 16 TuttoChopin con Rossana Lanzillotta al pianoforte, sabato 17 musiche di Schumann e Cajkovskij con la pianista Martina Frezzotti, domenica 18 TuttoChopin con Marek Szlezer al pianoforte.

 Tutte le sere dal 15 al 18 alle ore 20 in scena nella corte esterna del Museo Pietro Canonica Shakespeare Horror Story dell’attore e regista siciliano di origini russe Daniele Gonciaruk e a cura delle Officine Dagoruk. 

L’Isola del Cinema all’Isola Tiberina, promossa dall’Associazione Culturale Amici di Trastevere, propone tra le diverse proiezioni giovedì 15 alle 22 Arrangiatevi diretto da Mauro Bolognini, venerdì 16 alle 22 The Wife – Vivere nell’ombra di Björn Runge, sabato 17 alle 22 La comare secca di Bernardo Bertolucci, domenica 18 alle 22 La bella del Alhambradi Enrique Pineda Barnet (v.o. con sott. It.); a Villa Lazzaroni, per la rassegna Parco del Cinema, a cura dell’Associazione Culturale Arene Diverse, alle 21.15, giovedì 15 Non ci resta che il crimine di Massimiliano Bruno, venerdì 16 Momenti di trascurabile felicità di Daniele Luchetti, sabato 17 Bohemian Rhapsody di Bryan Singer, domenica 18 Dumbo di Tim Burton; al Parco di Ponte Nomentano per ArenAniene, a cura di Mediterranea Production, sempre alle 21.15, giovedì 15 Green Book di Peter Farrelly, venerdì 16 Quello che veramente importa di Paco Arango,sabato 17 La casa dei libri di Isabel Coixet, domenica 18 Soldado di Stefano Sollima; al Parco Talenti per Cine Village Talenti, a cura di AGIS Lazio, giovedì 15 alle 20.30 Ma cosa ci dice il cervello di Riccardo Milani,venerdì 16 alle 20.30 Bohemian Rhapsody di Bryan Singer, sabato 17 alle 20.30 Tutti lo sanno di Asghar Farhad, domenica 18 alle 20 Comic Live Show a ingresso gratuito con Fabrizio Giannini e a seguire alle 21.15proiezione de Il Corriere – The Mule di Clint Eastwood; all’Arena Garbatella in Piazza Benedetto Brin, a cura di Olivud srl, alle 21.15,giovedì 15 Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità di Julian Schnabel,venerdì 16 Moschettieri del Re – La penultima missione di Giovanni Veronesi, sabato 17 Ma cosa ci dice il cervello di Riccardo Milani,domenica 18 Aladdin di Guy Ritchie; all’arena Estate al Liceo Righi, a cura di Boncompagni22, ancora alle 21.15, giovedì 15 Inside out di Pete Docter, venerdì 16 C’è tempo di Walter Veltroni, sabato 17 Notti magichedi Paolo Virzì, domenica 18 Euforia di Valeria Golino. 

La Casa del Cinema propone nel Teatro all’aperto Ettore Scola a Villa Borghese alle 21: giovedì 15 Space Men di Antonio Margheriti, seguito da osservazioni al telescopio guidate dagli Astronomi del Planetario di Roma in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Astrofisica, venerdì 16 le prime due puntate della serie tv Non mentire diretta da Gianluca Maria Tavarelli, sabato 17 Into the Wild, cult diretto da Sean Penn che verrà proiettato in lingua originale sottotitolato in italiano; domenica 18, film d’opera con Il flauto magico di Mozart diretto da Kenneth Branagh. 

Per FerragOstia Antica, che giovedì 15 propone eventi gratuiti sin dal primo pomeriggio nel Borgo di Ostia Antica, a cura dell’Associazione culturale Affabulazione, alle 20.30 si esibirà la Compagnia Can Bagnatocon l’opera lirica da strada Lirico Sofa, alle 21.30 la Compagnia Milo&Olivia con lo spettacolo di teatrodanza Klinke e alle 22.30 gran finale in musica con Peggy Sue & The Dynamites e il suo repertorio anni ’50-’60; Letture d’Estate, a cura della Federazione Italiana Invito alla Lettura, propone nei Giardini di Castel Sant’Angelo, alle 21.30, giovedì 15Giorgio Cuscito e la Swing Valley Band, venerdì 16 Stefania Placidi con il suo Pe’ strada romana passo cantanno, sabato 17 Gloria Turrini Blues Revue Live, domenica 18 racconti, aneddoti, contributi video e brani musicali per Rock around the Moon con Raffaella Misiti affiancata dall’astrofisico Ettore Perozzi e Annalisa Baldi (chitarra); nel cortile del Teatro del Lido di Ostia nell’ambito del festival Teatri d’Arrembaggio – Piraterie, Incanti e Castelli di Sabbia, a cura dell’Associazione Culturale Valdrada, venerdì 16 alle 17.30 laboratorio di riciclo dei tessuti a cura di Giorgia Conteduca per bambini dagli 8 anni in su, sabato 17 alle 21 lo spettacolo EPIC FAIL #1 – Precario Diario di Valdrada Teatro con Chiara Becchimanzi, Giulia Vanni, Monika Fabrizi, Giorgia Conteduca e Margherita Franceschi con l’”Occhio di Sauron” di Daniele Fabbri,domenica 18 alle 19 lo spettacolo Zuppa di Sasso di Accademia perduta con Danilo Conti e Antonella Piroli. 

Il programma, in continuo aggiornamento, si trova su estateromana.comune.roma.it.





Trenitalia conquista la West Coast inglese

Trenitalia Uk, società controllata al 100% da Trenitalia, e FirstGroup si sono aggiudicati il franchise ferroviario della West Coast inglese, con quote del 30% (Trenitalia Uk) e del 70% (FirstGroup). Lo ha reso noto il Dipartimento dei Trasporti britannico, come riporta una nota dell’azienda italiana. Il franchise sulla West Coast (durata 2019-2031) comprende i collegamenti InterCity fra Londra, Manchester, Chester, Liverpool, Preston, Edimburgo e Glasgow; oltre allo sviluppo e l’introduzione a partire dal 2026 dei nuovi servizi sulla nuova linea ad alta velocità (High Speed 2) da Londra a Birmingham (160 km)."Dopo soli tre anni nel Regno Unito, rafforziamo la nostra presenza con la gestione di una delle linee ferroviarie più importanti in Uk, in partnership con FirstGroup", dichiara in una nota Gianfranco Battisti, amministratore delegato di Fs Italiane. "L’aggiudicazione di questa gara rappresenta un altro passo significativo nella nostra ambizione di svolgere un ruolo importante nel settore ferroviario del Regno Unito. Con questa partnership prosegue lo sviluppo internazionale del Gruppo Ferrovie dello Stato, in particolare in un mercato ad alto potenziale come quello del Regno Unito". "Abbiamo una consolidata e riconosciuta esperienza nel settore dell’alta velocità in Italia. Questo progetto ha migliorato la vita degli italiani. Trenitalia opera nell’unico mercato competitivo e aperto per i servizi ad alta velocità nel mondo”, ha continuato Battisti.





Pechino a un passo dalla resa dei conti con i manifestanti di Hong Kong. A vuoto l’appello dell’Onu

La Cina inasprisce i toni ancora una volta contro i manifestanti pro-democrazia di Hong Kong all’indomani dell’aggressione a due cinesi all’aeroporto del territorio autonomo. Atti qualificati come “quasi terroristici” da Pechino.  Per questo motivo molti mezzi blindati sono stati mossi da Pechino verso Hong Kong.

“Condanniamo con grande fermezza questi atti quasi terroristici”, ha dichiarato in una nota il portavoce dell’Ufficio per gli affari di Macao e Hong Kong del governo cinese Xu Luying. 

Martedì, nel quinto giorno di scontri, i manifestanti hanno bloccato completamente l’aeroporto e ci sono stati violenti scontri con la polizia. Nel corso della serata un uomo, sospettato dai manifestanti di essere una spia al soldo di Pechino è stato attaccato ed è rimasto ferito. Il quotidiano cinese in lingua inglese, Global Times, ha dichiarato che era uno dei suoi giornalisti. 

Un altro incidente è avvenuto quando un uomo, additato dagli attivisti come un poliziotto infiltrato, è stato catturato dai manifestanti. 

I voli sono ripresi nello scalo di Hong Kong e le autorità hanno annunciato di aver ottenuto il divieto per le manifestazioni nelle aree dei terminal. 

 L’Alto commissario per i diritti umani dell’Onu Michelle Bachelet ha accusato la polizia di Hong Kong di aver violato le norme internazionali nell’uso delle armi, creando un “rischio considerevole di morte o serie ferite” per i manifestanti impegnati nelle dimostrazioni pro-democrazia. 

In un comunicato dai toni piuttosto duri, l’Alto commissario si è detto “preoccupato per gli eventi in corso” a Hong Kong e per “l’escalation di violenza che ha avuto luogo nei giorni recenti”. E ha condannato “ogni forma di violenza o distruzione della proprietà, invitando tutti i partecipanti alle manifestazioni a esprimere le loro idee in un modo pacifico”.





Diesel d’oro in Italia. E’il carburante più caro d’Europa. I numeri di Impresa Lavoro

In Italia il diesel è il più caro d’Europa, mentre il prezzo della benzina è il quarto più alto nei Paesi dell’Unione. Lo rivela una ricerca del Centro studi ImpresaLavoro, che ha elaborato dati del ministero dell’Economia e della Commissione Ue. Il costo medio di un litro di diesel è di 1,487 euro contro la media europea di 1,329. Quello della benzina è di 1,599 euro, ben più di Francia, Germania e Austria.

Il diesel acquistato in Italia risulta, dunque, il più caro in assoluto tra i Paesi dell’Ue. Il costo al litro, pari a 1,487 euro, supera di molto la media europea (pari a 1,329 euro), la Germania (1,242 euro) e la Spagna (1,213 euro). E’ l’incidenza delle tasse sul prezzo finale ad essere molto alta: il 59,6% del prezzo finale, infatti, è costituito da tasse, contro una media europea pari al 54,9%. Peggio di noi fa solo il Regno Unito, con un valore pari al 60,5%.

Con 1,599 euro al litro, il costo della nostra benzina è dell’11,1% più alto di quello della media europea: il pieno in Italia costa il 4,5% in più rispetto alla Francia, l’11,4% in più rispetto alla Germania e addirittura il 26,3% in più rispetto all’Austria. Peggio di noi in Europa fanno soltanto Paesi Bassi, Grecia e Danimarca con un costo al litro rispettivamente di 1,681, 1,629 e 1,620 euro.

Il prezzo pagato dai consumatori finali risente fortemente della componente relativa a tasse e accise. Nel nostro Paese, infatti, il prelievo statale rappresenta il 63,5% del prezzo finale contro il 60,2% della media europea, il 61,8% della Francia, il 61,6% della Germania e il 52,9% della Spagna.

"Questi numeri preoccupano soprattutto perché non sono state ancora individuate le risorse per disinnescare le clausole di salvaguardia", ha commentato Massimo Blasoni, presidente del centro studi ImpresaLavoro. In assenza di coperture alternative, infatti, le clausole scatterebbero dal primo gennaio 2020 facendo aumentare l’Iva (dal 22 al 25,2% quella ordinaria e dal 10% al 13% quella agevolata) e le accise sui carburanti "per un valore pari a 400 milioni di euro l’anno". "Al momento il 63,5% del prezzo finale della benzina è costituito da tasse e non dimentichiamo che l’Iva si applica anche sulle accise", ha concluso.




Arresti (nove) a Rovigo. per violenze e minacce in una casa di cura per lungodegenti

 

Non si arresta il fenomeno, triste e vergognoso, delle violenze sui più deboli, sugli anziani ricoverati nelle case di lungadegenza. Ancora un episodio, questa volta nel nord d’Italia: nove tra operatori sanitari e inservienti di una casa di riposo sono stati arrestati stamane dalla polizia a Rovigo, perchè accusati di violenze fisiche e minacce nei confronti degli anziani ospiti della struttura. Si tratta dell’esecuzione di misure cautelari disposte dal gip, che avrebbe ritenuto concreto il pericolo di reiterazione dei reati da parte degli indagati, che sarebero stati denunciati dai loro stessi colleghi. Le indagini dei poliziotti della squadra mobile hanno accertato che le vittime, soggetti non autosufficienti, hanno subito percosse, offese, minacce, e altri atti denigratori e lesivi della dignità umana. L’operazione ha preso le mosse da alcune dichiarazioni del personale della struttura che, in presenza di comportamenti violenti, non ha esitato a contattare le forze dell’ordine.
   





Barbara storia di violenza su una minore a Cosenza. Violentata dall’età di 10 anni da cinque delinquenti

Una storia di violenza sessuale che andava avanti da 10 anni. La Polizia di Cosenza ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip su richiesta della Procura di Castrovillari, a carico di cinque persone accusate, a vario titolo, di violenza sessuale di gruppo ed estorsione.

Le indagini, avviate dopo che la vittima, una donna albanese, ha avuto il coraggio di denunciare e raccontare quanto subito, hanno permesso di fare luce su “una squallida vicenda di violenza sessuale e di sevizie, avvenuta a Corigliano Rossano, nei confronti della donna e protrattasi per ben 10 anni”.

 





Sos Mediterranèe e MSF sui profughi della Ocean Viking: “Non riporteremo le persone in Libia”

"Non riporteremo le persone in Libia in nessuna circostanza": è la risposta di Sos Mediterranee e Medici Senza Frontiere al ministero dell’Interno, che in mattinata aveva sottolineato che "la Libia ha messo a disposizione un porto sicuro per la Ocean Viking". Le due Ong spiegano che "per il diritto internazionale né Tripoli né alcun altro porto in Libia sono porti sicuri e riportare le persone lì sarebbe una grave violazione". A bordo della Ocean Viking ci sono in tutto 356 persone soccorse in mare nei giorni scorsi. La richiesta di un porto sicuro alla Libia, secondo quanto dicono le Ong, è stata fatta il 9 agosto dopo il primo soccorso "perché quella libica è l’autorità marittima di riferimento nell’area di ricerca e soccorso ed è a essa che va richiesto un porto sicuro". Ma ribadiscono che la Libia non è un porto sicuro e dunque la nave non andrà a Tripoli. "Restiamo in attesa dell’assegnazione di un porto che risponda ai requisiti del diritto internazionale", concludono le Ong.





Di Maio chiude la partita con Salvini: “La sua una mossa disperata. E’ inaffidabile”

 

Di Maio chiude la partita con Salvini: “La sua una mossa disperata, è inaffidabile”

 

"Dopo quanto successo l’otto agosto, chi può dare ancora credito alla sua parola? Quello che dice non conta più nulla, quella del capo della Lega sul taglio dei parlamentari è una mossa della disperazione". Lo afferma il capo politico del M5s, Luigi Di Maio, in un’intervista al "Fatto quotidiano". Matteo Salvini "si è infilato in un cul de sac, se vuole votare veramente la riforma costituzionale deve ritirare la sfiducia a Conte", aggiunge Di Maio.

"In base ai regolamenti parlamentari - spiega il vice premier -, se la Lega vuole votare il taglio degli eletti dovrà prima ritirare la mozione di sfiducia a Conte. Altrimenti la votazione sul taglio slitterà a dopo quella sul premier. Ma è chiaro che, se dovesse ritirare la richiesta di sfiducia per il presidente del Consiglio, dovrebbe smentire la sua linea. Si è messo da solo in un labirinto. Non so chi lo stia consigliando, ma sta dimostrando che i suoi conti sull’andare al voto anticipato non reggono proprio".

"La data del voto - sottolinea Di Maio - la decide il presidente della Repubblica, nessuno si deve permettere di farlo al posto suo. Dopodiché io voglio tagliare i parlamentari per davvero. Salvini invece quei 345 eletti li vuole tenere anche nella prossima legislatura".

La non sfiducia del Pd al premier, ossia la possibile uscita dall’Aula dei senatori dem, sarà il passaggio per provare a costruire una nuova maggioranza? "Noi - ribadisce - siamo semplicemente intenzionati a votare il taglio degli eletti. Su tutto il resto io sto assistendo solo a un dibattito interno nei vari partiti. Ma su ciò che attiene a nuove elezioni o eventuali nuovi governi si esprimerà Mattarella. Posso dire che nel Movimento nessuno mi ha chiesto di andare a sedermi al tavolo con Matteo Renzi. Noi vogliamo il taglio degli eletti".





Governo, Salvini non demorde: “Il 20 agosto sfiduceremo Conte, poi no a governi strani”

“Il 20 agosto sfiduceremo il premier”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini a Non Stop News su Rtl 102.5. “In tantissimi – aggiunge – chiedono che non ci siano giochini di palazzo, governi tecnici. La via maestra, democratica, trasparente, lineare, è quella delle elezioni.

Stiamo facendo tutto il possibile perchè gli italiani possano votare. No a governi strani, prima si vota, meglio è”.

In una intervista al Corriere della Sera, Salvini ha dichiarato: “Quello a cui penso io? È un governo con Giancarlo Giorgetti ministro dell’Economia. Questo è quello che voglio e per cui lavoro”.

Il vicepremier è quindi tornato sulla sua mossa di ieri di aprire al taglio dei parlamentari per poi andare al voto ma senza ritirare la mozione di sfiducia a Conte. “Ma che le devo dire? Quel che ho già detto: non siamo al mercato del pesce. Forse che loro hanno cancellato tutti i no degli ultimi mesi? Comunque, io ho preso tali e quali le parole di Di Maio di cinque giorni fa: diceva testuale che dopo il taglio delle Camere si poteva andare a elezioni. Ma se è dopo, significa che prima voti quello, e poi si apre la crisi”.





Disastro di Genova, Di Maio non cede di un millimetro: “Di fronte a tragedie come queste avviare procedure di revoca delle Concessioni”

“Siamo qui per commemorare le 43 vittime e perché chi doveva manutenere questo ponte non ha fatto il suo dovere. Di fronte a tragedie come questa, il nostro dovere è avviare le procedure per revocare le concessioni”. Lo ha detto Luigi Di Maio parlando con i giornalisti al termine della commemorazione delle vittime del Ponte Morandi.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha dichiarato a sua volta: “Il compito di una politica seria e responsabile è tentare di offrire risposte, realizzando il bene dei cittadini. Il compito della politica non è misurarsi solo con la capacità di gestire l’emergenza na anche con l’attitudine ad agire in maniera preventiva, per mettere in sicurezza il Paese e le sue infrastrutture. Siamo impegnati su questo e vogliamo impegnarci ancora di più”.





Ponte Morandi i familiari delle vittime chiedono giustizia

“Come nazione non possiamo buttare a mare la nostra forza. Dobbiamo avere coraggio e necessità di ritrovarla”. “E avere grande determinazione nella ricerca della verità”. Così, Egle Possetti, rappresentante dei familiari delle vittime di ponte Morandi, nel corso della Commemorazione a un anno dalla tragedia.

“Quanto è accaduto è inaccettabile. I nostri cari – ha detto – hanno avuto una sola colpa: essere in quel preciso istante in quel preciso luogo. Una condanna a morte senza possibilità di appello e come cittadini non possiamo accettare che eventi di questo tipo possano accadere”.

Chiediamo ai nostri rappresentanti, qui numerosi, un segnale concreto affinchè i cittadini si sentano tutelati: va gestito con la massima attenzione l’affidamento di beni pubblici. Allo stesso tempo dovrtà essere potenziata la vigilanza. Chiediamo anche ai cittadini di essere vigili ed attenti sempre, di mantenere viva la coscienza civile per stimolare l’attenzione della classe politica. Nel nostro paese la parola principale dovrà essere prevenzione”.

“Vogliamo giustizia. Se in uno Stato democratico mancasse la giustizia non avrebbe senso la sua esistenza”, ha chiosato.




Ponte Morandi, alle 11.36 Genova si è fermata. Mattarella ricorda le vittime con il nuovo Ponte: “Le ricorderà per sempre”

 

Questa mattina alle 11 e 36, il momento esatto in cui il Ponte Morandi crollò causando la morte di 43 persone, Genova si è fermata. La cerimonia di commemorazione nel capannone sotto la nuova pila 9 del viadotto dove viene celebrata la messa dall’arcivescovo della città il cardinale Angelo Bagnasco. La cerimonia ha avuto inizio con la lettura dei nomi delle vittime.

Alle 11:36, ora della tragedia la cerimonia si è interrotta. Campane a lutto, il suono delle sirene delle navi in porto e i clacson dei tassisti hanno ricordato la tragedia. A Genova era presente il Capo dello Stato, Mattarella, che ha portato la solidarietà e l’abbraccio di tutti gli italiani ai familiari delle vittime ed a tutti coloro che hanno perso le loro case e sono sfollati. Il capo dello Stato ha scritto una lettera pubblicata sul Secolo XIX. “Ci separa da quel tragico avvenimento – afferma – un anno che non è trascorso invano”.

“Un progetto di nuovo ponte, lineare, solido e bellissimo, è pronto e già – sottolinea – sono stati avviati lavori per la sua costruzione. Il nuovo ponte sarà in grado di ricucire, anzi, per usare un termine caro a Piano, di ‘rammendare’ la ferita inferta dal crollo, riconnettendo una città spezzata, non solo materialmente, in due”. Questo, però, “non significa cancellare”, aggiunge Mattarella, perché il nuovo ponte “ricorderà per sempre quelle vittime innocenti, sepolte dalle macerie di una tragedia, causata dall’uomo, che si poteva e doveva evitare. Nulla può estinguere il dolore di chi ha perso un familiare o un amico a causa dell’incuria, dell’omesso controllo, della colpevole superficialità, della brama di profitto”. La città ha reagito, si è adeguata alle nuove criticità, ha sopportato i disagi. Ora è chiamata a un gesto di condivisione, cordoglio, solidarietà e vicinanza in onore dei morti e di tutti coloro che per quella tragedia hanno e stanno soffrendo.

Il sindaco Marco Bucci vuole così.  Ed è per questo che ha rivolto un appello a tutti i genovesi il cui messaggio è "Stringiamoci insieme, sentiamoci comunità". Ecco che sui social scrive: "Invito tutti i cittadini genovesi a partecipare alla cerimonia in memoria delle vittime di #ponteMorandi. A chi non potrà intervenire chiedo comunque di osservare un momento di raccoglimento alle 11.36, in qualsiasi posto si trovi. Stringiamoci idealmente insieme per ricordare le persone che hanno perso la vita in quel tragico evento e per sentirci ancora una volta comunità unita, come abbiamo dimostrato in questo anno trascorso. L’appuntamento è alle ore 10 nei pressi dell’area della nuova Pila 9 del futuro viadotto sul Polcevera". Per quella che lui stesso definisce "una giornata di sobrietà e ricordo".