Zetema progetto cultura, c’è un nuovo amministratore unico

 

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, con un’ordinanza sindacale, ha nominato Remo Tagliacozzo amministratore unico di Zetema Progetto Cultura. Tagliacozzo – già amministratore delegato dell’azienda da agosto 2017 – resterà in carica fino all’approvazione del Bilancio al 31/12/2021, come previsto dallo Statuto societario.
Nell’annunciare la conferma di Remo Tagliacozzo alla guida di Zetema Progetto Cultura, che continuerà a curare il Sistema dei Musei Civici e la gestione di servizi culturali e turistici, Raggi gli ha espresso i migliori auguri di buon lavoro.





Informazione della destra e non solo a Roma con Sette Colli e Francesco Storace

 

Il Secolo d’Italia apre il sito “7colli” una nuova avventura editoriale, “dedicata alla città Capitale, al suo hinterland, ai suoi palazzi del potere” come racconta nel fondo di presentazione il direttore Francesco Storace. “Una Roma da ricostruire nella sua credibilità, da raccontare e vivere con il gusto della notizia, anche quella fastidiosa, irriverente, ma vera. In campo – riferisce – un pugno di colleghi che non ci stanno a subire passivamente il declino, il degrado, l’oblio della città più bella del mondo”. 

“7colli racconterà tutto”, avverte il direttore e assicura: “Non abbiate dubbi: se Virginia Raggi farà cose buone le racconteremo. E vale anche per Nicola Zingaretti”, sottolineando che “c’è bisogno di una voce in più su Roma. Vorremmo chiedere a ciascuno dei consiglieri della maggioranza di Virginia Raggi come fanno a sopportare questo andazzo”. E “vale anche per la Pisana”. Ma nel mirino ci saranno anche “i Palazzi che contano in altri luoghi”, “a partire dalla Rai”. “Roma è Roma e deve diventare più bella. Tornare bella come un tempo. E deve farsi amare”, conclude Storace.





Santa Maria Maggiore ha una nuova illuminazione

 

La Sindaca di Roma Virginia Raggi, l’Arciprete Cardinal Stanislaw Rylko, e la Presidente di ACEA Michaela Castelli, hanno presentato questa sera il rinnovato impianto di illuminazione artistica della Basilica di Santa Maria Maggiore. 

L’intervento è stato realizzato da ACEA con il supporto di Roma Capitale e della Direzione Infrastrutture e Servizi del Governatorato della Città del Vaticano. I lavori sulla Basilica hanno riguardato l’impianto di luci esistente con la sostituzione di 90 proiettori led dei 130 installati, puntati sulla facciata, sul campanile e sulle Cupole Sistina e Paolina, riflettori che erano stati danneggiati negli anni da fenomeni meteorologici avversi. È stata ripristinata, inoltre, anche l’illuminazione della loggia dei mosaici e del portico inferiore. Durati complessivamente dieci giorni, i lavori hanno richiesto l’impiego di mezzi speciali per il raggiungimento delle vette più elevate della Basilica, ricorrendo ad un’autogru con piattaforma elevabile fino a 70 metri di altezza, essendo il Campanile di Santa Maria Maggiore il più alto di Roma. 

Per la prima volta, infine, è stata illuminata la statua in bronzo della Vergine con bambino posta sulla sommità della cosiddetta Colonna della Pace, situata al centro della piazza davanti alla Basilica.





Frascati, la Bcc dei Castelli Romani e Tuscolo sosterrà il Carnevale

La Bcc dei Castelli Romani e del Tuscolo sarà main sponsor dell’edizione 2020 del Carnevale di Frascati che sarà inaugurata il prossimo 16 febbraio. La scelta dell’Istituto, spiegano in una nota il presidente di Bcc, Domenico Caporicci, e il direttore Generale, Francesco Manganaro, “conferma la volontà di essere presenti e vicini al territorio sostenendo tutte quelle iniziative che possono contribuire a valorizzare le comunità locali. La Bcc è presente da oltre 100 anni ai Castelli Romani ed ha sempre supportato progetti e iniziative a favore delle famiglie e delle piccole imprese. In quest’ottica, appena un anno fa, abbiamo aperto la nuova filiale di Frascati in Via Gregorio XIII, 1”. 

“L’edizione 2020 del Carnevale di Frascati sarà una grande occasione di visibilità per tutto il territorio dei Castelli Romani. L’evento contribuisce alla valorizzazione del patrimonio culturale e storico di Frascati e delle aree limitrofe e, come già avvenuto per le precedenti edizioni, attirerà un gran numero di partecipanti e turisti portando quindi un importante indotto a tutti i Castelli Romani. Ci auguriamo una partecipazione record e siamo orgogliosi di poter mettere il nostro nome fra i sostenitori di questa iniziativa dall’alto valore storico-culturale”, concludono i dirigenti della Bcc.




Sono 36 i milioni di euro destinati dalla Regione Lazio alle scuole della Capitale

 

La Regione Lazio aumenta le risorse destinate a Comuni e famiglie per gli Asili nido e le scuole dell’infanzia. Il totale degli investimenti per i servizi educativi da 0 a 6 anni sale a 36,7 milionidi euro per il 2020, a fronte di circa 34 milioni del 2019. Nello specifico, 24,5 milioni di euro arrivano dal fondo nazionale Miur, mentre l’investimento regionale sale da 11 milioni di euro del 2019, a 12,2 per il 2020. Ad annunciarlo, l’assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli, nel corso dell’appuntamento “Il nido per tutti. La Regione Lazio per l’inclusione dei bambini”, che si è svolto questo pomeriggio a Viterbo. Quattro gli interventi che verranno finanziati con i fondi ministeriali: 10 milioni come contributo aggiuntivo alle spese di gestione degli asili nido pubblici e convenzionati; 6.262.254 per la riduzione delle rette a carico delle famiglie; 7.280.083 per lo scorrimento della graduatoria finalizzata alla riqualificazione degli edifici pubblici destinati ai servizi di scuola dell’infanzia e asilo nido; 975.070 euro per la loro riconversione in poli per l’infanzia. Per quest’ultima misura e per l’abbattimento delle spese in capo ai genitori verranno pubblicati due appositi avvisi.





Progetto “Time2Wind” al Gemelli, una risposta al cancro infantile

 

Al via il progetto “Time2Wind” promosso dall’U.O. Oncologia Pediatrica del Policlinico Gemelli, diretta da Antonio Ruggiero, in collaborazione con lo skipper Valter Di Cera, Enrico Rinaldi genitore di un paziente seguito dalla stessa unità operativa e Benilde Mauri, presidente di AGOP Onlus. 

Il team dell’Unità Operativa, composto anche dalla dottoressa Antonella Guido, psicologa-psicoterapeuta presso il Servizio di Psicologia Ospedaliera, dalla dottoressa Daniela De Bianchi, dell’Associazione AGOP Onlus, insieme al dottore Valter Di Cera ha delineato un progetto outdoor in barca a vela per lo sviluppo delle soft skills funzionali alla riabilitazione post-ospedaliera. 

Tutto l’equipaggio e’ stato valutato dal punto di vista cardiorespiratorio presso l’UOC di Medicina dello Sport, diretta dal professore Vincenzo Palmieri, e dal punto di vista motorio-riabilitativo dal dottore Diego Ricciardi, del Servizio di “Medicina Fisica e Riabilitazione”, contribuendo cosi’ alla preparazione atletica del team. 

L’equipaggio, composto da 4 ragazzi e 2 ragazze dell’U.O. di Oncologia Pediatrica, ha iniziato il corso teorico-pratico di vela che si concluderà con la partecipazione della squadra ad una entusiasmante regata, una competizione ufficiale prevista per il mese di Luglio 2020. Tutti i partecipanti dovranno assumere ruoli attivi nelle attività di governo della barca, condividendo gli spazi per tutta la durata delle esercitazioni e della partecipazione alle regate e competizioni in programma.





Una nuova colata d’asfalto intorno alla Stazione Tiburtina

“In commissione comunale è stato presentato e raccontato il progetto riguardante l’area di fronte alla Stazione Tiburtina, dove, dopo l’abbattimento in corso della Tangenziale sopraelevata, il Comune, invece di una piazza pedonale e uno spazio verde come chiedono ambientalisti e residenti dell’area, progetta di far rinascere una nuova strada a raso per le auto e il traffico veicolare, con tanto di abbattimento di un bosco urbano composto da 50 tra Olmi, Pini e altre alberature”. Lo denuncia in una nota Legambiente Lazio. “Il Comune di Roma con questo progetto, dimostra di preferire nuovo asfalto e macchine a una nuova area pedonale – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio -. Il bel lavoro di abbattimento della Tangenziale era e doveva continuare a essere opportunità di trasformazione positiva e a misuro d’uomo di un posto incredibilmente importante per il quartiere e l’intera Capitale, sarebbe potuto diventare esempio di rigenerazione urbana in chiave sostenibile che avrebbe risarcito gli abitanti da decenni di traffico, inquinamento e caos e ricucito interi quartieri della zona con percorsi pedonali, ciclabili, verde e un bosco per abbattere i rumori del traffico ferroviario. Poteva partire da qui un’idea nuova di città, incardinata nel rivitalizzare una zona di Roma, mettendo al centro le esigenze delle persone e non quella delle auto, e invece è l’ennesima occasione persa di rigenerazione ambientale, e ancor peggio si perderanno anche altri alberi romani, in una continua strage alla faccia di progetti di resilienza e adattamento della città ai mutamenti climatici in atto. Siamo al fianco dei cittadini del quartiere che da tempo chiedono che lì sorga una piazza e uno spazio pubblico fruibile a piedi; peraltro quello che è il primo luogo in uscita, dal nuovo enorme hub ferroviario della Tiburtina, dove si concentrerà gran parte del traffico, tra treni regionali e ad alta velocità, dovrebbe essere verde, accogliente, fruibile, a misura d’uomo e di bambino e non l’ennesima, inutile striscia di asfalto”. 





Carnevale di Roma, si farà festa dal 20 al 25 di febbraio

Dal 20 al 25 febbraio Roma festeggia il "Carnevale in città" con circa 100 appuntamenti. La festa, diffusa su tutto il territorio, partirà dai luoghi istituzionali del centro storico per arrivare in tutta la città con un programma rivolto a bambini, famiglie, adulti. Con sfilate, spettacoli di teatro e musica, proiezioni cinematografiche, visite guidate e laboratori. Qui, a seguire, una sintesi dei principali eventi.

 

SPECIALE MUSEI. Diversi gli appuntamenti nei musei. A cominciare dalla giornata speciale di gratuità per tutti i Musei Civici istituita per il 25 febbraio, martedì grasso. Durante l’intera giornata i cittadini potranno accedere gratuitamente in tutti i Musei in Comune e alle mostre temporanee in corso, ad eccezione di Canova. Eterna Bellezza al Museo di Roma e C’era una volta Sergio Leone al Museo dell’Ara Pacis. Opportunità imperdibile anche per assistere alle mostre in corso al Palazzo delle Esposizioni, dove nella settimana dal 20 al 25 febbraio sarà possibile visitare Gabriele Basilico | Metropoli e la mostra Jim Dine a prezzo ridotto. Domenica 23 febbraio alle 11 l’appuntamento è con la musica nell’evento Tutti in maschera ad ascoltare il concerto di Carnevale. Nello spazio esterno del Casino Nobile di Villa Torlonia, la Banda del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale dedicherà la propria esibizione ai bambini, in maschera e non, e alle loro famiglie.

 

TEATRO. Giovedì grasso, il 20 febbraio, al Teatro Argentina con una speciale riduzione del 50% sul costo del biglietto per lo spettacolo Arlecchino servitore di due padroni: lo storico testo di Goldoni nella versione reinterpretata da Valerio Binasco. Sempre giovedì in un altro luogo storico della città – il Teatro Costanzi – prenderanno il via le visite guidate di 40 minuti (ore 17.00, 17.40, 18.20) per il Carnevale all’Opera. Sarà possibile così conoscere da vicino la sala e i principali ambienti del teatro al costo speciale di 5 euro, offrendo un piccolo omaggio a tutti i bambini che si presenteranno in maschera (visite guidate anche il 22 agli stessi orari e il 25 febbraio alle 16.30, 17.10 e 17.50).

 

MUSICA. Sarà una due giorni di festeggiamenti con sfilate e musica con La tarantella del Carnevale: il progetto di Ambrogio Sparagna partirà sabato 22 febbraio, con una parata di danzatori e musicisti dell’Orchestra Popolare Italiana che attraverserà dalle 12.30 l’area ad accesso libero del Villaggio Sei Nazioni di Rugby al Foro Italico. Questa sarà solo un’anticipazione della grande festa di domenica 23 febbraio all’Auditorium, dove alle 17 cominceranno le celebrazioni con la parata musicale mascherata aperta a tutti negli spazi esterni dell’Auditorium, seguita poi, alle 18, dal concerto in Sala Sinopoli delle maschere del Carnevale di Alessandria del Carretto, delle Zampogne di Caggiano e del gruppo di maschere sonore zoomorfe Summueri e Sonagli, proveniente dall’area delle province di Latina e Frosinone. Nell’arco dell’intera giornata l’Auditorium metterà inoltre a disposizione dei bambini da 5 anni in su le visite guidate gratuite C’era una volta l’Auditorium Parco della Musica. Alle 11.30, alle 14 e alle 15.30 i piccoli ospiti, accompagnati dai genitori, potranno andare alla scoperta degli spazi del Parco della Musica (le visite guidate si replicheranno anche martedì 25 alle 14.30 e alle 16).

 

Gli amanti della musica potranno inoltre scegliere tra le tre repliche (il 20 febbraio alle 19.30, il 21 febbraio alle 20.30 e il 22 febbraio alle 18.00) del concerto della stagione sinfonica proposto dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Nella Sala Santa Cecilia, l’Orchestra e il Coro dell’Accademia diretti da Daniele Gatti e il mezzosoprano Ekaterina Semenchuk proporranno un omaggio agli autori russi con l’esecuzione, tra le altre opere, di Petruška, balletto in quattro scene con musica di Igor Stravinskij. Sempre a cura dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in programma il 25 febbraio, alle 10 e alle 11.30 nel Teatro Studio Gianni Borgna, la lezione-concerto Come da piccoli si può cantare “alla grande” per studiare nel dettaglio le caratteristiche delle voci. Il pubblico potrà partecipare attivamente e coloro che si presenteranno mascherati concorreranno anche alla votazione per stabilire la maschera più “musicale”. In palio la possibilità di cantare con il Coro delle Voci Bianche e il libro della collana per ragazzi dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

 

SPECIALE DOMENICHE INDIANE. Il 23 febbraio sarà una giornata di festa anche al Teatro India che, nell’ambito delle Domeniche Indiane, ospiterà per la festa di Carnevale la manifestazione Mutanti. Si comincerà alle 10.30 con Mutazioni, un atelier di costume per costruire il proprio abito di carnevale con uno staff di costumiste teatrali e si proseguirà alle 12 con Lo straordinario trasformista. Il pediatra racconta, un incontro per tutti dedicato ai cambiamenti dei bambini nella pancia della mamma e nei primi anni di vita. Chiusura in musica dalle 14.30 con Mutati si balla, un djset e vjset per ballare guidati da voci che raccontano, suggeriscono stati, invitano a scoprire modi per volare nella danza.

 

CINEMA. Non solo la musica ma anche il cinema, tra le arti esplorate dal Carnevale in città. Alla Casa del Cinema di Villa Borghese, martedì 25 alle 16.30 ci sarà la speciale proiezione del film Il carnevale di Venezia di Giuseppe Adami e Giacomo Gentilomo (1939, 66’), che porterà il pubblico nella Venezia splendidamente fotografata da Renato Dal Frate durante la regata e la parata notturna sul Canal Grande per la festa del Redentore, tra le "ciàcole" delle calli e dei campielli.

 

BAMBINI. Particolare attenzione sarà riservato al divertimento dei bambini, ai quali saranno indirizzate le numerose attività didattiche all’interno delle biblioteche comunali. Con 32 appuntamenti in 20 spazi del circuito si darà vita a una consistente proposta culturale basata prevalentemente sulla riscoperta della lettura – a voce alta, a voce bassa, animata – delle fiabe e dei romanzi classici e moderni. Ad affiancare le biblioteche nella proposta ai più piccoli ci saranno anche i Musei Civici che parteciperanno con attività laboratoriali gratuite indirizzate a bambini e famiglie o riservate alle scuole materne e primarie della città e dell’area metropolitana. Dai laboratori per realizzare maschere in cartapesta alla Casina delle Civette o armature al Museo delle Mura, alla visita guidata in maschera al Museo Napoleonico, dai racconti sul fantastico mondo degli Dei e degli eroi alla Centrale Montemartini, allo spettacolo teatrale al Museo dell’Ara Pacis che simula la processione osservata sul monumento dell’Ara Pacis stessa. Dai racconti delle storie popolari sul gatto e i suoi parenti selvatici al Museo Civico di Zoologia al laboratorio per famiglie Grottesca bellezza che vedrà in mattinata la visita alla mostra Canova. Eterna Bellezza ospitata al Museo di Roma, dove i bambini realizzeranno disegni a matita sull’opera esposta che li avrà più colpiti e nel pomeriggio la continuazione del laboratorio a Palazzo Canova, oggi atelier dell’artista Luigi Ontani, dove i bambini potranno acquarellare i loro disegni che verranno poi esposti sulla facciata del Palazzo. Sempre nel pomeriggio nel cortile del Museo di Roma, laboratorio animato con letture di testi sul Carnevale.

 

Il Carnevale in Città 2020 è realizzato grazie alla collaborazione della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e del Tavolo Tecnico per la Produzione Culturale Contemporanea, coordinato dal Dipartimento Attività Culturali di Roma Capitale con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Associazione Teatro di Roma, l’Azienda Speciale Palaexpo, la Casa del Cinema, la Fondazione Musica per Roma, la Fondazione Teatro dell’Opera, l’Istituzione Biblioteche di Roma. La manifestazione ha il supporto di Zètema Progetto Cultura.





Foibe, Raggi accompagna gli studenti romani a Basovizza e al Sacrario di Redipuglia

Foibe, la sindaca Raggi accompagna gli studenti romani nel viaggio della memoria

 

La sindaca di Roma Virginia Raggi, insieme a una rappresentanza di studenti delle scuole della Capitale, partecipa anche quest’anno al “Viaggio del Ricordo” sui luoghi simbolo del dramma del confine orientale, della tragedia delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata. 

L’iniziativa – spiega il Campidoglio – dal titolo “Il confine orientale italiano: una drammatica storia europea”, vedrà anche la partecipazione dell’Assessora alla Persona, alla Scuola e Comunità solidale Veronica Mammì, dei Consiglieri dell’Assemblea Capitolina Giuliano Pacetti e Annalisa Bernabei, della Vice Presidente nazionale e Presidente comitato provinciale di Roma dell’Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (Anvgd) Donatella Schurzel, del testimone Piero Sardos Albertini, dei Consiglieri nazionali Anvgd Eufemia Giuliana Budicin e Maria Grazia Chiappori. 

Il primo giorno del viaggio, sabato 15 febbraio, prevede la visita al Sacrario di Redipuglia dove sono custodite le spoglie dei caduti della Grande Guerra, poi alla Foiba di Basovizza, simbolo dei drammi che hanno segnato le vicende del confine orientale alla fine del secondo conflitto mondiale, e infine al Centro Profughi di Padriciano, dove dal 1948 al 1976 si rifugiarono circa 350mila esuli italiani provenienti dai territori istriani e dalmati ceduti dall’Italia alla Jugoslavia. 

Domenica 16 febbraio è in programma la visita al Magazzino 18 di Trieste, deposito di beni e oggetti di vita quotidiana appartenuti agli italiani di Istria, Fiume e Dalmazia che poi sarebbero stati costretti all’esodo. A seguire, il viaggio farà tappa presso la Risiera di San Sabba, dove è prevista la deposizione di un fascio di fiori alla stele in ricordo di Sergio De Simone, giovanissima vittima della Shoah, cugino di Andra e Tatiana Bucci. Al termine, lo spostamento a Capodistria e l’incontro con la Comunità Italiana. 





Prodotti agroalimentari primaverili già sui banchi

 

Sui banchi sono arrivate con oltre un mese di anticipo le primizie per effetto di un inverno anomalo segnato da temperature bollenti che hanno mandato in tilt le colture lungo tutta la Penisola con la raccolta delle fave nel Lazio avviata molto prima del tradizionale appuntamento del primo maggio, ma anche l’arrivo delle fragole in Puglia e dei primi asparagi in Veneto. E’ quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica sugli effetti concreti dei cambiamenti climatici in un inverno che ha fatto registrare fino ad ora nel Vecchio Continente temperature di 3,1 gradi superiori la media di riferimento (1981 -2010). sulla base dei dati del Copernicus Climate Change Service relativi ai mesi di dicembre e gennaio. 

Il caldo fuori stagione – sottolinea la Coldiretti – ha stravolto completamente i normali cicli colturali e di conseguenza anche le offerte stagionali presenti su scaffali e bancarelle in questo periodo dell’anno. Per non cadere nell’inganno dei prodotti importati spacciati per Made in Italy è importante tuttavia verificare sempre l’origine nazionale in etichetta che – precisa la Coldiretti – è obbligatoria per la frutta e verdura e privilegiare gli acquisti direttamente dagli agricoltori nelle aziende o nei mercati di campagna Amica dove i prodotti sono anche più freschi e durano di più.





Parmigiano, i dazi Usa di ottobre hanno congelato l’export

Le esportazioni di Parmigiano Reggiano e Grana Padano negli Stati Uniti sono praticamente dimezzate nei due mesi successi all’entrata in vigore dei dazi il 18 Ottobre 2019. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti divulgata in occasione della nota del dipartimento del Commercio Statunitense che conferma per l’Italia l’applicazione di tariffe aggiuntive del 25% su circa mezzo miliardo di euro di esportazioni di prodotti agroalimentari nazionali come Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Gorgonzola, Provolone, Asiago, Fontina, ma anche salami, mortadelle, crostacei, molluschi agrumi, succhi e liquori come amari e limoncello, a causa del bracci di ferro nel settore aereonautico che coinvolge l’americana Boeing e l’europea Airbus dopo che il Wto ha autorizzato gli Usa ad applicare un limite massimo di 7,5 miliardi di dollari delle sanzioni alla Ue. 

Le esportazioni di Parmigiano reggiano e Grana Padano negli Usa dopo i dazi sono crollate rispetto all’anno precedente del 54% a novembre e del 43% in dicembre ma effetti negativi si sono verificati anche negli altri settori interessati, secondo l’analisi della Coldiretti dalla quale emerge che ad avvantaggiarsene è stato il falso made in Italy, dal Parmesan al Provolone fino al Borgonzola.





Dazi, la nuova revisione degli Usa non fa male all’Italia

"L’Italia oggi esce indenne dalla revisione della lista dei prodotti soggetti a dazi che gli Usa avevano emanato lo scorso ottobre. Sono stati colpiti altri Paesi ma non il nostro. Sono salvi i vini, l’olio d’oliva e gli altri prodotti italiani che rischiavano dazi fino al 100%. La nostra azione diplomatica e la nostra amicizia con gli Stati Uniti hanno scongiurato il peggio per le nostre aziende. Così difendiamo il Made in Italy, così difendiamo i prodotti della nostra terra, orgoglio della nazione". Così in una nota il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. "Il lavoro fatto in questi mesi ha dato i suoi frutti. L’agroalimentare italiano non compare nella lista dell’Ustr americana appena pubblicata dei prodotti soggetti a dazi", afferma la ministra delle politiche agricole, alimentari e forestali Teresa Bellanova. "Abbiamo scongiurato il rischio che le nostre eccellenze subissero danni irreparabili. Nell’incontro avuto con il segretario all’Agricoltura Usa Perdue il 30 gennaio scorso lo avevo ribadito a chiare lettere: tenere l’agroalimentare italiano fuori dalla vicenda Airbus. E avevo registrato condivisione e disponibilità", evidenzia Bellanova. "Oggi - sottolinea ancora Bellanova - raccogliamo i risultati dell’impegno messo in campo e di un grande lavoro di squadra. In Italia e in Europa. Il che ci conferma in quello che affermiamo da mesi: azione di sistema vuol dire anche capacità e autorevolezza in Europa e presidio costante dei tavoli europei".





Zaky resta in carcere. Mobilitazione di Amnesty International

 

Il tribunale di Mansura, dopo un’udienza durata appena dieci minuti, ha respinto la richiesta di scarcerazione presentata dai legali di Patrick George Zaky, lo studente dell’Università di Bologna arrestato al rientro in Egitto con accuse di propaganda eversiva. "Il ricorso è stato respinto", ha detto uno dei legali del ragazzo Wael Ghaly. Al vecchio Palazzo di giustizia di Mansura sul delta del Nilo, si è svolta l’’udienza di riesame sul provvedimento di custodia cautelare emesso contro Zaky.  Il giovane è arrivato al tribunale in manette. Entrando, ha risposto ai cronisti che gli chiedevano come stava, "tutto bene". Zaky, apparentemente in buone condizioni è arrivato ammanettato al poliziotto che lo ha scortato nel locale.   E’ stato esaminato un ricorso dei legali di Zaky contro la detenzione di 15 giorni decisa l’8 febbraio. A questo punto resta fissata l’udienza del 22 febbraio in cui i giudici decideranno se prorogare o meno la custodia cautelare di altri 15 giorni in base all’eventuale necessità di ulteriori indagini.

 




Pugno duro delle Autorità cinesi, pena di morte per chi nasconde in sintomi del Corona Virus

 

Chi intenzionalmente nasconde o riporta in maniera incompleta i sintomi del contagio del Corona Virus commette un reato penale che verrà punito severamente, anche con la pena di morte. E’ quanto riporta il quotidiano ufficiale Beijing Daily, citando una informativa diffusa da un tribunale cinese. Anche nascondere i viaggi effettuati può costituire un reato, sottolinea il tribunale. Ogni residente che provoca una ulteriore diffusione del coronavirus Covid-19 può essere accusato del reato di messa in pericolo della sicurezza pubblica con mezzi pericolosi. "In casi estremi" - sottolinea il quotidiano - "i responsabili possono essere punti con dieci anni di carcere, l’ergastolo o la morte".  Dal canto suo, la Commissione cinese per la salute nazionale ha annunciato il divieto di viaggio su strada, treno e aereo per chi abbia tosse, febbre e altri sintomi d’influenza, con l’obiettivo di contrastare l’epidemia. 
Le autorità cinesi hanno deciso anche l’imposizione di un periodo di quarantena di 14 giorni - nelle proprie abitazioni o all’interno di strutture sanitarie - per tutti coloro che fanno rientro a Pechino dopo aver trascorso un periodo di vacanza fuori città. La misura è stata adottata in vista del rientro di chi ha trascorso fuori Pechino il periodo di festeggiamenti per il Capodanno cinese, che quest’anno sono stati estesi nel tentativo di arginare la diffusione del coronavirus. "Chiunque si rifiuti di accettare queste misure di prevenzione e controllo dovrà risponderne davanti alla giustizia", è stato reso noto.





Il Corona Virus è in Africa. Primo contagio in Egitto e primo morto in Francia

 

Il Corona Virus è in Africa. Primo contagio in Egitto e primo morto in Francia

 

Il ministero della Sanità egiziano ha annunciato di aver registrato il primo caso di nuovo coronavirus nel continente africano. Lo ha confermato anche l’Oms. Il portatore della malattia non è egiziano, hanno affermato in una nota le autorità del Paese, senza specificarne la nazionalità.

L’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) è stata informata e il paziente, che non aveva “sintomi”, è stato trasferito in ospedale e messo in quarantena per le terapie del caso, ha aggiunto il ministero. Va detto che secondo i numeri diffusi dalle autorità cinesi, ci sarebbe una prima frenata dei contagi. Sono 66.492 i casi di Coronavirus ufficialmente confermati in Cina. Il People’s Daily China ha twittato i numeri più aggiornati: al totale vanno aggiunti 56 casi a Hong Kong, 10 a Macao e 18 a Taiwan. I morti in totale sono saliti a 1.523, mentre 8096 persone sono state dimesse dagli ospedali. Rispetto al precedente bollettino della China’s National Health Commission, che era fermo a 63.851 casi, si registra un incremento di 2.641. Un dato che, per quanto possa fare impressione in valore assoluto, rappresenta un significativo rallentamento nella diffusione del virus. Nella giornata precedente i nuovi casi erano stati oltre 4mila, due giorni fa addirittura oltre 15mila. Va registrata poi la prima vittima in Francia e fuori dall’Asia. A darne notiziail ministro della Sanità francese precisando che la vittima è il turista cinese di 80 anni, primo ricoverato per il coronavirus che era arrivato in Francia dalla provincia di Hubei il 5 gennaio ed era stato ricoverato in isolamento il 25. Le sue condizioni si erano aggravate velocemente.

 





Niccolò è in isolamento allo Spallanzani. Buone le sue condizioni

 

 

E’ appena giunto presso l’Istituto Spallanzani di Roma Niccolò il 17 enne italiano rimpatriato dalla Cina. Il ragazzo è stato ricoverato per completare il periodo di isolamento. Lo comunica la Direzione sanitaria dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma.  Il volo dell’Aeronautica Militare sul quale viaggia Niccolò, il 17enne di Grado bloccato a Wuhan per due volte a causa della febbre, è atterrato all’aeroporto di Pratica di Mare. Ad accogliere il giovane, oltre alla sua famiglia, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Dopo lo sbarco e i controlli, Niccolò è stato trasferito allo Spallanzani per la quarantena. A bordo del Boeing KC-767 dell’Aeronautica militare che ha riportato Niccolò in Italia ha viaggiato anche il vice ministro della Salute Pierpaolo Sileri, assieme a medici ed infermieri. "Appena atterrato il volo che ha riportato Niccolò in Italia. Bentornato a casa!". Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio postando il video dell’aereo dell’Aeronautica militare che atterra all’aeroporto di Pratica di Mare con il 17enne di Grado a bordo.  "Vogliamo rinnovare tutta la vicinanza al popolo cinese", ha detto il ministro Di Maio dopo aver accolto il 17enne. "Niccolò è giovane e forte e non potevamo permettere che un ragazzo rimanesse tutte queste settimane in Cina. Abbiamo mantenuto la promessa fatta ai genitori", ha aggiunto il ministro. "Con oggi abbiamo completato il processo di evacuazione di tutti gli italiani", ha sottolineato Di Maio. "Collaborazione massima con le autorità cinesi, sono state pienamente disponibili nonostante le difficoltà che stanno vivendo". "Se il Boeing è arrivato oggi e non giovedì era semplicemente un problema di slot", ha spiegato. "L’Unità di crisi sta sentendo tutti gli italiani a bordo della Diamond Princess. Nessuno di loro presenta sintomi o fa sospettare che ci possa essere un sintomo legato al coronavirus". "Valuteremo tutte le possibilità ed eventuali azioni da intraprendere per proteggere i nostri connazionali", ha aggiunto.
Niccolò, il 17enne di Grado che ha viaggiato in aereo protetto all’interno di una cosiddetta struttura di "alto biocontenimento", è stato sottoposto ad ulteriori controlli e poi è stato trasferito allo Spallanzani per la quarantena. Per Niccolò è stato utilizzato lo stesso protocollo con il quale è stato rimpatriato dalla Sierra Leone un connazionale con una grave forma di tubercolosi polmonare resistente a ogni trattamento farmacologico. Si tratta di una barella speciale protetta da un involucro di Pvc che permette l’osservazione e il trattamento del paziente in isolamento (gestito da un’equipe medica) con potenti filtri che impediscono il passaggio di particelle potenzialmente infette. L’isolamento, sempre da protocollo, è proseguito anche durante il suo trasferimento in ospedale con una speciale autoambulanza.





La ‘scomunica’ di Francesco per le illegalità nell’economia

La ‘scomunica’ di Francesco per le illegalità nell’economia

Apertura dell’Anno Giudiziario vaticano. Il Papa: “Certe operazioni finanziarie sospette, mal si conciliano con la natura e le finalità della Chiesa”

 

Certe operazioni finanziarie sospette, che sono al vaglio della magistratura e quindi non sono oggetto al momento di una valutazione definitiva, "al di la’ dell’eventuale illiceità mal si conciliano con la natura e le finalità della Chiesa". Lo ha detto Papa Francesco inaugurando l’anno giudiziario vaticano. È stato "avviato un processo di conformazione della propria legislazione alle norme del diritto internazionale e, sul piano operativo, si e’ impegnata in modo particolare a contrastare l’illegalita’ nel settore della finanza a livello internazionale". La Santa Sede non ha alcuna intenzione di rallentare la lotta a ogni forma di illecito finanziario e promette rigore di fronte a quei casi "sospetti" che, anche se lontani da un giudizio definitivo, generano sconcerto e sconforto nella Chiesa. Papa Francesco avverte chiaramente che la sua intenzione è quella di non deflettere, e a maggior comprensione di tuti spiega che l’aver aderito a certi standard internazionali, aver accettato di far proprie certe riforme non è stato piegare il collo di fronte a pressioni esterne. Quelle riforme, addirittura, sono aa considerarsi parte integrante ed essenziale della missione e della attività della Chiesa. "La Santa Sede ha avviato un processo di conformazione della propria legislazione alle norme del diritto internazionale e, sul piano operativo, si è impegnata in modo particolare a contrastare l’illegalità nel settore della finanza a livello internazionale", ha detto il Papa di fronte ad un uditorio specializzato e molto sensibile alla questione. Si tratta del Promotore di Giustizia, Gian Piero Milano, dei Prelati Uditori, degli Officiali e degli avvocati del Tribunale dello Stato vaticano. Insomma, tutta la magistratura inquirente e giudicante dello Stato della Chiesa. Quelli che hanno dovuto affrontare, nel corso degli ultimi anni, dossier scottanti come Vatileaks e palazzi londinesi. Non ovunque è stato raggiunto il grado definitivo di giudizio, e nessuno cita singoli casi, ma le parole del Papa in questa cerimonia di inaugurazione del nuovo anno giudiziario sono forti e chiare. Per fare chiarezza, spiega infatti Bergoglio, la Santa Sede "ha alimentato rapporti di cooperazione e condivisione di politiche ed iniziative di contrasto, creando presidi interni di sorveglianza e di intervento capaci di effettuare severi ed efficaci controlli". Risultato: "Recentemente sono state portate alla luce situazioni finanziarie sospette, che al di là della eventuale illiceità, mal si conciliano con la natura e le finalità della Chiesa, che hanno generato disorientamento e inquietudine nella comunità dei fedeli". Certo, resta fermo "il principio della presunzione di innocenza delle persone indagate". Ma un primo "dato positivo è che proprio in questo caso, le prime segnalazioni sono partite da Autorità interne del Vaticano, attive, sia pure con differenti competenze, nei settori della economia e finanza". E questo "dimostra efficacia e l’efficienza delle azioni di contrasto, così come richiesto dagli standard internazionali". La strada imboccata, quindi, non verrà abbandonata. Al contrario: "La Santa Sede è fermamente intenzionata a proseguire nel cammino intrapreso" nella lotta agli illeciti finanziari, "non solo sul piano delle riforme legislative, che hanno contribuito ad un sostanziale consolidamento del sistema, ma anche avviando nuove forme di cooperazione giudiziaria sia a livello di organi inquirenti che di organi investigativi, nelle forme previste dalle norme e dalla prassi internazionale". Il lavoro sarà complesso e faticoso, quindi il Papa raccomanda tre virtù cardinali: fortezza, prudenza e temperanza. Nelle sue stesse parole la spiegazione: "La giustizia da sola non basta, ha bisogno di essere accompagnata". La prudenza, infatti, "ci da’ la capacità di distinguere il vero dal falso e ci consente di attribuire a ciascuno il suo". La temperanza "come elemento di moderazione ed equilibrio nella valutazione dei fatti e delle situazioni ci rende liberi di decidere in base alla nostra coscienza". Infine, la fortezza "ci consente di superare le difficoltà che incontriamo, resistendo alle pressioni ed alle passioni". Fortezza e poi ancora fortezza: "In special modo a voi può esservi di aiuto nella solitudine che spesso sperimentate nel prendere delle decisioni complesse e delicate". Aggiunge il pontefice: "Per favore, non dimenticate che nel vostro impegno quotidiano vi trovate spesso di fronte a persone che hanno fame e sete di giustizia, persone sofferenti, talora in preda ad angosce e disperazione esistenziale". Fame e sete di giustizia, là dove si rischia di far crescere il disorientamento nella Chiesa. 

 





Sciopero della scuola anticipato al 6 marzo per l’indisponibilità del ministro Azzolina

 

E’ stato anticipato al 6 marzo lo sciopero della scuola indetto dai maggiori sindacati per difendere i diritti dei precari e protestare contro il mancato rispetto degli accordi sottoscritti con il Governo in tema di abilitazioni, reclutamento e contratto. "La decisione di anticipare la data della mobilitazione, inizialmente prevista per il 17 marzo - spiega Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Federazione Gilda-Unams - è dettata dall’urgenza e dalla gravità della posta in ballo e dalla totale chiusura dimostrata dalla ministra Azzolina che, invece di ricucire il dialogo con le organizzazioni sindacali preme sull’acceleratore per affrettare la pubblicazione dei bandi di concorso attualmente all’esame del CSPI". "Se dall’Amministrazione non arriverà alcuna risposta concreta, - conclude Di Meglio - lo sciopero del 6 marzo sarà soltanto il primo atto di una lunga mobilitazione". Lo sciopero era stato inizialmente annunciato per il prossimo 17 marzo.





Effetto Corona Virus, recuperato un ’tesoretto’ da 300 mln per le imprese

Il governo ha recuperato “un tesoretto complessivo di circa 300 milioni di euro” che sarà impiegato per sostenere “tutto il mondo imprenditoriale italiano che potrebbe essere colpito dagli effetti” dell’epidemia di coronavirus. Lo ha detto oggi il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, annunciando anche la prossima convocazione alla Farnesina di “una riunione straordinaria con tutte le imprese interessate per fare il punto sulla situazione”. Parlando alla stampa all’aeroporto di Pratica di Mare, dove ha accolto il 17enne Niccolò, evacuato dalla città cinese di Wuhan, focolaio dell’epidemia, il ministro ha tenuto a rimarcare che “l’attenzione verso l’epidemia del coronavirus rimane massima non solo dal punto di vista sanitario, ma anche sul piano economico e commerciale”. “Per questo motivo – ha aggiunto – nei giorni scorsi abbiamo recuperato un tesoretto complessivo di circa 300 milioni di euro da parte dell’Agenzia per il commercio estero per supportare tutto il mondo imprenditoriale italiano che potrebbe essere colpito dagli effetti di questa epidemia”. Si tratta di “un primo passo a cui ne seguiranno altri”, ha precisato. Di Maio ha quindi annunciato che “nei prossimi giorni convocheremo una riunione straordinaria alla Farnesina con tutte le imprese interessate, incluse le principali organizzazioni come Confindustria, per fare il punto sulla situazione, individuare insieme esigenze e necessità, e studiare insieme l’individuazione di mercati già maturi dove imprimere una forte accelerazione alle nostre esportazioni”. Di Maio ha ricordato che l’export “rappresenta oltre il 30% del nostro Pil e quando le imprese subiscono di una crisi, ne risente il lavoro in Italia”.

 





16enne dimessa dall’ospedale torna a casa e muore. Ispettori del ministero della salute nel viterbese

 

Una 16enne, Aurora Grazini, è stata trovata morta nel suo letto dai genitori a Montefiascone (Viterbo). Sembra che la ragazza accusasse da una decina di giorni problemi di salute legati a perdita di peso. In seguito a un malore. Nella giornata di venerdì era ricorsa alle cure ospedaliere, ma dopo poche ore sarebbe stata dimessa. La Procura di Viterbo ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha inviato una task force di ispettori del ministero all’Ospedale di Belcolle dove la 16enne si era recata ed era poi stata dimessa poche ore prima di morire.





Il M5S torna a respirare la piazza. In tanti alla manifestazione contro i vitalizi

 

Il MoVimento è ritornato in piazza a Roma ripartendo dalle radici della battaglia anticasta, ovvero contro i vitalizi dei parlamentari. Un elisir di giovinezza, ma due governi e un capo politico dopo, subìto il flop in Emilia Romagna, c’è più di qualche ruga sul volto dei cinquestelle. Ad aprire la kermesse il nuovo Capo politico pro tempore, Vito Crimi:  “Qualcuno ci ha dato per finiti, in fase di sfinimento, e pensava di potersi riprendere quello che gli abbiamo tolto ma non hanno fatto i conti con i cittadini. Stiamo dimostrando che quello che abbiamo fatto non si tocca, nessuno deve permettersi di toccare risultati raggiunti”. Crimi ha chiamato sul palco Sara e David, i due attivisti che hanno lanciato attraverso il web la mobilitazione di oggi: “Sono il simbolo del riscatto, della rinascita, lavorare insieme uniti ci fa vincere le nostre battaglie. Loro hanno lanciato questa manifestazione in rete e insieme a loro abbiamo potuto realizzare tutto questo”, ha detto il capo politico. “Ci siamo – ha detto Sara – non è vero che siamo morti. La piazza è la nostra casa e da qui ripartiremo forti tutti insieme”. Crimi ha fatto sapere che sono stati “novanta i pullman arrivati da tutta Italia: una partecipazione così l’avevamo un po dimenticata ma ci avete fatto ricordare quale è la passione e l’entusiasmo che ci ha portato in Parlamento. Ringraziamo tutti quelli che hanno organizzato, i facilitatori, è la prima prova sul campo del rilancio del Movimento. Il paese ha bisogno di M5s perché non si fermi la rivoluzione gentile. Qualcuno dice che abbiamo dei toni moderati, saremo anche moderati nei toni ma non nell’anima”.





Niccolò negativo al test sul Corona Virus. Le sue condizioni di salute sono ottime

 

"Il test al Coronavirus effettuato presso l’INMI Spallanzani su Niccolò il ragazzo italiano rimpatriato questa mattina dalla Cina è risultato negativo. Il giovane completerà ora il periodo di ricovero in isolamento". E’ quanto si legge nel Bollettino diffuso nel tardo pomeriggio dalla Direzione sanitaria dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma. Il ragazzo di 17 anni di Grado, Niccolò, bloccato a Wuhan per due volte a causa della febbre, era arrivato in Italia con un volo dell’Aeronautica militare. Ad accogliere il giovane, oltre alla sua famiglia, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Dopo lo sbarco e i controlli, Niccolò è stato trasferito allo Spallanzani per la quarantena. A bordo ha viaggiato anche il vice ministro della Salute Pierpaolo Sileri, assieme a medici ed infermieri.





Confimprese Caserta, stabilito il ponte con Bassora. Marandola: "Il know how casertano diventerà patrimonio in Iraq".

Confimprese Caserta, stabilito il ponte con Bassora. Marandola: "Il know how casertano diventerà patrimonio in Iraq".

In corso ulteriori contatti con esponenti di  aree industriali del Golfo Persico

 

L’annunciato viaggio di contatto tra Confimprese Caserta ed i rappresentanti del Protettorato di Bassora è stato un vero successo.

Come comunicato, il presidente di Confimprese Caserta Ivan Marandola si è recato in Iraq per incontrare le istituzioni di Bassora, i dirigenti del governatorato ed i vertici del Ministero dell’Energia dell Iraq.

Quatto giorni fitti di incontri finalizzati alla realizzazione e allo sviluppo dei rapporti commerciali tra le aziende associate a Confimprese Caserta e le esigenze territoriali del governo iracheno.

"Sono ampiamente soddisfatto - commenta il presidente di Confimprese Caserta -  dell’ accoglienza e dell’ospitalità riservataci dagli enti pubblici e privati e dai vertici governativi di Bassora, ma sono  ancora più entusiasta per tutte le iniziative imprenditoriali che nasceranno e per il trasferimento del nostro  Know how che diventerà patrimonio sinergico del territorio. Di volta in volta poi vi comunicheremo quali saranno le iniziative messe in campo, frutto di questo meeting.

E sono in corso ulteriori contatti con esponenti di altre aree e zone industriali del Golfo Persico per esplorare condizioni di fattibilità imprenditoriale e di interesse per le imprese associate a  Confimprese.

"Il nostro 2020 è iniziato con lo sguardo rivolto al futuro - precisa Piero Monaco, Segretario Generale Confimprese Caserta - infatti non è questo l’unico evento che accompagnerà il cammino progettuale della nostra associazione. Le aziende che si associano a Confimprese devono sapere che sono già inserite in un circuito di iniziative e progettualità tutte tese al miglioramento, all’empowerment del mercato e della forza lavoro.

Abbiamo già in cantiere un programma fitto di novità a partire dal mese di marzo che annunceremo a breve".