#Covid-19: inviato in Bielorussia primo lotto vaccino russo

 

Un primo lotto del vaccino russo contro il coronavirus, denominato Sputnik V, è stato mandato in Bielorussia per procedere con le sperimentazioni in ambito clinico. A riferirlo è il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF), finanziatore dello sviluppatore del vaccino, precisando che è la prima consegna effettuata all’estero, e che il vaccino sarà somministrato ai volontari a partire da giovedì 1 ottobre. La decisione russa di procedere con la produzione del vaccino in anticipo rispetto ai test della "terza fase" è stata oggetto di critiche da parte degli esperti, secondo i quali la Russia ha usato un criterio non etico e insensato, e da parte dell’Oms, secondo cui è necessario innanzitutto portare a termine tutti i test, per poi procedere con la produzione.





USA: Mike Pompeo in arrivo in Italia

 

 

Il Segretario di Stato USA Mike Pompeo giungerà domani in Italia, per la seconda tappa del giro di visite iniziato oggi in Grecia, che proseguirà in Croazia. L’arrivo di Pompeo all’Aeroporto Militare di Ciampino (RM), è previsto per la giornata di domani. Nella stessa giornata, Pompeo avrà un primo incontro, in Vaticano, con il Cardinale Pietro Parolin, mentre per mercoledì è previsto un incontro con il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e con il Ministro agli Affari Esteri, Luigi Di Maio.




#Covid-19: Berlusconi ancora contagiato, rinviato il terzo processo sul Caso Ruby

 

Il Presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, è ancora contagiato dal Covid-19, per cui gli avvocati hanno fatto richiesta che il processo Ruby Ter sia rinviato. Richiesta accolta dal Tribunale di Milano, che ha ammesso il legittimo impedimento per ragioni di salute e spostato l’udienza al prossimo 19 ottobre, ma è necessario che l’ex premier sia negativo ai due tamponi per il coronavirus. Nel processo, Berlusconi e altre 28 persone sono accusati di corruzione in atti giudiziari.




Papa Francesco all’Ispettorato Vaticano: "Ammiro la pazienza che esercitate nel dover trattare con i preti"

 

"Cari Funzionari e Agenti, vi ringrazio tanto per il vostro prezioso servizio, caratterizzato da solerzia, professionalità e spirito di sacrificio. Soprattutto ammiro la pazienza che esercitate nel dover trattare con persone di provenienze e culture diverse... e mi permetto di dire: nel dover trattare con i preti!". E’ quanto ha detto Papa Francesco, ricevendo in udienza i membri dell’Ispettorato Pubblica Sicurezza Vaticano, di cui ricorrono i 75 anni dalla fondazione. Il riferimento ai preti ha suscitato l’ilarità di alcuni presenti. "Pur nel mutare degli scenari nazionali e internazionali e delle esigenze di sicurezza, non è cambiato lo spirito con cui gli uomini e le donne dell’Ispettorato hanno attuato la loro apprezzata opera", ha continuato. "La mia riconoscenza - ha aggiunto Francesco - si estende anche al vostro impegno di accompagnarmi durante gli spostamenti a Roma e nelle visite a diocesi o comunità in Italia. Un lavoro difficile, che richiede discrezione ed equilibrio, per far sì che gli itinerari del Papa non perdano il loro specifico carattere di incontro col Popolo di Dio. Per tutto questo, ancora una volta vi sono grato".





Incidente di Corso Francia, il Pm chiede 5 anni per Genovese

 

E’ stata avanzata, da parte del Pubblico Ministero del Tribunale di Roma, la richiesta di condannare Pietro Genovese a 5 anni di carcere, accusato di omicidio stradale per l’incidente avvenuto a dicembre in Corso Francia, che è costata la vita alle due sedicenni Gaia e Camilla. "Non ho visto le due ragazze. Ricordo di essermi fermato al semaforo e di essere ripartito con il verde. Non volevo uccidere nessuno, nè volevo scappare. La mia vita è distrutta", ha dichiarato Genovese.




Ragazze uccise a Corso Francia, parla la madre di Camilla: “Da Genovese una recita”

 

“Sono molto delusa dalle dichiarazioni di Genovese, sembrava una recita. Lui era indifferente a quello che è successo”. Lo ha detto la mamma di Camilla, la signora Cristina Romagnoli, la ragazza investita ed uccisa insieme Gaia Von Freymann la notte tra il 21 ed il 22 dicembre scorsi. La donna, accanto all’avvocato Cesare Piraino, trattenendo a stento le lacrime, ha detto: “Genovese ha detto delle assurdità, come quella di essersi fermato. Di non averle viste. Al di là del ‘sono affranto’, non ci ha detto altro. Non si è mai girato verso di noi, che eravamo in aula. Sembrava un copione letto e imparato a memoria. Non ha mai chiesto perdono”. Il legale ha poi aggiunto: “Il giovane a nostro parere ha detto delle cose false, che non stanno in piedi. Ci aspettavamo un intervento molto diverso”. Nei confronti di Genovese il pubblico ministero in sede di requisitoria, oggi, ha chiesto 5 anni di pena. 

 





Attivata dal Mise la piattaforma "Strategia digitale"

 

E’ attiva, sul sito del Mise, la piattaforma "Strategia digitale - Laboratorio per il futuro", che riunisce progetti e argomenti inerenti le politiche digitali "promosse dal Mise in ambito di tecnologie emergenti, banda ultralarga, innovazione e trasformazione digitale". In questo modo, precisa il Ministero, "si inaugura una importante sinergia tra i progetti ’Ultranet’ di Unioncamere e ’Crescita digitale in Comune’ di Ali", le Autonomie locali italiane, "con il coordinamento strategico di Infratel, per promuovere l’accelerazione dei lavori della rete in fibra per mezzo di roadshow mirati e maratone digitali. Questi progetti puntano inoltre a favorire la conoscenza e la diffusione della banda ultralarga tra i cittadini mediante iniziative specifiche di comunicazione digitale, tra cui il lancio di una mini-webserie". Lo stesso Ministero ha, inoltre, annunciato l’avvio di una chiamata pubblica rivolta ad esperti per realizzare un Libro bianco inerente il ruolo della comunicazione nella trasformazione digitale, voluto dallo stesso Mise e dal Ministero per la Funzione Pubblica, "che mira ad approfondire il valore strategico della comunicazione come volano di innovazione digitale a livello pubblico e privato". "Questi progetti a trazione digitale rappresentano importanti iniziative sinergiche per il raggiungimento degli obiettivi di innovazione e trasformazione digitale del paese. L’obiettivo - ha detto, in merito, la Sottosegretaria delegata alle politiche digitali, Mirella Liuzzi - è fornire un quadro unitario delle iniziative di politica digitale in favore di imprese e cittadini in modo da garantire adeguata diffusione e visibilità ai progetti e valorizzare allo stesso tempo gli sforzi messi in campo dal ministero".





Nel Lazio 211 nuovi contagi da Covid-19 e 73 sono nella Capitale

 

“Su circa 8 mila tamponi oggi nel Lazio si registrano 211 casi e tre i decessi, di questi 73 casi sono a Roma”. Così l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, spiegando che si è “concluso lo screening all’istituto E.Mattei di Cerveteri con 466 test rapidi antigenici effettuati e si registrano tre casi positivi immediatamente isolati e sottoposti al tampone molecolare per la conferma, avviata l’indagine epidemiologica. Avviate le procedure di screening anche presso il liceo Manara di Roma dove proseguiranno anche nella giornata di domani e all’istituto Martino Filetico di Ferentino (FR). Abbiamo dato mandato alle Asl di procedere con gli screening negli istituti del loro territorio dando la priorità a quegli istituti dove si siano registrati dei casi di positività. Rimodulata la rete ospedaliera per un totale di 1.127 posti letto dei quali 866 di ricovero ordinario e 261 di terapia intensiva e semi-intensiva. Siglato l’accordo con Anisap, Aiop, Unindustria e Federlazio per l’esecuzione dei test antigenici basati sull’identificazione degli antigeni del virus Sars CoV-2 alle strutture private alla tariffa massima al pubblico di 22 euro con l’impegno di pubblicarla sul sito Salute Lazio. Un accordo importante che consentirà di ampliare l’attività di testing ad una tariffa calmierata e nella massima trasparenza. Stimiamo – dice- che l’accordo coinvolga la medesima platea dei laboratori che eseguono già i test sierologici ovvero circa 200. Sul vaccino antinfluenzale sono in consegna alle Asl un milione di dosi. Nella Asl Roma 1 sono 29 i casi nelle ultime 24h e di questi sono quindici i casi con link familiare o contatto di un caso già noto e isolato e quattro casi con link ad un cluster noto dove è in corso l’indagine epidemiologica. Nella Asl Roma 2 sono 40 casi nelle ultime 24h e tra questi sette sono i contatti di casi già noti e isolati, cinque individuati su segnalazione del medico di medicina generale. Nella Asl Roma 3 sono 4 i casi nelle ultime 24h e si tratta di un contatto di un caso già noto e isolato. Nella Asl Roma 4 sono 6 i casi nelle ultime 24h e si tratta di cinque contatti di casi già noti e isolati e un caso individuato dal medico di medicina generale. Nella Asl Roma 5 sono 26 i casi nelle ultime 24h e si tratta di quattrodici contatti di casi già noti e isolati, un caso individuato al test sierologico e uno in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl Roma 6 sono 56 i casi nelle ultime 24h e si tratta di nove contatti di casi già noti e isolati e trentanove casi con link al focolaio in casa di riposo Villa Maria di Rocca di Papa, individuato grazie ad una attività di verifica a campione predisposta dalla Asl. E’ necessario che vengano meticolosamente rispettate tutte le procedure e i protocolli operativi per l’accesso in RSA e case di riposo. Nelle province si registrano 50 casi e un decesso nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono ventiquattro i casi e si tratta di due casi di rientro dalla Lombardia, due dal Trentino e sedici sono i contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Frosinone si registrano tredici casi e sono contatti di casi già noti e isolati. Nella Asl di Rieti si registrano dieci casi e si tratta di sei contatti di casi già noti e isolati e due casi individuati in fase di pre-ospedalizzazione. Nella Asl di Viterbo si registrano tre casi e si tratta di contatti di casi già noti e isolati. si registra un decesso” conclude.





Scuola, il 22 ottobre concorso straordinario per 22mila docenti precari

 

Inizierà il 22 ottobre il concorso straordinario per la scuola da 32mila posti riservato ai docenti precari (di medie e superiori) con 3 anni di servizio: le prove andranno avanti almeno fino a metà novembre. Lo scrive il Sole 24 Ore, spiegando che le date saranno pubblicate domani in Gazzetta ufficiale e che la prova si svolgerà naturalmente nel rispetto di particolari misure anti-Covid (divieto di ingresso a chi avrà più di 37,5 di febbre o una sintomatologia respiratoria in atto ed esclusione delle persone eventualmente in quarantena).





Vaccino antinfluenzale a due persone su tre

 

In vista della vaccinazione antinfluenzale – che secondo il Ministero della Salute quest’anno, per ridurre il sovraccarico del Servizio Sanitario Nazionale legato all’emergenza coronavirus, è raccomandata “per tutti i soggetti a partire dai 6 mesi di età che non hanno controindicazioni al vaccino”, con offerta attiva e gratuita per alcune categorie di popolazione a rischio – la maggior parte delle Regioni non dispone di scorte adeguate a soddisfare la domanda e alcune non possono garantire il 75% di copertura alle categorie a rischio: per 2 persone su 3 non c’è disponibilità in farmacia.

È quanto sostiene la Fondazione GIMBE che, spiega Renata Gili, coordinatrice del progetto di monitoraggio dell’influenza stagionale, “ha condotto un’analisi indipendente con l’obiettivo di mappare le scorte regionali di vaccino antinfluenzale, valutare la potenziale copertura per le categorie a rischio e stimare la disponibilità di dosi per la popolazione generale”.

“La vaccinazione antinfluenzale – afferma Nino Cartabellotta, presidente della fondazione – oltre a ridurre le complicanze dell’influenza stagionale e contenere l’eccesso di mortalità, quest’anno ha un obiettivo strategico di salute pubblica: ridurre il numero di persone sintomatiche che rischiano di sovraccaricare i servizi sanitari territoriali e i pronto soccorso. Questo obiettivo, tuttavia, richiede una copertura vaccinale molto ampia anche nelle fasce non a rischio che, di fatto, includono la maggior parte dei lavoratori ai quali è affidata la ripresa economica del Paese”.

A fronte delle preoccupazioni sull’indisponibilità di vaccino antinfluenzale nelle farmacie, l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha rassicurato che oltre 17 milioni di dosi acquistate dalle Regioni rispondono ampiamente al fabbisogno, visto che nella stagione precedente ne sono state distribuite 12,5 milioni con una copertura del 54,6% negli over 65.

“Se questo aumento delle scorte – spiega Cartabellotta – permetterà di estendere le coperture vaccinali nelle categorie a rischio, è molto difficile stimare l’incremento di domanda della popolazione generale, maggiormente sensibilizzata alla vaccinazione anche dei datori di lavoro, preoccupati che lo sviluppo di sintomi influenzali da parte dei loro dipendenti possa paralizzare le attività produttive”.

Al momento le Regioni hanno ceduto alle farmacie l’1,5% delle dosi acquistate (circa 250.000), prevedendo di ampliare tale dotazione se nel corso della campagna dovessero rendersi disponibili altre dosi. Federfarma ha annunciato che nelle farmacie arriveranno dall’estero oltre un milione di dosi.





#Covid-19, Provenzano: "Rischiamo di arrivare a fine anno con 800mila occupati in meno”

 

 

"Rischiamo di arrivare a fine anno con 600-800mila posti di lavoro in meno al Sud, lo dice lo Svimez" e gli effetti del coronavirus "sul piano sociale rischiano di essere maggiori nelle aree meno sviluppate del Mezzogiorno, soprattutto in termini di occupazione". Lo ha detto il Ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, nel corso dell’audizione in Senato davanti alle Commissioni Politiche e Bilancio Ue, in merito alle Proposte circa le Linee Guida sul Piano Nazionale per il Recovery Fund.





Agricoltura in ginocchio, danni per milioni di euro. La denuncia di Coldiretti

 

 

L’ondata di maltempo che sta investendo l’Italia sta distruggendo le campagne, sono state riscontrate lesioni su abitazioni rurali, allagamenti in campi e stalle, sradicamenti di piante e serre, oltre alla distruzione di raccolti di riso, frutta e ortaggi e lo sfiorimento di vigneti e uliveti, con danni per le imprese agricole, che hanno perso un anno di lavoro, valutati nell’ordine di milioni di euro. Lo riferisce la Coldiretti. "I cambiamenti climatici - dichiara la Confederazione - hanno fatto esplodere il pericolo idrogeologico su un territorio indebolito da cementificazione e abbandono". Il pericolo di frane e alluvioni coinvolge il 91,3% dei Comuni italiani.





Lagarde (Bce) avverte: “L’impatto della pandemia colpisce le imprese e le persne perdono il lavoro”

  

“L’impatto della pandemia si sta facendo ancora sentire nell’area euro: le imprese fronteggiano difficoltà, le persone perdono il lavoro e le prospettive sul futuro restano incerte”, ha affermato la presidente della Bce, Christine Lagarde al Parlamento europeo.

“Sebbene l’attività economica abbia segnato un rimbalzo nel terzo trimestre – ha detto – la ripresa resta incompleta, incerta e diseguale. La spese per consumi si sono riprese in maniera significativa, ma i consumatori restano cauti a causa dell’apprensione sulle loro prospettive di lavoro e reddito”.

“Analogamente – ha proseguito Lagarde – gli investimenti delle imprese sono risaliti, ma la debolezza della domanda e l’elevata incertezza continuano a pesare sui piani di investimenti delle aziende”.

In questo contesto, gli schemi di salvaguardia dei posti di lavoro, come la Cassa integrazione e le garanzie pubbliche sui prestiti bancari “restano di importanza cruciale – ha avvertito – per ridurre l’incertezza e l’impatto cella crisi pandemica”.




Metro B: chiudono stazioni di Castro Pretorio e Policlinico

 

Proseguono i lavori per la sostituzione di 48 impianti, fra scale mobili, ascensori e tappeti mobili distribuiti in dieci stazioni della linea B della metropolitana. Si tratta di impianti arrivati a fine vita tecnica, avendo raggiunto il limite trentennale di utilizzo, e che quindi devono essere integralmente sostituiti con impianti di nuova costruzione. Ciò consentirà di avere impianti di ultima generazione nelle stazioni della metro B interessate dagli interventi, con evidente giovamento per il servizio e per i viaggiatori. E’ quanto riferisce Atac in una nota. 

I lavori sono già stati avviati dall’impresa incaricata nelle stazioni Bologna, Tiburtina, Monti Tiburtini, Quintiliani e S.Maria del Soccorso. Adesso il cantiere verrà aperto nella stazione Castro Pretorio, e successivamente a Policlinico, che date le differenti strutture degli impianti, secondo la normativa vigente sugli esodi in sicurezza, necessitano di chiusura di alcuni mesi per consentire smontaggio, rimontaggio e collaudi di ogni elemento. Castro Pretorio verrà chiusa al pubblico dal prossimo lunedì 5 ottobre. Policlinico verrà chiusa a partire dal prossimo 29 novembre.




Onorati (Regione Lazio): “Quasi 13 milioni del Psr pagati alle imprese”

 

“Ammontano a 12.963.728,13 euro i nuovi decreti di pagamento Agea dati alle imprese del Lazio, che hanno partecipato alle misure per lo sviluppo e gli investimenti nelle aziende agricole, i servizi di rinnovamento, l’agricoltura biologica e il benessere animale del Programma di Sviluppo Rurale del Lazio”. 

“Una importantissima immissione di liquidità per 1131 imprese, in un momento storico unico, durante il quale sia le strutture regionali che Agea – l’ente pagatore del nostro Programma di Sviluppo Rurale – non si sono mai fermate per sostenere il settore agricolo e agroalimentare della nostra regione. Abbiamo, infatti, lavorato e stiamo lavorando su un doppio fronte: da un lato la riprogrammazione inevitabile del nostro PSR, a causa dell’emergenza covid, e dall’altra una necessaria accelerazione amministrativa dei decreti di pagamento. Devo ringraziare tutte le strutture, regionali e nazionali, per la dedizione e l’impegno profusi, che oltre alle nuove immissioni di liquidità sul territorio, hanno permesso di raggiungere il 3 settembre l’obiettivo di spesa di 444 milioni di euro, che dovevamo completare entro il 31 dicembre 2020. Un traguardo importante e prezioso, nonostante il lockdown imposto dalla pandemia e che ci consentirà di predisporre agevolmente gli step successivi per il completamento dell’attuazione del nostro PSR”. 

L’Unione Europea, al fine di monitorare e verificare l’attuazione di quanto programmato dalle diverse autorità di gestione, controlla che le risorse allocate nel piano finanziario del PSR – per ciascun anno successivo al primo (dal 2015 al 2020) – vengano spese entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di riferimento (cd. regola N+3). 

Lo dichiara in una nota l’Assessore agricoltura, promozione della filiera e della cultura del Cibo, ambiente e risorse Naturali della Regione Lazio, Enrica Onorati




Roma Capitale assicura pieno sostegno ai nidi in convenzione

 

Con l’obiettivo di sostenere i servizi e tutelare i lavoratori dei nidi convenzionati con Roma Capitale, l’Amministrazione Capitolina ha stanziato risorse aggiuntive per l’avvio del nuovo anno educativo 2020-2021. 

In particolare, spiega una nota, l’impegno economico dell’Amministrazione consentirà ai gestori di adeguare il servizio alla normativa nazionale e regionale in materia Covid e garantire un servizio di qualità in sicurezza per i lavoratori e le bambine e i bambini, come già Roma Capitale garantisce nelle proprie strutture a gestione diretta. 

L’iniziativa amministrativa, nata dall’ascolto e dalla condivisione delle difficoltà e istanze espresse dai rappresentanti dei nidi convenzionati durante una serie di incontri tenuti nei mesi estivi presso il Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici di Roma Capitale, come da accordi tra le parti è stata comunicata ufficialmente alle singole strutture educative immediatamente prima dell’avvio del nuovo anno educativo, all’interno di un primo documento integrativo, valido per il periodo emergenziale ed in via di perfezionamento con costanti interlocuzioni con i gestori, che è stato inviato insieme alla bozza di convenzione per l’anno in corso. 

La convenzione, come da prassi consolidata, sarà firmata dalle parti entro i primi mesi dell’anno educativo. 

L’Amministrazione Capitolina sottolinea la gravità delle notizie false che sono state invece diffuse da parte di alcuni gestori, insieme all’azione scorretta di disinformazione diretta in queste ore ai genitori che frequentano i servizi convenzionati. Un’azione, questa, dannosa per le stesse famiglie e lesiva dell’immagine dell’Amministrazione, che Roma Capitale tutelerà in ogni sede.





Diminuiscono i tamponi (51mila) e calano anche i casi di contagio (1.494). Le vittime sono 16

 

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1.494 nuovi casi di coronavirus in Italia, 272 meno di ieri ma con soli 51mila tamponi, oltre 36mila in meno rispetto a sabato. Il totale complessivo dei contagiati, comprese le vittime e i guariti, sale a 311.364. Stabile l’incremento dei morti: 16 in un giorno, uno in meno rispetto agli ultimi due giorni. Tra le regioni, quella con il maggior numero di nuovi casi è la Campania (+295) seguita dal Lazio (+211) e dal Veneto (+183). Nessuna regione fa registrare zero casi.