HTTPS: on
Ore 12
Libano, una piccola tassa su Whatsapp scatena la folla che si ribella a corruzione e carovita

Una piccola tassa che ha innescato una scintilla che ha provocato l’incedio nel Libano. Un balzello su Whatsapp e migliaia di persone infuriate in strada per chiedere la caduta del regime. Il Libano è a ferro e fuoco in molte città del Paese, compresa la capitale Beirut. Il premier Saad Hariri è apparso in tv per annunciare che ha bisogno di tre giorni di tempo per capire cosa fare con i suoi colleghi, i ministri di un governo di "unità nazionale".  In maniera compatta il Libano è sceso in piazza in tutte le città e le regioni del Paese per dire "basta!" all’intero sistema politico-confessionale. E’ una mobilitazione "trasversale", che sembra andare oltre le tradizionali divisioni confessionali e le trincee ideologiche, e che esprime una profonda carenza dei servizi essenziali e delle infrastrutture di base. La prima scintilla si era avuta quando la notizia di una nuova tassa - questa volta sull’uso di Whatsapp - aveva scatenato la rabbia di migliaia di persone, provenienti per la maggior parte dalle zone più depresse di Beirut. A gran voce i manifestanti scandiscono lo slogan delle proteste arabe del 2010 e 2011: "il popolo / vuole / la caduta del regime!".


Nell’esecutivo ci sono quasi tutte le sigle politiche, inclusa quella del movimento sciita filo-iraniano Hezbollah, solitamente mai preso di mira dalle proteste per il carovita.  Ma questa volta, a Beirut e nelle altre regioni, anche i deputati del Partito di Dio sono caduti nel mirino dei manifestanti. "Si devono dimettere tutti! E quando diciamo tutti intendiamo tutti!", hanno detto diversi attivisti nel sud del
paese. "Non ce ne andremo fino a quando i ladri al potere non lasceranno le poltrone!", è il ritornello ripetuto in tutte le piazze, da Tripoli a Sidone, dalla Bekaa al Monte Libano, dalla costa a Jezzine.


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*
Meteo
Borsa
Camera dei Deputati
Guida TV